22 mag 2010

La raccolta differenziata rimane “alla porta”


Dopo l’avvio della raccolta porta a porta in alcune zone della città, riceviamo questa segnalazione di Roberto:

Guardate un po’ dalle foto allegate come alcuni nostri “vergognosi” concittadini fanno la raccolta differenziata nelle zone in cui è stato istituito il servizio porta a porta!

Questa immagine ci fa nuovamente parlare di questo servizio di raccolta porta a porta, del quale ci piacerebbe avere i primi feedback dai cittadini che lo fruiscono. Attendiamo segnalazioni.


differenziataimmondiziaraccolta porta a porta palermo

14 commenti per “La raccolta differenziata rimane “alla porta”
  • maikko 108
    22 mag 2010 alle 7:09

    Io abito in una delle zone dove è stata attivata la raccolta differenziata “porta a porta” (via Valdemone) e vi posso assicurare che per quanto riguarda questa zona è tutto ok. Parlo del circondario tipo Via Trinacria, Via Val di Mazara, Via Emilia etc.
    Quello che vediamo sopra è un’eccezione spero isolata, da addebitare a qualche decina di bestie nostre concittadine.
    Palermo non è quella, e i palermitani non sono quello….
    Bisogna cercare solamente di isolare questi individui, sperando che capiscano da soli quanto fanno schifo.

  • maikko 108
    22 mag 2010 alle 7:13

    P.S.: l’Amia, riguardo questo servizio è molto precisa e puntuale. Da Febbraio 2010 non ha mai sgarrato di un’ora la raccolta nei giorni prestabiliti…. certo bisogna vedere poi cosa succede a questi rifiuti, ma per quanto riguarda quello… come dire… ‘U Signure ‘u sape!

  • Freddie 1052
    22 mag 2010 alle 8:07

    Io lavoro in viale lazio, ci hanno consegnato 3 settimane fa tutti i kit ma ancora non viene nessuno a ritirare i rifiuti. Il portiere del palazzo mi ha detto che ancora il servizio non è partito e abbiamo i sacchetti pieni di carta ammassati in ufficio. Ma una volta consegnati i kiti il servizio non sarebbe dovuto partite automaticamente?

  • fatamorgana 255
    22 mag 2010 alle 8:30

    A Palermo per risolvere il problema delle cattive abitudini dei palermitani nel conferimento dei rifiuti e nella creazione di discariche abusive è indispensabile installare un sistema di videosorveglianza con almeno 10.000 telecamere! Tenere questo sistema efficiente per un po di anni, e poi vedrete che la casta delle bestie palermitane si civilizzera’ (migliaia di denunzie).
    Se gli uomini preposti non controllano il territorio, allora ci pensa l’automazione e la tecnologia a risolvere i problemi.

  • Daniele 444
    22 mag 2010 alle 9:07

    Sono d’accordo con fatamorgana: non sarebbe male installare un bel pò di telecamere .. non so, secondo voi è possibile farlo?

  • aziz 74
    22 mag 2010 alle 9:14

    Quoto fatamorgana!!!Telecamere e repressione per tutte le bestie che umiliano la città!

  • mimusso 157
    22 mag 2010 alle 9:44

    A Partanna-Mondello la differenziata non esiste, almeno nella zona dove abito io. I cassonetti per l’immondizia sono abbastanza vicini a quelli per carta-vetro-etc. Considerati i problemi dell’AMIA, che qui si vede di rado, e il fatto che gli addetti agli autocompattatori non prendono direttamente i sacchetti per terra (per contratto credo…), si sono creati più volte cumuli di immondizia lunghi anche 10 metri, con dentro differenziata e non.
    A quel punto, viene chiamata la ruspa e un nuovo camion e si butta tutto lì dentro. Per questo si chiama differenziata: perchè la raccolgono con la ruspa, modo ben differente rispetto ai normali canoni…
    Cmq devo dire che anche prima della crisi non che venissero tanto spesso (eufemismo) a svuotare i cassoni della differenziata.

