13 mar 2009

La casta dei pass e il Car-sharing: Repubblica mette in risalto la nostra opinione



alberto campagnaamatcar sharinggiulio tantilloipocrisiaipocritipass corsie preferenziali

8 commenti per “La casta dei pass e il Car-sharing: Repubblica mette in risalto la nostra opinione
  • Sicano1969 14
    13 mar 2009 alle 14:31

    Fate benissimo,continuiamo tutti così,le porcate dei signori politici devono essere portate alla luce,solo così si potranno sciogliere al sole le loro facce di bronzo!

  • justine 23
    13 mar 2009 alle 17:52

    io trovo paradossale -e sintomatico di ignoranza- fare certe affermazioni in veste da consiglieri. Che deleterio ritorno di immagine!
    Se non si conosce come funziona il sistema di car sharing in Italia (www.icscarsharing.it), cioè un sistema voluto e finanziato dal Ministero dell’Ambiente e anche regolato da standard gestionali approvati dal Ministero dell’Ambiente, …. allora non ci sono altre parole per definire certe affermazioni: semplicemente ignoranz sull’argomento.
    Ma anche i consiglieri possono sbagliare a fare affermazioni. Non sono mica infallibili.
    Certo se i consiglieri si abbonassero al car sharing potrebbero dare un buon esempio, non solo ai palermitani, ma anche a tutti gli italiani delle altre città.
    D’altronde potrebbero continuare ad esercitare il loro privilegio al quale sono molto attaccati: circolare nelle corsie preferenziali con macchine a metano.
    Questo sarebbe uno status da sventolare ai 4 venti !!!!

  • Jimmy Reptile 0
    13 mar 2009 alle 21:02

    sull’assegnazione dei pass per circolare anche con i mezzi privati nelle corsie preferenziali per i componenti il consiglio non credo sia utopistico la presentazione di una delibera di iniziativa popolare, ai sensi dell’art. 16 dello statuto del Comune basterebbero solo 2000 firme di maggiorenni residenti a Palermo (poi possono anche bocciarla in Consiglio ma almeno è qualcosa), più difficile proporre un referendum consultivo (5% aventi diritto di voto) per il quale senza l’appoggio di qualche partito o associazione e senza un tema più pregnante del semplice uso delle corsie preferenziali è quasi impossibile riuscire a proporlo

  • marcozs 361
    13 mar 2009 alle 23:09

    E per togliergli le auto blu (che PAGHIAMO NOI) che dobbiamo fare?
    CHE USINO LE LORO MALEDETTE AUTO PERSONALI E RIMANGANO BLOCCATI NEL TRAFFICO COME TUTTI, allora forse capiranno che la metropolitana a Palermo è una priorità.

  • danilo71 145
    14 mar 2009 alle 14:05

    oggi all’aeroporto della città in cui vivo vi era un’ex ministra e sottosegretario (Boniver) e un docente universitario filosofo di fama internazionale (Vattimo), entrambi sono venuti con mezzi loro e si sedevano fra i comuni mortali senza problemi. A Palermo, basta un consigliere comunale (di basso livello socioculturale), per assicurargli privilegi di ogni tipo. Purtroppo godono di una claque di sottoproletari e clienti che li eleva al rango di semidei e godono della benedizione dei governi regionali e nazionali che non hanno nulla da ridire, anzi…

  • danilo71 145
    14 mar 2009 alle 15:59

    Non capisco perchè GRAVISSIMO E PARADOSSALE.
    E’ gravissimo che questi parassiti lascino la macchina in piazza pretoria. A Roma i consiglieri non sostano sotto Marco Aurelio in Campidoglio, né i deputati in piazza Montecitorio. Forse si spaventano che i loro privilegi non siano più assoluti? e poi qualsiasi cafonazzo prende le corsie preferenziali nell’impunità assoluta senza suscitare la minima indignazione… Ma che razza di gente hanno eletto i palermitani?


Lascia un Commento

Ultimi commenti