19 giu 2019

Sferracavallo | I treni fermeranno anche la domenica e festivi


Palermo – Dopo vari solleciti via email da parte del comitato “Il Mare di Sferracavallo” congiuntamente a Mobilita Palermo, si è riusciti ad ottenere le fermate dei treni per le domeniche e festivi.

L’attuale servizio infatti, malgrado le enormi aspettative, non prevede alcuna fermata dei treni presso la fermata ferroviaria di Sferracavallo durante i giorni festivi e le domeniche. Una notevole carenza considerata la presenza di tante strutture ricettive nella borgata e una parte della riserva naturale di Capo Gallo. La fermata a Sferracavallo rappresenta un importante infrastruttura per la fruizione del territorio.

Sembra che le fermate verranno istituite dal 14 Luglio fino a 1 Settembre. Dal sapore di sperimentazione, meglio tardi che mai anche se spiace constatare che tali variazioni andavano previste fin dall’apertura del Passante Ferroviario. Ciò al fine di agevolare gli utenti  (e non solo loro) per meglio organizzare la stagione e gli spostamenti. Insomma, è pianificare.

Come pure la nostra proposta di variare il percorso dell’attuale navetta estiva 88. E qui la competenza è dell’Ufficio Traffico e Mobilità del Comune di Palermo. Qualcuno si sveglierà in tempo?

 


comitato sferracavallopassante ferroviario palermoSFERRACAVALLOtrenitalia

12 commenti per “Sferracavallo | I treni fermeranno anche la domenica e festivi
  • Il Mare Di Sferracavallo 8
    19 giu 2019 alle 11:44

    Vorrei ringraziare il gruppo di Mobilita Palermo per essere riuscita a veicolare il nostro appello e convincere Trenitalia ad aprire la stazione di Sferracavallo nei giorni festivi e le domeniche.
    Il nostro auspicio è che in futuro si riesca a tenerla aperta tutto l’anno, e che l’ufficio Traffico e Mobilità del comune possa variare le corse del bus navetta 88 in modo tale che preveda il transito dalla stazione.
    Grazie.

  • punteruolorosso 2295
    19 giu 2019 alle 18:45

    e aspettiamo i marciapiedi e l’illuminazione di via palazzotto, il collegamento pedonale con la piazza, la bretella di via nicoletti, il tram, il pennello a mare…

  • palermocity20 10
    19 giu 2019 alle 21:48

    Un’altra cosa da sistemare è che su google maps l’indicazione del segnaposto è in un luogo errato totalmente, portando le persone in un posto diverso. Purtroppo segnalato più volte a google ma senza successo. @mobilitapalermo potete fare qualcosa ?

  • rudi gi 111
    19 giu 2019 alle 23:39

    “IL MARE DI SFERRACAVALLO” chieda anche il presidio della polizia municipale nelle domenica estive, dell’incrocio fra via sferracavallo e via nicoletti, quando gli incolonnamenti in autostrada in direzione Trapani, fanno deviare gli automobilisti su via Nicoletti, congestionando la via sferracavallo e la via Palazzotto in direzione Palermo.

  • Palerma La Malata 495
    20 giu 2019 alle 21:00

    Tutti gli impiegati dell’Ufficio Traffico e Mobilità del Comune di Palermo avranno i cervelli ridotti a pappa per non aver pensato una cosa del genere, che ci si aspetta essere parte del loro lavoro, e per aver dovuto necessitare di una svegliatina da parte un comitato di cittadini.
    Ancora una volta Palermo si dimostra essere una città senza speranza in mano a persone senza il minimo senso di direzione professionale ne’ il minimo senso di vergogna per le loro inadeguatezze.

  • Orazio 1331
    06 mar 2020 alle 14:12

    Ho sperimentato oggi la fermata di Sferracavallo, approfittando di una giornata libera e del bel tempo. Solo una cosa non va, il fatto di dover percorrere, per arrivare alla borgata, qualche centinaio di metri senza marciapiede e con una curva che impedisce in quel punto una buona visibilità, con forte rischio per i pedoni che camminano lato monte. Eppure lo spazio per creare un marciapiedi in entrambi i lati della strada c’è, nella curva c’è solo da un lato.

    Chiedo alla Circoscrizione o al Comune (vedranno loro a chi spetta) di attivarsi affinché vengano effettuati questi semplici lavori in modo da creare un passaggio pedonale sicuro anche di sera quando, al momento, immagino che il pericolo diventi molto elevato. Costi pochi, benefici tantissimi.

    • punteruolorosso 2295
      06 mar 2020 alle 18:31

      sarebbe già qualcosa, ma va fatto il collegamento diretto fra la stazione e la piazza. servono anche navette e illuminazione. la stazione è ottima, permette a sferracavallo di non dipendere dai soli 628 e 616. è però assai brutta, con quelle tettoie industriali che non c’entrano niente con il contesto paesaggistico e urbano. avrei utilizzato dei motivi che richiamano palermo, non quelle lamiere forate o quelle grate che impediscono la vista del mare da una stazione che potrebbe essere panoramica e avere addirittura una terrazza con un caffè e un giardino. ma non abbiamo neanche le cose più semplici.

      • Orazio 1331
        06 mar 2020 alle 20:23

        Il collegamento diretto con la piazza non saprei come si possa realizzare, probabilmente si dovrebbe aprire qualche passaggio, ma non conosco i luoghi. La navetta: forse quella estiva balneare, ma la stazione è così vicina al centro abitato che per Sferracavallo non servirebbe.

        Lo stile è standard, quello hanno fatto… nè bello nè brutto a mio avviso, proprio insignificante, un non luogo come tanti.

        • punteruolorosso 2295
          07 mar 2020 alle 8:31

          @orazio

          http://palermo.mobilita.org/2019/03/22/video-esclusivo-tram-la-nuova-linea-lanza-di-scalea-sferracavallo-tratta-g/

          la tratta g del tram comprende il collegamento piazza-stazione. al momento la linea è scartata grazie anche ai detrattori di quest’opera, che da un lato sono contrari a che il tram passi dal centro città perché deturpa via libertà, dall’altro si oppongono alle linee in periferia perché, dicono, tanto c’è già il passante. certo la linea g porterebbe un sacco di benefici alla borgata, ma il tram che ancora non esiste viaggia già vuoto, e la linea mai realizzata sta già rovinando via libertà e togliendo un sacco di spazio alle auto. al contrario, la metro non ancora scavata sta già apportando un sacco di benefici al traffico in centro e in periferia, che al solo pensiero della metro sti sta canziando p’u scanto.

          qui vedi i dettagli. dalla piazza, bisognerebbe prolungare la via catullo verso la stazione. ci sono dei terreni in parte privati da espropriare. sarebbe la soluzione finale per la stazione. ricordiamoci che la vecchia stazione, poi abbattuta, oltre ad essere un edificio bellissimo di inizio novecento, era collegata al paese tramite delle scalinate che ci sono ancora.
          anche qui, come per la lolli, si sarebbe potuto recuperare quello che già c’era, una stazione storica
          http://getyourimage.club/resize-7-march.html

          se la linea g non dovesse essere mai realizzata, si proceda comunque a fare il parcheggio, il collegamento piazza-stazione, i marciapiedi, l’illuminazione e le navette.

          • Orazio 1331
            07 mar 2020 alle 9:08

            Grazie mi sono fatto un’idea. Certo, a prescindere dal tram, si dovrebbe realizzare il passaggio.


Lascia un Commento