  • Antonio Beccadelli 0
    22 mag 2010 alle 11:16

    Come Mimusso (#7) posso testimoniare che i contenitori della differenziata (abito in prossimità di via Dante) vengono svuotati ogni… quanto capita!

    Come ho già scritto altre volte non credo che ai Cittadini si possa chiedere di fare oltre il proprio dovere se l’A.M.I.A. non fa totalmente il suo visto che è “sostentata” con tariffe salatissime (per chi ovviamente, come me, paga la Ta.R.S.U.!).

    A me è capitato frequentissimamente di trovare i contenitori della differenziata (peraltro non proprio vicini) colmi fino all’inverosimile o svuotati “a puntate”: una volta quello della carta, una volta quello dei metalli, una volta quello del vetro… e – MI AUTODENUNCIO – non ho esitato ad usare i cassonetti tradizionali. Ribadisco: io faccio – e fino in fondo – il mio dovere di Cittadino, l’A.M.I.A. faccia il suo; non ci sono scuse che tengano!

    Certamente non posso “scendere” e “risalire” da casa un numero “n” di volte nella speranza di trovare i cassonetti della differenziata come “Dio comanda”. Eticità e moralità sì, moralismo e dabbenaggine no.

  • Simix 65
    23 mag 2010 alle 20:09

    Quando comincerà la raccolta differenziata in via Tommaso Natale?Quanto ancora dovremo aspettare?Qualcuno lo sa?

  • Roberto1 520
    24 mag 2010 alle 8:41

    Ho fatto io la foto e ne ho fatte parecchie altre. Purtroppo non si tratta di un caso isolato, ma più o meno tutti i contenitori della raccolta del vetro erano circondati da rifiuti in via dei Leoni, via Emilia, viale Croce Rossa, viale del Fante, ecc.. Inoltre in via Emilia i sacchetti erano stati abbandonati anche nelle aiuole. Ho avuto notizia però che parecchie multe sono state elevate in zona per abbandono di rifiuti in strada e pare che le multe siano parecchio salate.

  • Roberto1 520
    24 mag 2010 alle 8:45

    @Antonio Beccadelli: hai perfettamente ragione. Ma quì stiamo parlando dell’inciviltà della gente che abita nelle zone dove è partito il servizio di raccolta differenziata porta a porta. Quindi, se da un lato è vero che l’AMIA non fa assolutamente quello per il quale i suoi dipendenti vengono pagati, è anche vero che molti, anche nelle zone più “IN”, sono degli Zulù, senza offesa per gli Zulù.

  • Antonio Beccadelli 0
    24 mag 2010 alle 13:10

    @Roberto1: Ti ringrazio per aver colto lo spirito del mio intervento. Ogni giorno mi chiedo cosa mi spinga a rispettare le regole minime della convivenza civile (posteggiare “bene” anche se a centinaia di metri da casa, pagare le tasse sino all’ultimo centesimo, buttare la spazzatura solo nelle ore consentite ecc. ecc.) se vivo in una città in cui farsi i c…avoli propri è sinonimo di furbizia e in cui il comandante della polizia municipale arriva ad affermare che con i posteggiatori abusivi si “parlamenta”. Altra difficoltà è insegnare ai miei figli e ai mie allievi (sono un docente) i valori civici. L’unica risposta possibile – minimalista se vogliamo – è che l’onestà è l’unico modo di distinguerci dalla massa. Ma ho, ormai, i capelli bianchi e sento che la stanchezza prende sempre più il sopravvento sulla voglia di lottare.

  • Roberto1 520
    25 mag 2010 alle 8:02

    Oggi sono ripassato da via dei Leoni e il grosso cumulo di rifiuti della fato era stato rimosso. Tuttavia si era già formato un nuovo cumulo più piccolo, segno che è abitudine dei selvaggi della zona abbandonare i sacchetti dei rifiuti in prossimità di questa campana per la raccolta del vetro. Ma perchè non mettono un controllo fisso dei Vigili Urbani per qualche giorno? Sarebbe così semplice risolvere il problema!


Lascia un Commento