22 ott 2010

Parco urbano costiero…parole parole parole.


Prusst, riqualificazione, grandi progetti, nuovi varchi a mare, allestimento a verde pubblico, recupero del litorale tra Piazza Sant’ Erasmo ed Acqua dei Corsari. Belle parole.
Quello che vediamo purtroppo si chiama campo nomadi in via Ponte di Mare (new entry), muri e baracche che impediscono la visuale a mare, discariche di ogni tipo lungo la costa, carcasse di auto/moto, scarichi fognari abusivi a go-gò lungo tutta la costa (proposta: li tappiamo di nascosto nottetempo e gli rispediamo i liquami in casa???) e sporcizia sparsa lungo tutta la spiaggia.
Desolante il nuovo pontile con terrazza e belvedere…sembra malinconicamente attendere il giorno in cui i palermitani potranno bere un caffè godendo di quella visuale, o passeggiare lungo il pontile ed accorgersi che lì dove comincia il mare a Romagnolo l’acqua è pulita.



abusividiscariche abusivefiume oretoparco dell'oretopolizia municipaleromagnoloSegnalati

30 commenti per “Parco urbano costiero…parole parole parole.

Comment navigation

  • Luca 129
    22 ott 2010 alle 12:07

    Caro Freddie,
    tocchi il tema che piu’ mi sta a cuore per la nostra citta’ e la sua provincia, ossia la costa.
    Abbiamo un litorale da favola, meraviglioso, stupendo, incredibile. E guarda un po’ come e’ trattato. Da Romagnolo a Carini e’ un abuso di ogni tipo.
    Questo dovrebbe essere il biglietto da visita di Palermo per il turismo crocieristico, che ricordo ha segnato la rinascita totale di Barcelona.

    Portare migliaia di turisti al giorno nella nostra citta, farli passeggiare lungo la costa e verso il centro storico, fargli acquistare souvenir e offrire loro un accomodation per 1 notte almeno.
    Cosa offriamo noi?
    Munnizza, abusivismo, degrado e un porto che non e’ tutt’uno con la citta’, ma una zona nettamente separata e tagliata fuori da essa.
    E la costa? Esiste solo mondello. Il resto puo’ marcire come sta accadendo, tra pescherie abusive, campi zingari, baracche, discariche e chi piu’ ne ha piu’ ne metta!

    Ma come osa Cammarata a stare ancora dove e’???
    Vergogna a lui e tutti gli amministratori!

  • massimo 103
    22 ott 2010 alle 12:10

    Che tristezza….
    ….la colpa è nostra, che continuiamo a dare il voto a questa gente e che non protestiamo mai. In Francia, quando qualcosina non gli garba, fanno un macello allucinante, bloccano tutto e non si fermano se non ottengono quel che vogliono.

  • cicinho 27
    22 ott 2010 alle 12:47

    @ massimo . hai ragione noi siamo come ho sempre sostenuto dei quaquaraqua! non siamo capaci di scendere in piazza e chiedere la testa del sindaco! spesi tanti soldi per lasciarli marcire! io in quel litorale ci sono nato! non capisco perchè qua non si riesce a fare qualcosa di produttivo! da un paio di mesi lavoro a torino e credetemi palermo è 10000 volte piu’ bella! cavolo qua stanziano soldi per riqualificare interi quartieri e ci riescono….sino ad un paio di anni fa quartieri come mirafiori e santa rita erano dei ghetti….adesso sono zone cool! ma basta sono stanco di sentire sempre le stesse cose qua misogna darsi una smossa! bisogna chiedere la testa del sindaco! anche se mi stanno antipatici i francesi devo dire che loro sono un popolo che ha le palle! noi italiani siamo solo meschini….del resto abbiamo mafia corruzione e tutto il resto che vediamo nel mondo politico! diciamo che a noi ci piace pure sta situazione! finche noi cittadini non ci alzeremo e ribaltiamo la situazione ahimè resteremo sempre da terzo mondo! neanche in nord africa! skiiiiifoooo!!!

