Segnalazione
16 mag 2017

Modifica alla viabilità di Via Libertà nei pressi della statua

di rudi gi

Visto il cantiere dell'anello ferroviario di viale Lazio, come mai non si è pensato a modificare momentaneamente il primo tratto di via Libertà, cioè dalla Statua fino all'incrocio di viale Lazio, a doppio senso di marcia? Questo provvedimento darebbe la possibilitè da chi proviene da Piazza Don Bosco di girare a destra per arrivare piu agevolmente sulla rotonda di Piazza Vittorio Veneto, evitando di attraversare il budello di via Del Granatiere, sempre intasata di auto inadeguata a smaltire il volume di traffico che prima del cantiere si dirige va su viale Lazio e viale Campania. Rodolfo Giordano

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0
Segnalazione
23 lug 2016

E questo dovrebbe essere il corpo di Polizia Municipale che dovrebbe dare l’esempio?

di Alessandro Baol

Ottimo esempio da parte di questo agente della Polizia Municipale di Palermo il quale decide in controsenso di posteggiarsi con l 'auto di servizio sul marciapiede (ci troviamo a Bonagia vicino lo "Sporting Club"), entrare in un noto negozio di elettronica della zona (Torres), fare acquisti di carattere del tutto personale, uscire, bere la rimanenza della bottiglietta d'acqua e gettarla a terra una volta vuota, esaminare il recente acquisto, gettare nuovamente a terra lo scontrino ed infine immettersi in strada di nuovo in controsenso. Tutto a due passi dal venditore abusivo di turno più volte segnalato e mai multato. Mi pare non vi sia altro da dire.

Leggi tutto    Commenti 12    Proposte 0
Segnalazione
30 giu 2016

(Rubare i soldi) Chi ottura i tombini in Corso Vittorio Emanuele? Il Comune!

di Giulio Di Chiara

La storia e i recenti fatti non servono ad un .... tubo. Quello che vedete è l'ennesimo caso di "schifo urbano" a cui assistiamo nella nostra città. Di recente è stata nuovamente scarificata e asfaltata la carreggiata di Corso Vittorio Emanuele e, memori delle tante segnalazioni precedenti su viale Regione Siciliana (ma non solo), alcuni addetti RAP hanno pensato bene di infischiarsene di tutto, asfaltando in modo scriteriato la strada, otturando di catrame anche i tombini per il deflusso delle acque piovane. Non solo, come è possibile notare, anche la livellazione tra asfalto e tombino è stata opportunamente ignorata: un bel dislivello per tutti i pedoni, ciclisti e motociclisti che dovranno scansare in tempo questo pericolo. Ci segnalate diversi casi del genere su tutto Corso Vittorio Emanuele. Il Comune? Responsabile tanto quanto RAP. Anni e anni di segnalazioni non hanno mai prodotto un processo di controlli. Così è stato assegnato libero potere a incapaci e menefreghisti che non sanno nemmeno fare il loro lavoro o forse se ne fregano altamente. L'importante è lo stipendio. Così come gli autisti AMAT assenteisti per la partita dell'Italia sono stati oggetto di indagine (annunciata da Orlando), questi sfaccendati e i loro superiori che dovrebbero garantire un servizio, cosa meritano? Sindaco, a lei la parola.

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0
Segnalazione
07 mar 2016

Truffa dello specchietto rotto

di massimiliano1

AMICI, vorrei segnalarvi che in zona rotonda L. da Vinci circola una vecchia Opel Astra (secondo tipo) color grigio/azzurro metallizzato con due "brave persone" a bordo che tentano la truffa dello specchietto rotto. È capitato a me venerdì pomeriggio, mentre stavo procedendo finita la rotonda dopo il Mc Donald sento un colpo all'auto come fosse una pietrata, non mi sono scomposto più di tanto perché avendo letto abbondantemente sulle modalità della truffa ho solo pensato "eccoli". Ho guardato nello specchietto laterale dx e ho visto l'auto che mi seguiva, fortuna che io ero già pronto per svoltare a sx per immettermi in v.le Regione mentre loro non hanno fatto in tempo e hanno proseguito sulla parallela, dopo essermi immesso sulla corsia centrale di v.le Regione ho rallentato per controllare meglio e ho visto che anche loro hanno fatto la stessa cosa indicandomi con il braccio di andare da loro, gli ho fatto il classico segno delle due dita nel naso e poi della chiamata (tradotto chiamo la polizia) e sono andato via. Loro erano in due con facce poco affidabili e la loro auto aveva il faro anteriore lato guida con la freccia rotta, non so lo specchietto non sono riuscito a vederlo. Alla mia auto arrivato a casa fortunatamente non ho riscontrato nessuna scalfitura. Morale... se dovesse capitarvi non fermatevi per constatare i danni perché cercherebbero di estorcervi del denaro con la scusa di rimediare al danno che gli avreste causato senza fare denuncia all'assicurazione anche con l'intimidazione visto che scelgono chi è solo in macchina mentre loro sono in due. Un caso simile è accaduto a un mio collega in via Oreto nuova ed è stato segnalato anche in zona Policlinico. Possibilmente fate girare la notizia così da avvisare più persone, ciao.

Leggi tutto    Commenti 7    Proposte 0
Segnalazione
01 mar 2016

Auto con targa diplomatica su marciapiede e scivolo disabili

di Alessandro Baol

Prendi un sabato mattina nel "salotto" di Palermo. Prendi un' auto con targa diplomatica posteggiata in via Ruggiero Settimo vicino i portici in modo da occupare interamente il marciapiede e proprio in corrispondenza dello scivolo dei disabili. Prendi, giustappunto, un signore in carrozzina che ha avuto bisogno di aiuto da parte dei passanti per poter salire sul marciapiede del porticato, dato che l'apposito scivolo era "occupato". Prendi degli agenti di Polizia Municipale che a pochissimi metri dallo scenario del fatto guardano la scena con indifferenza e sguardo annoiato. Ed ecco che abbiamo creato il solito teatrino dell' inciviltà, prepotenza, arroganza e strafottenza.

