08 lug 2011

Inciviltà e auto-amministrazione a Porticello


Siccome la mamma dei cretini è sempre in cinta e viaggia, ci spingiamo appena fuori Palermo per leggere ulteriori testimonianze di come gran parte dei nostri mali sono dovuti a noi stessi:

Salve a tutti!

So che qui trattate in particolar modo l’aerea palermitana, ma spero ugualemente che presterete attenzione a quanto sto per comunicarvi. In particolare, volevo parlare dello stato in cui si presenta in questi giorni, tutti gli anni, Largo Santa Nicolicchia, (Porticello – Santa Flavia) tanto amato dai porticellesi di tutte le età, quanto contaminato, sfruttato e abbandonato a se stesso.

In quanto proprietario di una pizzeria, e a nome di tutti i residenti esasperati, sono costretto ad assistere ogni santo giorno a spiacevolissime situazioni, e visto che qui si tratta anche di particolari interventi intrapresi dai cittadini, spero di non andare fuori tema.

Possibile che tutti i giovani (dai 6 ai 20 anni) che usufruiscono dello specchio d’acqua della “Punta”, siano così incivili, irrispettosi, maleducati e quanto altro dir si voglia?.

La situazione è pessima e incontrollabile. Fino a ieri, come è mia abitudine, con scopa e paletta nelle mani, ho ripulito la qualunque, in rispetto innanzitutto del mio locale ma anche della clientela che ci arriva da tutta Italia(senza esagerare: Torino, Genova, Bari, Bolzano, Milano, Roma e Napoli) incantata dalle bellezze del luogo, (abbiamo sentito frasi del tipo: “è un paradiso”) ma deluse dal disordine, dalla carenza di pulizia e dal cattivo odore.

Come è possibile rovinare quella che potrebbe diventare la più importante risorsa per il paese, il turismo?. E’ assurdo e impensabile che l’amministrazione comunale ci dimentichi, che se ne frega della zona più suggestiva di Porticello, per non parlare dell’assoluta invisibilità della vigilanza urbana.

Ricordiamoci sempre che questi turisti vengono ancora grazie alla pubblicità gratuita di “Agrodolce”. Immaginate la gente che ha visto le nostre meraviglie in tv, come pensate che ci rimangono quando constatano che non è affatto come sembra? Secondo voi, l’anno prossimo torneranno se hanno visto che niente va per il verso giusto?.

Così, muniti di buona volontà e senso civico, d’accordo anche con altri residenti del rione, abbiamo organizzato addirittura una pulizia straordinaria del fondale del porticciolo, recuperando rifiuti speciali di ogni genere e grandezza, incaricando un giovane pescatore, che pagheremo con le nostre tasche!!!!

Non che ci dispiaccia, ma dov’è il comune?? Esiste?? Possibile che dobbiamo pensare a tutto noi? Non riusciremo mai a risolvere la questione senza cominciare a sensibilizzare i giovani, cominciando anche dai più piccoli che già sono autonomi e dei veri e propri vandali. Abbiamo ricorso ad alcuni cartelli, appesi nei punti strategici, per cercare di farli ragionare (per quel poco di cervello che hanno), con tanto di cestini e sacchetti di plastica visto che dei contenitori per i rifiuti non ce n’è traccia!

Nella speranza che si possa risolvere qualcosa passo dopo passo, concludo qui, scusandomi per lo sfogo, ma spero comprendiate la nostra indignazione e ripugnanza!

 


comune di santa flaviadegradoporticellosporcizia

9 commenti per “Inciviltà e auto-amministrazione a Porticello
  • bacillino80 87
    08 lug 2011 alle 8:22

