Post correlati

16 Thoughts to “Il nuovo porticciolo della Cala-video”

  1. piano piano… È già un traguardo immenso!

  2. Freddie

    Non capisco il perchè delle riprese alle bottiglie accumulate sull’acqua, hanno rovinato il video…è giusto evidenziare quello che non va ma non quando si fa un video/cartolina!

  3. Viajero Solitario

    Sono d’accordo con Freddie! Ieri sera sono stato lì con amici… è stato bello fare una passeggiata lì e la vista sul Castello a Mare. E ridere e scherzare su quelle panchine che devo dire sono comode! E non eravamo gli unici, molta gente si è riappropriata di uno spazio che da troppo tempo mancava a Palermo. Finalmente stiamo riaffacciandoci al mare…

  4. beppe

    sarebbe meglio però affacciandosi non vedere quello scempio tutto palermitano!

  5. Freddie

    Una curiosità, questo è il sito internet della ditta dalla quale il comune di Palermo ha effettuato la fornitura di arredo urbano per la cala http://www.vasart.it/ si tratta di una azienda Emiliana. Le panchine installare alla cala sono il modello “Bloc” con schienale e “Club” senza schienale (quelle lunghe). I dissuasori invece si chiamano “Sfera”.

  6. Freddie

    ***installate

  7. matteo O.

    Ci ho fatto una passeggiata con 2 turisti spagnoli. è piaciuta molto!
    credo che adesso mancherebbe solo di unire il foro italico con la cala….magari creare un’unica “passeggiata” dal lungo mare del foro fino a quello della cala.

  8. alext.91

    la ripresa delle bottiglie poteva essere risparmiata!

  9. piero82

    Scusate la battuta folcloristica, ma ovviamente in mezzo a tanto entusiasmo per un opera bellissima non poteva mancare “kiddu ca piscia fuori u rinali” (IL GIORNALISTA)! se era talmente innamorato delle bottiglie..se le poteva portare a casa.

  10. palermitanodoc

    Nel post precedente riguardo la Cala avevo letto che c’erano delle lamentele riguardo l’assenza dei cestini. Volevo avvisare, se qualcuno già non l’ha fatto, che stamattina, passando con la macchina, mi sono accorto che i cestini sono stati installati per tutta la passeggiata.

  11. mastpalermo

    La ripresa delle bottiglie ha un suo significato e molti di voi credo che non lo colgano, a parer mio significa:”questo spazio è stato rinnovato e ridato alla cittadinanza, ora si spera che quest’ultima faccia la sua parte”..piccolo esempio: la scorsa mattina passando, ho visto un motorino parcheggiato davanti una panchina (quindi all’interno dell’area pedonale e non era il solo) e il proprietario dello stesso che leggeva comodamente il giornale, fumando una sigaretta, che sicuramente sarà stata spenta non nel posto preposto (che ancora a palermo non esiste).

  12. GiovanniVillino

    Ringrazio lo staff di Mobilita per aver postato il video.

    Voglio però, per dovere di cronaca, precisare una cosa.
    Il video che ho pubblicato su YouTube non è altro che una descrizione di quanto visto domenica insieme ad alcuni miei amici. Non voleva essere un video celebrativo, né una cartolina.
    Non vedo, quindi, il motivo per cui avrei dovuto omettere il particolare delle bottiglie e dei rifiuti in acqua.

    Saluti!

    Ps. Caro folkloristico Piero82, avrei voluto portar via quelle bottiglie ma non avevo gli strumenti idonei. Sulla minzione, tranquillo, cerco di fare ogni giorno del mio meglio.

  13. piero82

    Giovanni [email protected]

    Il mio non era un commento offensivo, credo non ci sia bisogno di farti la traduzione di quella frase.
    sinceramente trattandosi appunto di YOUTUBE..quindi un canale internazionale (avrei preferito quel video..BELLISSIMO, ma senza le bottiglie)!
    Sappiamo benissimo l’inciviltà di TANTI nostri concittadini..ma ho sempre preferito lavare i panni sporchi in casa,e non mostrare al mondo le nostre schifezze. Dai..credo che di pubblicità negativa ne abbiamo già data abbastanza al mondo..no?

  14. mastpalermo

    @piero82

    Quindi per evitare pubblicità negativa, facciamo falsa propaganda, poi il turista arriva qua e trova la realtà dei fatti…bel modo di lavare i panni…ragionando così non si risolvono i problemi. Invece, se ti vergogni di quelle bottiglie cerchi di essere il primo a trovare una soluzione e ad evitare che questo comportamento si ripeta…la pubblicità “negativa” serve a smuovere le coscenze!

  15. piero82

    [email protected]

    il turista le vede a prescindere le bottiglie, e non credo che pubblicando al mondo un video..smuovi le coscenze di coloro che “dovrebbero” occuparsi di tenere quel posto pulito! per lavare i panni sporchi in casa intendo..chiamare il camper di tgs,appendere qualche striscione di protesta! sinceramente tra il sentimento verso la mia città e la vergogna nel vedere certe cose..non metterei mai un video su youtube. ATTENZIONE sono punti di vista,non li condivido ma li rispetto.

  16. mars 76

    A proposito di porto:
    Da repubblica: Palermo, dopo 57 anni nuovo Piano regolatore scalo, lavori per 500 mlnPalermo, 24 nov. – (Adnkronos) – Grazie ad un emendamento presentato dalla prima commissione, a firma del presidente Filippo Fraccone, ieri sera il Consiglio comunale di Palermo ha approvato il piano regolatore del porto. L’accordo e’ stato trovato dopo un’ampia discussione con tutti i consiglieri presenti. ”E’ un altro importante strumento – dichiara Fraccone – che il Consiglio approva nell’interesse dell’intera citta’ e grazie al quale sono stati sbloccati lavori per circa 500 milioni di euro, che potranno dare una sostanziale boccata d’ossigeno all’economia palermitana”. Per Doriana Ribaudo, capogruppo dei Popolari d’Italia domani a Palermo, il voto sul Piano regolatore del porto era “un atto dovuto nei confronti della citta’, un voto che a distanza di tanto tempo qualifica anche l’operato di un Consiglio comunale che ieri ha messo da parte cio’ che divideva confrontandosi sulle cose che univano. Ci dispiace purtroppo non aver potuto salvare le cosiddette ‘aree bersaglio’, vogliamo sottolineare infatti la necessita’ di un ragionamento sulle aree limitrofe al porto, sia in termini di funzionalita’ e mobilita’ che in termini di sviluppo economico e turistico”. Palermo avra’ un nuovo piano regolatore portuale dopo 57 anni. Il nuovo Prp prevede il potenziamento del porto commerciale, la razionalizzazione delle aree funzionali e degli edifici di servizio; l’individuazione di soluzioni per rispondere all’incremento del traffico crocieristico; l’integrazione degli spazi urbano-portuali con la citta’ e la realizzazione di nuovi innesti citta’-porto anche attraverso la liberazione del fronte su via Crispi per consentire una maggiore relazione, anche visiva, tra la citta’ e il mare, oltre alla possibilita’ di attivare opere per 400 milioni di euro.

Lascia un commento