21 apr 2011

PFP Indipendenza-Imera: aggiornamento lavori


Altre immagini che ci giungono dalla zona di Piazza Indipendenza-Imera dove continuano incessanti i lavori di costruzione delle 2 gallerie.Fra qualche settimana, scatterà la chiusura di via Colonna Rotta, necessaria per la realizzazione delle fondazioni della galleria  pari che passerà sotto l’area dove sorgeva il palazzo ormai demolito.

Ringraziamo come sempre l’utente Fabion54 per gli scatti

CIMG1881

CIMG1882

CIMG1883

CIMG1885

CIMG1886

CIMG1888

CIMG1891

Questa foto, molto significativa, offre l’idea di come si  incrocieranno le due gallerie: in primo piano un tratto della galleria pari che passerà da Piazza Indipendenza (ex palazzo demolito) fino a ricongiungersi con Orleans.La stessa  passerà sotto l’attuale galleria dispari  e di cui si nota parte della struttura a destra dell’immagine.

CIMG1894


lavori passante ferroviario via imerapassante ferroviario palermopiazza indipendenza palermovia imera

12 commenti per “PFP Indipendenza-Imera: aggiornamento lavori
  • Metropolitano 3355
    21 apr 2011 alle 8:42

    Dove c’era una volta il palazzo demolito, sotto hanno contrassegnato la zona dell’intervento con “Ax Gall.”, per realizzare appunto la parte finale del tunnel che si allaccia alla fermata Orleans. Se i lavori partono fra qualche settimana, possono quindi completare gli allacci, anche per la nuova galleria, entro Settembre-Ottobre presumibilmente, contrariamente a quanto disse Fabion54 che stessa data aveva previsto la fine dei lavori in corso Tukory (e sarebbero stati altri 5 mesi di disagi anzichè 2 come ha dato idea antony977).

  • Real 169
    21 apr 2011 alle 10:39

    Qualcuno sa come verrà riqualificata l’area dove sorgeva il palazzo demolito?
    O rimane così ? : 0

  • huge 2219
    21 apr 2011 alle 11:01

    Mi sembra che riguardo le tempistiche di quest’opera sia stia creando un’immane confusione. Cerco di rimettere un po’ d’ordine.

    Primo. La tratta A, staz. C.le/Roccella-Notarbartolo verrà completata nella sua interezza a fine 2012, come da contratto e come visibile nei cartelli esposti fuori ogni cantiere.

    Secondo. Il servizio ferroviario verrà riattivato a ottobre 2011 a singolo binario, lungo la linea “vecchia”, e contemporaneamente si continuerà a lavorare sull’altro binario, che, come detto, verrà completato l’anno prossimo.
    La riapertura del traffico ferroviario, seppur a singolo binario, implicherà che l’intera tratta staz. C.le-Orleans sarà completa a doppio binario.

    Terzo. I lavori su corso Tukory si concluderanno entro inizio estate.

  • Franco 1 11
    21 apr 2011 alle 11:26

    Come mai ancora non si sà niente dell’inizio lavori della tratta Notarbartolo -
    S. Lorenzo. Secondo me bisognerebbe sentire i responsabili regionali ed avere
    delle risposte ben precise.

  • Metropolitano 3355
    21 apr 2011 alle 11:46

    @Franco 1
    Scommessa che non decideranno niente e che i lavori verranno eseguiti con il vecchio progetto ??

    Comunque l’importante è non lasciare un’opera incompiuta e su questo sono ottimista perchè proteste o non proteste dei cittadini i Viale Delle Alpi il passante sarà tutto completato come stabilito nei contratti e nel progetto iniziale. I fondi per completarlo ci sono tutti 1 miliardo circa (ma non ancora per la variante voluta dal comitato Viale Delle Alpi, fondi aggiuntivi che devono arrivare dalla Regione).

  • Fabion54 48894
    21 apr 2011 alle 12:45

    @Hudge: I lavori su corso Tukory si concluderanno entro inizio estate, ma si aspetta ottobre per riaprire l’intera tratta?Come mai?

    Ora capisco perchè vedo tanti operai a lavoro sul vecchio tracciato rimodulando le vecchie stazioni/gallerie e lavorando sodo per completare quelle nuove dove passerà la “vecchia” linea.

    Ma una domanda: Quando tornerà a funzionare la linea a binario unico la stazione Lolli sarà fruibile o no?Cioè si terrà aperta solo metà stazione o si aspetterà la fine di tutti i lavori per aprire la stazione?

  • Amo_Palermo 161
    21 apr 2011 alle 20:24

    Se Huge permette posso rispondere io a Fabion54.
    Devi considerare l’intera tratta C.le-Notarbartolo, quindi c’è ancora il ponte sul fiume Oreto da costruire e poi ci sono i pezzi di galleria esistente demolita che vanno ricostruiti, per non parlare di quello che si chiama “attrezzaggio tecnologico” della linea, come i cavi, il segnalamento, etc.
    Diciamo che se riapriranno effettivamente ad ottobre sarà un successo.

    Per quanto riguarda la riattivazione della linea penso che avverrà nella configurazione ante interruzione, cioè con solo vespri ed orleans funzionanti. il passo avanti sarà di avere il doppioo binairo da c.le ad Orleans.

  • Amo_Palermo 161
    21 apr 2011 alle 20:30

    @giovanni 75:
    a mio parere il confronto non dovrebbe limitarsi al costo, ma anche alla configurazione finale del sistema, che ricordiamoci è sempre un sistema ferroviario che svolge compiti di tipo metropolitano.
    La scelta del tipo di scavo è infatti anche frutto di come viene progettato il modello di esercizio, di dove vengono posizionate le stazioni, dove le fermate, etc.
    è chiaro che realizzare tutto sotto terra con la talpa fornisce il minimo impatto per il territorio, ma il massimo costo per chi deve realizzare l’opera (sempre soldi pubblici sono…). Riuscire a compatibilizzare le due esigenze (costi e disagi) è l’uovo di colombo di ogni progetto…

  • renard 244
    22 apr 2011 alle 0:05

    Uno-due mesi fa qualcuno (non ricordo chi) disse su questo sito che aveva parlato con gente dell’assessorato che gli aveva assicurato che a giorni si sarebbe saputo della variante della regione ed invece ancora niente… Novità?
    E sull’anello? Si farà mai?

  • Sara Pantara 0
    24 apr 2011 alle 21:09

    @renard: sì renard, quel “qualcuno” che uno-due forse tre mesi “millantava” contatti all’assessorato (variante e conferenze di servizi etc…) mi pare che era un ciarlatano che è stato bloccato su questo blog…mi pare si chiamasse edoardoanello.


Lascia un Commento