  • Luca 129
    22 ott 2010 alle 13:36

    E’ proprio vero…
    Nessuno si muove e protesta! Ci lamentiamo si, ma cosa cambia…
    Altrove se succede qualcosa di molto meno grave la gente fa un putiferio. Qui si accetta tutto passivamente.
    Il Nord Africa ci sta superando…e’ solo questione di tempo…

  • newarch 55
    22 ott 2010 alle 18:00

    Questa opera pubblica è stata seguita dai tecnici della Provincia Regionale e non dall’Amministrazione Comunale. Sono trascorsi quasi 4 anni dalla fine dei lavori e tutto rimane abbandonato e recintato. Ricordo che dopo il fine lavori del rifacimento del prato del Foro Italico lo stesso rimase rencitato per alcuni mesi, per questo motivo si mobilitò l’intera città per poter garantire la fruizione del prato. Poi fu realizzata quell’opera un pò discussa dell’arch. milanese Italo Rota,(i famosi birilli).
    Oggi la recinzione di cantiere del recupero della costa sud (vedi alberature varie abbandonate, parapetti, il pontile in legno ecc.) vieta l’ingresso e la fruizione di questi spazi recuperati. Mi chiedo, come mai un opera pubblica dove sono stati spesi molti soldi rimane incompiuta, senza alcun atto di collaudo? Come mai i giornali come il Sicilia + Camper Pepi o Repubblica Palermo non si sono interessati di quest’area della città?
    Io da progettista ed esecutore di opere pubbliche nella nostra città rimango sbalordito come mai quest’opera non è stata ancora collaudata. Dalla mia eperienza personale, quando un’opera pubblica non viene definita, conclusa e consegnata alla città è perchè il progetto e l’esecuzione dei lavori sono stati affidati a tecnici incompetenti, questa è la pura verità. Saluti

  • maikko 108
    22 ott 2010 alle 18:42

    la butto lì, per gli amministratori del sito e per ognuno di noi che volesse fare qualcosa di “attivamente attivo”…
    Perchè non contattiamo striscia? loro si occupano e hanno a cuore tutte ste incompiute fatte coi soldi dei contribuenti!!! perchè nò???

  • griffild 327
    22 ott 2010 alle 19:40

    cari amici miei, purtroppo il litorale di via messina marine è stato abbandonato da anni, quel pontile li che in teoria doveva servire anche per far attraccare le imbarcazione turistiche per farvi visitare il quartiere e la zona che costeggia il mare è stato solo un grande spreco di danaro, oggi serve da tetto per i nomadi o qualke barbone… ke peccato e dire ke basta poco per poter rendere una zona bella basta vermente poco, visto ke la bellezza paesaggistica è presente, io abito da sempre in questa zona ho paura a scendere in spiaggia perkè piena di randagi,topi,siringhe, purtroppo ogni tanto si vede qulke politichetto ke vuole il voto e poi manco passa più per la strada….
    sono sicuro ke una costa del genere in qualsiasi altra parte del mondo avrebbe avuto una importanza turista nn indifferente, basta fare il piccolo ma scontato paragone cn rimini riccione spiagge immense mare cachevole :S… MA SPERIAMO KE UN GIORNO POSSA ESSERE UNA BELLA VIA piena di locali e turismo…credo ke resterà un sogno…
    POLITICI DI MERXA!!! DESTRA O SINISTRA A STISSA COSA Sù!!

  • tasman sea 20
    22 ott 2010 alle 19:52

    sogno infranto.
    anni fa, quando avevano cominciato a realizzare queste nuove strutture e a piantare i primi alberi (eritrine, tamerici, melograni, palme nane, oleandri, lentisco ecc.) sentivo che era arrivata la volta buona. pensavo che finalmente romagnolo sarebbe diventata come mondello o sferracavallo.
    signori, qua non cambia mai niente.
    io lancio un appello a non dare la colpa solo a cammarata. sarebbe troppo riduttivo.
    l’amministrazione mafiosa di centro-destra che tiene sotto scacco la città dal sessantuno a zero di sedici anni fa, ci sta spegnendo a poco a poco.
    io non sono né comunista né ho a cuore nessun partito, ma mi permetto di dire che miccichè &co sono dei nuovi ciancimino. più moderni e sottili, ti uccidono senza fare scrusciu.
    il nuovo sacco della città si chiama cantieri della zisa requisiti dai palazzinari, parco della zisa cementificato da un progetto assurdo, case popolari bloccate, centri commerciali che nascono come i funghi, inceneritori che vorrebbero nascere per fottersi gli incentivi e bruciare tutto, differenziata e non.
    dov’è il progetto per il parco dell’oreto?
    dov’è il recupero dell’addaura?
    che fine ha fatto il progetto del collettore fognario?
    del sottopasso di via perpignano?
    del ponte corleone?
    della metro leggera automatica?
    e intanto ci distraggono coi faraonici progetti di tangenziali interne, esterne e via dicendo, che fanno vincere le elezioni ma non si faranno mai.
    uccidiamoli al prossimo voto, e diamo fiducia a gente come nadia spallitta

