07 feb 2011

Passante Ferroviario corso Tukory: aggiornamento lavori


Prende sempre più forma la nuova galleria che scorre lungo via Lodato, e che  presto si aggancierà ad Orleans. In queste immagini, vengono eliminate le palificazioni di supporto in modo da ricavare un’unica canna.Ed ecco il risultato… 



lavori passante ferroviario corso tukoryvia lodato palermo

13 commenti per “Passante Ferroviario corso Tukory: aggiornamento lavori
  • rujari81 224
    07 feb 2011 alle 8:43

    ma come mai la volta della nuova galleria sembra essere piu alta rispetto al livello stradale?

  • maurocann 9
    07 feb 2011 alle 13:12

    io non noto tale differenza altimetrica… forse è un effetto dovuto al punto di vista fotografico.

  • trenoazzurro 43
    07 feb 2011 alle 19:49

    Salve,
    per pura curiosità qualcuna ha idea se le pareti palificate saranno “rifinite” o resteranno allo stato grezzo §(come lungo la nuova viabilità di brancaccio)?

  • Amo_Palermo 161
    07 feb 2011 alle 20:49

    @trenoazzurro: le pareti dovrebbero rimanere così lungo la linea, mentre nelle fermate (tipo policlinico) dovrebbero venire rivestite da pannelli.

  • giosafat 306
    08 feb 2011 alle 12:13

    Ragazzi volevo chiedervi una cosa/farvi una proposta: attualmente sapete se è in programma una interazione grafica per il trasporto pubblico di palermo?
    Cioè mi spiego meglio: tutte le stazioni del passante dovrebbero essere indicate con un simbolo, le linee altavilla-notarbartolo centrale-puntaraisi notarbartolo-giachery identificate con colori diversi, i Tram identificati con un altro simbolo/colore e lo stesso dicasi per l’anello, la speriamo futura metro ecc ecc, il tutto collegato in un’unica mappa del trasporto pubblico di Palermo. Credo sia importantissimo per la futura mobilità anche l’integrazione grafica.
    A Napoli per esempio non è stato fatto nulla di ciò, ogni società si è auto regolata e non essendo diretta da nessun organo comunale è nata una moltitudine di simboli che pur essendo intuitivamente simili lasciano trasparire la non integrazione del servizio, il lions club si è presa la libertà di fare una mappa unica del trasporto pubblico, universalmente diffusa, ma non ufficialmente riconosciuta..
    Onde evitare problemi simili non potreste chiedere ai prossimi tavoli a quali parteciperete con i rappresentanti TI AMAT e del comune di regolarsi in tal senso prima del completamento delle opere?

  • GIUSEPPE MESSINA 0
    08 feb 2011 alle 17:37

    Gisafat,
    in una città europea ciò che proponi sarebbe normale . Ma a Palermo sicuramente sarà un grosso problema con interventi di consiglieri e simili. Condivido la tua proposta che dovrebbe essere portata all’attenzione di tutti gli enti che forniscono trasporti .Inoltre proporrei a Trenitalia, quando dovrà ristampare gli orari definitivi dei nuovi servizi tra Palermo c.le e Punta Raisi/Trapani ( dopo il raddoppio ) di stampare un orario multiplo con l’indicazione delle partenze di tutte le stazioni che insistono sulla linea.( Palermo /Puntaraisi+Notarbartolo anello) Questo schema l’ho visto a Barcellona per le linee pendolari dirette verso la costa ,dove sono indicate contemporaneamente tutti gli orari di tutte le stazioni e diramazioni.Naturalmente poi ogni stazione evidenzia i propri orari. Ciò porta al grande vantaggio che il viaggiatore che per esempio ha necessità di utilizzare in breve tempo Orleans,Tribunale ,Lolli di conoscere in anticipo gli altri orari di partenza e regolarsi di conseguenza. Sembra una stupidaggine ,ma vi assicuro che funziona ,almeno in Spagna .

  • gerry69 181
    12 feb 2011 alle 10:03

    Ma saranno realizzati anche marciapiedi di sicurezza lungo le gallerie? Oppure ci saranno solamente i binari?

  • Amo_Palermo 161
    13 feb 2011 alle 14:39

    @gerrry69:
    qualunque sia la tipologia di struttura di una linea ferrata (ponte, rilevato, trincea, galleria,etc) DEVE esserci un elemento, chiamato sentiero pedonale, largo almeno 50 cm senza ostacoli o restringimenti, necessario sia per la manutenzione da parte dell’ente gestore della rete (nel nostro caso quasi sempre RFI) sia nel caso in cui sia necessario evacuare il convoglio e portarsi nel più vicino posto di ricovero.
    Inoltre in galleria avviene che spesso al di sotto di tali marciapiedi si trovano i cavidotti per gli impianti (antincendio, sicurezza, telecomunicazioni, etc etc).


Lascia un Commento