02 feb 2021

Al via l’installazione delle colonnine di ricarica elettrica per auto


Palermo – Individuate, a seguito di avviso pubblico, le due ditte incaricate di posizionare le centraline di ricarica elettrica per veicoli: si tratta di BeCharge ed Enel X, che potranno impiantare su suolo pubblico ottanta colonnine.

Cosi come previsto dal bando l’operatore che avrà conseguito il maggior punteggio, in questo caso BeCharge, otterrà la priorità di assegnazione dei siti richiesti e a tal fine dovrà produrre la SCIA entro trenta giorni.

Stessa cosa potrà fare Enel X per i siti non oggetto di altre istanze, mentre per quelli già precedentemente individuati (indicati in rosso nell’allegato), si procederà, in accordo con l’Amministrazione comunale, a verificare la fattibilità di ulteriori luoghi.
È esplicitamente previsto dal capitolato che l’utilizzo delle colonnine non potrà essere soggetto ad alcuna forma di abbonamento obbligatorio e che gli utenti dovranno poter pagare sul posto in modalità telematica.

Qui di seguito l’elenco dei siti dove verranno installate le colonnine e le due principali colonnine della BeCharge.

 

PROPOSTE DITTE2 PROPOSTE DITTE1

 

 

CENTOEVENTI_20200709_BECHARGE_CF_ALTA-05738 CENTOEVENTI_20200709_BECHARGE_CF_ALTA-05864 CENTOEVENTI_20200709_BECHARGE_CF_ALTA-04867


BeChargecolonnine di ricarica elettrica per autocolonnine ricarica palermocomune di palermoEnel X

10 commenti per “Al via l’installazione delle colonnine di ricarica elettrica per auto
  • loggico 554
    02 feb 2021 alle 21:48

    da quel che so, EnelX potrebbe installare altre colonnine oltre le citate molto bene nell’articolo, si stan gia producendo pure furgoni e fuoristrada solo ad alimentazione elettrica;
    benzina e diesel saranno solo un ricordo, ritengo rimarranno forse 10 stazioni di rifornimento in tutta palermo e penso cio succedera entro i prossimi 5 anni

  • simbar 55
    03 feb 2021 alle 15:31

    Magari. Realisticamente la transizione in tal senso vorrà 10 anni, di pari passo con l’ampliamento dei sistemi di mobilità pubblica.

  • Irexia 952
    03 feb 2021 alle 18:04

    Ma se le installassero le stazioni di rifornimento? sarebbe come un “passaggio di consegne” dagli idrobarburi all’elettrico, l’automobilista come sa oggi dove andare per riempire il serbatoio, senza cambiare abitudini saprebbe dove fare ricarica (certo, potrebbe configurarsi una specie di conflitto di interesse in seno alle compagnie petrolifere, ma mi auguro che la loro esistenza stia vivendo una parabola discendente già oggi e così potrebbero convertirsi al nuovo…).

    Qualcuno sa quanto tempo occorre per ricaricare le batterie, è paragonabile a quanto ne occorre per fare il pieno?

    • peppe2994 3542
      03 feb 2021 alle 19:53

      Rispondo all’ultima domanda. Non è possibile fornire una risposta secca. Dipende da tanti fattori. La risposta in estrema sintesi è un’eternità. Con una colonnina standard da 50 kW, oppure considerato che anche con potenze maggiori molte vetture sono comunque limitate, diciamo un’ora, una 500 elettrica mezz’ora.

      L’inizio della diffusione dell’elettrico partirà da chi ha il posto auto privato, con una comoda ricarica notturna lenta. Non è pensabile, né ad oggi né nel breve termine di ricaricare l’auto elettrica in pochi minuti. Non solo, pensando di ricaricare rapidamente, il costo dell’energia salirebbe notevolmente, rendendolo sconveniente rispetto ai combustibili fossili.

      Detta così la sintesi è lacunosa. L’argomento è lungo, e merita approfondimenti che non possono essere dati in un commento.

  • peppe2994 3542
    03 feb 2021 alle 20:02

    Per conoscenza, qualcuno si sta già muovendo. Ho visto colonnine nel parcheggio Leroy Merlin – Forum (forse non ancora attive), e cosa ancor più interessante, presso il distributore di via Ernesto Basile (a salire) ci sono due postazioni di ricarica della Ionity. Quelle da 350 kW, il che è davvero interessante. In Sicilia esiste solo un altro punto di ricarica con quattro postazioni presso il Sicilia Outlet Village.

    Piccoli passi, piccoli passi…

  • Orazio 1567
    03 feb 2021 alle 22:52

    Una domanda: posso ricaricare l’auto collegandola tramite un cavetto USB al mio computer a sua volta connesso alla rete elettrica? :)

    Scherzi a parte, mi pongo un paio di domande:

    - è credibile che si acquisti un’auto elettrica visti i tempi della ricarica?
    - come si chiedeva già qualcuno: lo smaltimento delle batterie esauste come avviene? Non vorrei che finisse come le scorie radioattive disseminate in Somalia, dentro i proiettili sparati in Bosnia o nelle miniere di sale chiuse.

    La storia ci insegna che il capitale trova sempre il modo più lurido possibile per fare affari in modo criminale e qui ci sarebbe pure la beffa di crimini ecologici sotto la bandiera ecologica.


Lascia un Commento