  • bacillino80 87
    22 ott 2010 alle 20:20

    Luca, sono appena tornato da Barcellona e ho delle foto che provano la rinascita della zona porto! Io sono rimasto sbalordito. E mi faceva una tristezza pensare alla nostra città che potrebbe dare il massimo se solo lo si volesse. Ragazzi Palermo potrebbe brulicare ogni giorno di migliaia di turisti come Barcellona. Camminando per le strade dei quartieri “vecchi” e storici trovi si il degrado, ma anche stupendi tentativi di riqualificazione (tra l’altro ben riusciti) e la gente che popola quei quartieri si impegna ed è incentivata a dare il massimo.
    E’ vero nelle altre città smontano interi quartieri, rivoluzionano strade, ponti, sottopassi, rotonde e giardini senza troppi problemi. Da noi posare l’asfalto sembra un grosso evento. Ma vi rendete conto che rabbia che fa tutto questo!!!???
    Diamoci una svegliata.

  • SalParadise 60
    22 ott 2010 alle 20:44

    La costa sud di Palermo oggi fa proprio schifo e lo scrivo senza mezzi termini. Ogni volta che passo da via Messina Marine ritorno a casa desolato sperando di andare via da questa città abbandonata al degrado ed all’incuria. Qualche giorno fa accanto lo Stand Florio c’erano degli zingari accampati sotto gli occhi di tutti e una specie di parcheggio abusivo di Pullmann e quant’altro con tanto di cani da guardia che ringhiavano e mi inseguivano. Per non parlare della munnizza e della trascuratezza di strade e marciapiedi oltre ovviamente al degrado in cui versa la spiaggia. Ma mi chiedo: è mai possibile che interi chilometri di costa sabbiosa che fino a pochi decenni fa erano splendidi debbano essere ridotti così? Sarebbe così difficile far rinascere la spiaggia ed il quartiere? La settimana scorsa sono stato a Messina e vedevo la gente che uscendo di casa attraversava la strada e andava a mare!!! che invidia!!! ma perchè da noi il mare si deve vedere solo nelle foto d’epoca? forse che con gli anni si sia prosciugato?! e invece no, è ancora lì, ma dato lo stato in cui è tenuto, forse è meglio non vederlo…

  • tasman sea 20
    22 ott 2010 alle 21:00

    ragazzi i soldi per fare quest’obrobrio sono già finiti. non si sa come ma sono finiti. non ci sono più soldi per continuare i lavori. eppure sono stati sborsati tutti. dove sono adesso questi soldi?

  • se68 515
    22 ott 2010 alle 22:12

    “il nuovo pontile con terrazza e belvedere…sembra malinconicamente attendere il giorno in cui i palermitani potranno bere un caffè godendo di quella visuale, o passeggiare lungo il pontile ed accorgersi che lì dove comincia il mare a Romagnolo l’acqua è pulita”
    Freddie,concordo,come tutti, con il tuo post,ma non capisco cosa trovi di bello con questa che altri commenti definiscono”opera”.
    Desolante è la baracca in questione, non il fatto che non sia stata a ncora aperta e desolante è il livello che ha raggiunto la pianificazione urbanistica e il livello architettonico in questa città.
    Pensi davvero che una, triste, baracca simile possa riqualificare un tratto di costa, devastata, non solo lato mare, dove le costruzioni comunque sono perlopiù precarie e quindi facilmente removibili, ma soprattutto a causa della cortina edilizia prospiciente tutta la strada e in particolare i quartieri dormitorio-popolari costruiti alle spalle.
    La situazione è grave, forse più che nella Barcellona pre qualificata, perchè il mare è, temo, irrimediabilmente inquinato a causa delle discariche di materiale edile permesse in passato che hanno devastato la costa e mutato l’equilibrio dell’ambiente marino.
    Insomma un intervento di riqualificazione lì costituisce un’impresa che va affidata a studi seri per recuperare il mare prima di tutto, a concorsi di progettazione per ridisegnare quel pezzo di città e non so nemmeno io a cosa.
    Ma qualcuno davvero pensa che basti piantare qualche palma per riqualificare quella costa?