    Ciao Antonio, noi ci conosciamo anche se poco. Hai perfettamente ragione. Ogni qualvolta vengo a Porticello, essendo residente a Solanto, mi disgusto per il semplice fatto che vedo la gente, ed in particolare i giovani, che se ne fregano altamente della pulizia e dell’amore verso il proprio paese rovinando sempre e comunque tutto.
    Tante volte ho scritto al Sindaco di Santa Flavia – Porticello che è una persona disponibilissima e credo attenta a questo tipo di problematiche. Mi ha sempre risposto in giornata per email spiegandomi (e constatandolo io stesso) che loro intervengono puntualmente rimuovendo immondizia e rifiuti in aree che la gente utilizza come piccole discariche personali, ma puntualmente dopo neanche un’ora c’è già qualche BESTIA che va a scaricare rifiuti non curante di ordinanze comunali.
    Ci vuole cominciare dalle scuole, spiegando ai bambini che sporcare equivale a non amarsi. Ma come si fa se poi a casa hanno degli esempi a dir poco osceni???
    Ti faccio un esempio. Uscendo dall’uscita autostradale di Bagheria e prendendo la strada per Baucina ci sono delle vere e proprie discariche lunghe anche 20 metri che settimanalmente la ditta rimuove con le ruspe. Sai che i fruttivendoli, i pescivendoli e tanta gente comune preferisce prendere la macchina farsi 4km e andare a buttare rifiuti puzzolenti li sopra (dove comunque la gente abita) e rendendo quei posti uno schifo?? Questo è inammissibile.
    Spero che Porticello possa risollevarsi e che diventi ancora più carina non appena verrà riqualificato il porto cosi come è avvenuto per San Nicola L’arena…
    Anzi chiediamo a voi che siete sempre informatissimi.. Ci sono notizie su questo progetto e sulla sua applicazione??
    A presto
    RAOUL SAMPIERI

  • tonio.fiorino 0
    08 lug 2011 alle 8:37

    secondo me l`approccio immondizia-degrado-incivilta` non funziona e non puo` funzionare!!

    abbiamo un problema a monte che e` l`illegalita diffusa e tollerata che e` diventata norma con il consenso silenzioso delle amministrazioni che non vogliono vedere.
    niente riesce a fermare le discariche abusive.
    secondo me l`unico sistema che puo funzionare e` il sistema che si usa al nord europa.

    Rifiuto-Ritorno economico.. se si riuscisse a produrre piccoli centri di compostaggio, centri raccolta carta, vetro e plastica come nascono in veneto si darebbero posti di lavoro e possibilita` di ricavare da cose che si buttano soldi perche` in effetti molte delle cose che buttiamo sono risorse.

    pero` questo funziona solo se ci sono imprenditori che hanno coraggio di investire e amministrazioni che sanno di cosa stiamo parlando..non e` facile!!
    ma il problema di fondo e` l`illegalita` tollerata..finche` le forze dell`ordine non iniziano a fare il loro dovere siamo in alto mare..e questo riguarda abusivismo edilizio, inquinamento delle nostre coste, alghe tossiche e rifiuti di ogni tipo in posti meravigliosi!!

  • matteo O. 156
    08 lug 2011 alle 8:45

    Io di rado vado a fare qualche immersione in zona e prendo un passaggio in barca da li….purtroppo ho notato che alcuni pescatori gettavano tranquillamente nel fondale la qualsiasi (infatti complimenti per l’iniziativa di pulirlo voi stessi). Ho visto gettare bottiglie di plastica, cassette di legno etc…
    per non parlare di una barca passataci accanto proprio vicino alla riserva della formica che non curante di un minimo di senso civico ha scaricato tutto il suo “putridume” in acqua…e purtroppo non siamo riusciti ad identificarla, per segnalarla alla guardia costiera, perchè andava troppo veloce.

  • Vicio90 7
    08 lug 2011 alle 9:09

    Che schifo!!! l’incivilta non ha limiti,per fortuna che tra la gente menefreghista e strafottente c’è della gente che si sacrifica nel suo piccolo per migliorare la condizione di un paese,di una citta,di una regione(sicilia) che stentano a funzionare! Sono affermazioni che in quanto palermitano mi fanno molto male ma sono la pura è semplice verità. Spero di pentirmene un giorno di aver scritto questo,è vivere in una Sicilia bella come il sole!
    L’unica cosa che mi rincuora è vedere gente come te che fai dei sacrifici nel suo piccolo non indifferenti per il benedi unpaese e di un popolo.Caro antonio la gente come te andrebbe premiata se avessi i poteri ti darei l’incarico di Sindaco di vero Sindaco perchè parliamo chiaro i nostri sindaci primo tra tutti Cammarata si fa i cazzazi suoi insieme a tutti gli altri! In Sicilia e in Italia ci vuole quel rigore e quella moralità dei tempi del fascio mi dispiace dirlo ma è cosi,la corruzione dilaga incontrastata!
    P.s.Scusate per lo sfogo ma anche io ho le palle piene di una realtà ancora più grande che è quella di Palermo!

