17 dic 2019

Passante Ferroviario | A Piraineto nuove tecnologie per gestione traffico ferroviario


Attivo nella stazione di Piraineto, sulla linea Palermo-Punta Raisi, un nuovo sistema tecnologico per il controllo e la gestione della circolazione ferroviaria.

L’Apparato Centrale Computerizzato (ACC)*, uno tra gli impianti con più elevato livello tecnologico nel settore del segnalamento ferroviario utilizzati da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane), è una vera e propria “cabina di regia” che aumenta gli standard di regolarità del servizio ferroviario.

Oltre 30 i tecnici di RFI che hanno progettato, realizzato e messo in funzione il nuovo apparato.

L’investimento economico complessivo, di circa 5 milioni di euro, rappresenta un ulteriore tassello del programma di potenziamento tecnologico internalizzato – grazie al lavoro di tecnici interni a RFI – in corso sulla rete ferroviaria nazionale.

Contemporaneamente all’ACC, a Piraineto sono state effettuati anche alcuni interventi che permettono l’uso promiscuo di ciascun binario nei due sensi di circolazione e il contemporaneo inoltro di due treni nello stesso senso di marcia.

Tutto ciò renderà la circolazione ferroviaria più fluida in caso di ritardi o criticità.

* Apparato Centrale Computerizzato (ACC): consente agli operatori, sfruttando le potenzialità offerte dall’elettronica, una migliore operatività nelle normali situazioni di circolazione e nella gestione delle situazioni di criticità. La modularità dei componenti ottimizza anche gli aspetti manutentivi dell’apparato.


accApparato Centrale Computerizzatocarinimobilita palermopalermo punta raisipirainetopunta raisirfitrenitalia

8 commenti per “Passante Ferroviario | A Piraineto nuove tecnologie per gestione traffico ferroviario
  • donn 48
    17 dic 2019 alle 15:53

    dopo molti investimenti in quella stazione (come ad esempio il piazzale per il parcheggio) e` un peccato che non tutti i treni si fermino li

    • Metropolitano 3771
      17 dic 2019 alle 19:45

      Quella fermata sta a dir poco lontana dai centri abitati, ergo non è mai sfruttata bene; ma c’è di peggio: la fermata Orsa, mai aperta.

  • peppe2994 3397
    17 dic 2019 alle 21:43

    Investimenti, al solito, lodevoli, ma non accompagnati da una politica seria di trasporto. Che senso ha avere una linea raddoppiata e tecnologicamente avanzata quando mancano i treni ?

    Chissà se un giorno prima o poi si sfrutterà il passante per quelle che sono le sue reali potenzialità. Mi riferisco in particolare a dei treni Cefalù-Punta Raisi e quelli dalla provincia di Trapani verso Palermo.


Lascia un Commento