  • griffild 327
    23 ott 2010 alle 7:36

    che rabbia!!!! ma poi è da tanto ke nn vedo i socialmente inutili che al posto di lavorare si mettevano sotto l’albero a giocare a carte a buttare voci e a divertirsi,,,, :S da denucia!!!

  • alex72 122
    23 ott 2010 alle 8:56

    Purtroppo è sempre la solita storia. Si cominciano i lavori per cercare di fare un minimo di cose, ma poi tutto svanisce nel nulla, nell’oblio, nel degrado. Le idee esistono, ma non si ha il coraggio di metterle in pratica. Sembra che questa città sia attanagliata dalla paura e dalla voglia di non intrufolarsi in certe situazioni che potrebbero dare fastidio a qualcuno. Fino a quando coloro che ci amministrano non assumono determinate posizioni anche dure e impopolari, non cambierà mai niente in questa nostra amata città.

  • Luca 129
    23 ott 2010 alle 9:08

    @tasman sea
    Quoto tutto quello che dici, ma poi mi chiedo: come li “uccidiamo” alle prossime elezioni? Quale e’ l’alternativa? Esiste un’alternativa?

    Questa citta’ e’ finita. Ora piu’ che mai. Ci vendono nuove opere ancora prima di cantierare le vecchie. E quando cominiciano le vecchie, restano a meta’ o non collaudate.

    Palermo e’ una citta’ di mare, ma non esiste il mare. A parte Mondello, mi dite come mi***ia si accede al mare????
    Da Sferracavallo a Carini ci sono solo case abusive e la sola spiaggia super affollata di Capaci. La costa sud e’ uno scempio.

    Ma e’ possibile che viviamo in un paradiso reso infernale da munnizza e degrado e nessuno si rompe le pa**e e si ribella????
    Ma porca miseria! Porca miseria! Porca miseria!

  • newarch 55
    23 ott 2010 alle 11:55

    Ragazzi osserviamo con attenzione anche i lavori della Cala. La mia senzazione è che non verrannno terminati nel tempo previsto dell’appalto. La solita perizia di variante, forse nuovi finanziamenti ecc..
    , forse qualche errore progettuale, e poi………..? Guardate con attenzione anche i nuovi pali dell’illuminazione. Attenzione non verrano mai verniciati, in quanto sono realizzati in acciaio corten, materiale sicuramente interessante e innovativo (vedi uso a Barcellona), ma di solito utilizzato per particolari arredi urbani ed in contesti dove lo stesso materiale diventa parte integrante di una nuova progettazione. Il progetto è stato finanziato dall’Ente Porto con tanto di professionisti esterni incaricati per la progettazione e l’esecuzione dei lavori. Non voglio assolutamente criticare le scelte progettuali adottate, ma di sicuro l’ampio arco della Cala non necessita di strutture in elevazione (vedi la rampa alta circa 5 mt con affaccio sulla cala), che sicuramente oscurano ancor di più il nostro mare e viceversa dal mare i nostri monumenti architettonici, vedi Chiesa della Catena. Saluti

  • pippo85 1
    23 ott 2010 alle 14:15

    scusate capisco perfettamente tutto ciò, ma invece di parlare solamente perché non facciamo anche noi come i “francesi” i fatti e blocchiamo tutto pur di ottenere quello che ci spetta… prima o poi dovremmo ottenere qualcosa (almeno spero)…. abbiamo una città fantastica , mare spettacolare e tanto altro. potremmo essere una delle città più ricche vivendo di solo turismo e invece ci dobbiamo accontentare di questo….

  • tasman sea 20
    23 ott 2010 alle 20:16

    @luca
    ti ho indicato l’arternativa di nadia spallitta, del movimento un’altra storia.
    la conosco personalmente e ha un blog su cui puoi controllare quello che fa.
    non voglio assolutamente usare il sito per la propaganda, ma per dire che non è vero che non c’è nessuna differenza fra destra e sinistra.
    fatto sta che da sedici anni siamo governati dalla destra. mi sembra che ai tempi di orlando, critiche a parte, qualcosa sul piano sociale, culturale, e della riscoperta dell’identità della città si stesse muovendo.
    invece ora piangiamo per un solo motivo: avere riconfermato e strariconfermato il centrodestra.


Lascia un Commento