  • tonio.fiorino 0
    08 lug 2011 alle 9:20

    @ Vicio90
    capisco essere arrabiati..ma guarda che quando c`era Lui non era molto differente che adesso..solo che se sbagliavi ti menavano, ma anche se sbagliavi in senso di libero pensiero..e la corruzione era molto piu` che all`ordine del giorno, solo che noi in sicilia eravamo abituati coi caporali e le lotte partigiane non sappiamo cosa siano state..perche` siamo abbastanza vigliacchi e proni e nella vigliaccheria ci sentiamo furbi e svegli, perche` fare un qualcosa di illegale e farla franca ci stimola quel brivido del ti ho fregato cretino..
    Ci sentiamo furbi ma furbi non siamo..sigh

  • Luca 129
    08 lug 2011 alle 17:20

    Io credo che ormai la situazione ambientale nella provincia Palermitana, inclusa la citta’, e’ insostenibile. E sottolineo l’area in questione, perche’ altrove in, tantissime parti della Sicilia, la situazione e’ molto diversa.
    Queste discariche abusive ormai sono diventato un fenomeno comune, e soprattutto frequente. Si presentano sistematicamente negli stessi luoghi a distanza di poche ore dalla bonifica! Ma e’ proprio questo il punto: dobbiamo approfittare della periodicita’ di questi eventi, del fatto che probabilmente si tratta sempre delle stesse persone e degli stessi punti.
    La soluzione in tal senso e’ chiara: ARRESTO, multa iper-salata, e verifica dei meccanismi con cui certe ditte si sbarazzano dei materiali residui!

  • bacillino80 87
    08 lug 2011 alle 23:15

    Questo comporterebbe un minimo sforzo da parte delle amministrazioni. Basterebbe installare delle zone video sorvegliate per qualche giorno e multare salatamente chi deposita materiali. Dopo qualche bella multazza la gente si renderà conto e forse la smetterà. L’anno scorso in una di queste discariche ho visto …. un vitello morto!! Ma è mai possibile?
    Toccare il portafogli della gente è l’unica alternativa, sia in senso negativo che positivo.

  • Vicio90 7
    09 lug 2011 alle 11:56

    @tonio.fiorino
    Sicuramente meno di adesso,la corruzione oggi è un cancro ancora più grande e cmq sicuramente meglio prima che oggi,ti dico solo che gli americani per sbarcare in Sicilia strinsero accordi con la Mafia(nostro grandissimo problema) tanto combattuta dal Prefetto di Ferro di cesare mori ma cmq questa è un altra storia,non siamo qui per parlare di politica e storia,se ne avete voglia possiamo parlare in altra sede,ciao.

  • Antonio C. 0
    09 lug 2011 alle 13:40

    Innanzitutto vi ringrazio per aver accolto e pubblicato il mio sfogo! Ci tenevo tanto a parlarne qui, perchè vi leggo sempre sperando di trovare nei vostri racconti e segnalazioni, un pò di senso civico che tanto è carente dalle nostre parti!

    Volevo aggiornarvi sulle condizioni della zona del mio paese: dopo un paio di giorni dal medesimo sfogo sul “Giornale di Sicilia”, il Sindaco è venuto a farci visita, constatando la situazione, come se già non lo sapesse! E devo dire che dalla settimana successiva, è stata avviata una pulizia degli scogli e del tratto di strada che vi ci conduce. Tutte le mattine una donna, incaricata dal comune, viene a pulire! Anche se non mi cullerei tanto su questa buona opera, infatti stamattina ho raccolto altri rifiuti dalla spiaggetta, facendo anche la raccolta differenziata abbastanza attiva nel nostro paese!
    Come mi pare che qualcuno abbia detto in altri commenti, bisogna cominciare tutto dalle scuole, fin da piccoli bisogna sensibilizzarsi! Voi non immaginate quanti ne conoscono, e alcuni sono davvero terribili!!! Noi cerchiamo di parlarci, di farli riflettere! Quando vengono a comprare i gelati o le lattine, li invitiamo a non gettare niente a terra, ma quanto posso durare così da solo?. Spero di continuare ad avere abbastanza pazienza per lottare, cercando di far cambiare mentalità per un futuro più roseo!
    ps. stiamo organizzando una seconda tappa di pulizia del fondale!


Lascia un Commento