Leggi tutto    Commenti 8    Proposte 0
Segnalazione
15 feb 2016

Caro sindaco, il cittadino collabora. Ma la Pubblica Amministrazione risponde?

di Alessandro Baol

Pubblichiamo questa lettera di un cittadino voglioso di collaborare con l'amministrazione per risolvere i piccoli problemi che quotidianamente riscontra in città, ma le cui segnalazioni rimangono nelle caselle di posta elettronica.. Gentile Sindaco Orlando, le scrivo tramite i mezzi di informazione poichè finora sembrano essere gli unici attraverso i quali via sia la possibilità di una risposta da parte sua. Come da prassi le faccio i migliori auguri per questo nuovo anno augurandomi sia prolifico e passo immediatamente al dunque. Nel passato 2015, essendo totalmente d'accordo con il suo appello alla collaborazione con le Istituzioni fatto ai cittadini palermitani per migliorare le condizioni di vivibilità e civiltà di questa città, ho provveduto a segnalare diversi disservizi agli organi competenti ottenendo risposte concrete solo in rari casi. Proprio nell' ultimo mese ho inviato diverse segnalazioni, tramite P.E.C. (che come lei ben sa ha pari valore legale di una raccomandata con ricevuta di ritorno) al suo indirizzo di posta elettronica, a quello del suo gabineto, all' URP del comune di Palermo e nondimeno al comando della Polizia Municipale di Palermo. PEC corredate di foto e mappe ove era in corso l' illecito. Nello specifico: - il 03.11.2015,  tramite PEC (accettata e consegnata), la presenza di posteggiatori abusivi, spesso anche aggressivi presso la via Tricomi, ove lei ben sa vi è l' Ospedale Civico, immagini la speculazione. - il 12.11 2015, tramite PEC (accettata e consegnata,) rivendita abusiva di tappetti e casalinghi che ha preso totale possesso del marciapiede costringendo i pedoni, ivi compresi passeggini o diversamente abili, a trasitare sul manto stradale con gli ovvi pericoli. - il 16.11.2015, tramite PEC (accettata e consegnata), rivendita abusiva di ortofrutta che non solo ha invaso il marciapiedi, ma che costruendo un gabiotto in lamierato di amianto e rastrelliere ha invaso del tutto le strisce pedonali e parte del manto stradale, il tutto proprio in corrispondenza di una rotonda particolarmente trafficata. Queste segnalazioni nel mese di dicembre sono state ripetute una seconda volta, alchè il comando della Polizia Municipale risponde il 15.12.15 asserendo di non aver trovato nelle mail precedenti gli "indispendabili allegati quali mappe e foto" per poter intervenire, cosa piuttosto curiosa dato che il sistema legalmail ha dato per accettati e consegnati pure gli allegati e gli stessi sono presenti pure nel giro dell' URP, unico ufficio ad aver risposto prontamente è che, per l'appunto, ha "girato" la segnalazioni all' organo comptente ovvero il comando di Polizia Municipale di Palermo, da cui se ne può facilmente dedurre che lo stesso è stato avvisato della cosa ben 4 volte (mia segnalazione e giro dell' URP, seconda mia segnalazione e secondo giro dell' URP) Giusto per chiudere in bellezza il 2015 il 30.12.2015 tramite PEC (accettata e consegnata) si segnala a sua mail, suo gabinetto URP e comando della Polizia Municipale un banchetto di rivendita giochi pirotecnici, petardi e "botti" artigianali illegali, accentuando il carattere di urgenza anche in relazione della disposizione del Comune in cui di proibivano tali attività. Come in precedenza l' unico ufficio ad aver dato segnali è stato l' URP del comune che ha girato la mail nuovamente al comando della Polizia Municipale. Naturalmente non vi è stato assolutamente alcun intervento ne alcuna risposta da parte dell' organo preposto. In tutto ciò, ho potuto notare con per ben tre volte propri dinanzi le rivendite abusive segnalate passassero delle pattuglie di Polizia Municipale le quali si disinteressavano del tutto alla cosa. Alla luce di tutto questo sig. Sindaco, e dato il suo invito, mi illumini ed illumini tutta la cittadinanza palermitana che lotta ogni giorno per rendere migliore questa città, quando parla di collaborazione tra cittadini ed istituzioni, esattamente, di che tipo di collaborazione parla se poi ci si scontra contro una sorta di muro di gomma? Cortesemente eviti la risposte in politichese e provi magari a darne una reale e concreta, da "uomo della strada" dalla quale lei dice di provenire.  

Leggi tutto    Commenti 5    Proposte 0
Segnalazione
27 ago 2015

GNV Palermo-Genova INCIVILTA’ TOTALE? O COSA?

di Pietro Garraffa

Stiamo qui a denunciare quello che accade sulla nave GNV LA SUPREMA PALERMO-GENOVA, auto parcheggiate sulle strisce gialle per disabili non lasciando neanche lo spazio per aprire lo sportello e far scendere in sicurezza l'ammalato... Grazie anche a chi sulla nave fa parcheggiare le auto li, prendendo una misera somma di denaro per far uscire prima le auto dato che solitamente i medesimi posti sono più vicino all'ingresso della nave e a sua volta all'uscita. Tutto questo casino non è la prima volta che succede, tutto quello che riescono a dire gli addetti dopo è "parli con la direzione" ma la direzione non sta certo ad ascoltarci. Allego alcune foto da me scattate:  

Leggi tutto    Commenti 2    Proposte 0