30 ott 2018

Sbarca la raccolta differenziata in Centro Storico


Palermo – Alla presenza dell’Amministratore di Rap Giuseppe Norata e dell’intero Consiglio di prima circoscrizione guidato dal Presidente Massimo Castiglia sono state consegnate a tutte le  attività produttive presenti in  piazza Carmine, all’interno del mercato Ballarò, le chiavi dei contenitori da 1100 litri che da oggi saranno istallati nella suddetta via, da adibire alla raccolta differenziata dell’organico in particolare modo  degli scarti vegetali. Saranno dati in comodato d’uso ai commercianti muniti di lucchetto affinchè venga impedito l’utilizzo improprio da parte di ignoti.  Sarà la Rap giornalmente durante il turno notturno con compattatore dedicato a provvedere allo svuotamento dei contenitori per poi inviarli all’impianto TMB di Bellolampo  per la realizzazione di fertilizzante di qualità.

Un’operazione che con l’aiuto e la condivisione degli operatori commerciali che hanno accolto con positività l’iniziativa , consentirà di offrire un sistema più efficace di raccolta dei rifiuti, migliorerà il servizio di pulizia delle aree e nel contempo farà aumentare la quantità e la qualità della raccolta differenziata.

“Gli operatori economici sono particolarmente coinvolti in questo progetto – spiega l’Amministratore Unico Rap Giuseppe Norata –  e hanno recepito il messaggio più ampio che è quello della salvaguardia dell’ambiente e del  pianeta. Sono circa 20 i commercianti che hanno firmato con Rap e il presidente della circoscrizione un contratto per l’avvio della raccolta dell’organico. Non è l’unica iniziativa  -  continua Norata – che stiamo portando avanti;   già da questo fine settimana l’area raccolta differenziata di Rap  ha avviato il servizio della raccolta selettiva dell’organico anche al Capo, in via Montalbo oltre che a Ballarò anche con risultati soddisfacenti:  venerdì 26 ottobre sono stati raccolti 2.520 kg di organico, sabato 27 ottobre , le tonnellate hanno raggiunto 2.840 tonnellate. Questo vuole essere un assaggio al servizio di  raccolta differenziata “porta a porta” presso le grandi utenze e che necessariamente a fine mese , il 27 novembre , vedrà il centro storico coinvolto”. Nonostante questi sforzi per la Raccolta Differenziata , dobbiamo  nostro malgrado rilevare  come l’impianto di Bellolampo subirà , si spera per poco, un fermo in quanto i limiti di spazi imposti con la vecchia autorizzazione sono stati già raggiunti e dalla Regione non si hanno notizie dell’autorizzazione alla modifica sostanziale per potere ampliare i volumi”.

“L’iniziativa fortemente voluta dalla circoscrizione- spiega il presidente della prima Massimo Castiglia – vuole essere una piccola pillola che introduce l’avvio del servizio porta a porta all’interno della circoscrizione che presiedo e che introduce allo step quattro. Altre iniziative vedranno la circoscrizione coinvolta non in ultimo l’avvio della raccolta differenziata dell’organico e degli scarti alimentari, nei prossimi giorni, anche nelle piazze sia del Capo che della Vucciria”.


Ballaròraccolta differenziatarap

3 commenti per “Sbarca la raccolta differenziata in Centro Storico
  • punteruolorosso 1949
    30 ott 2018 alle 8:28

    ottimo. preoccupa invece la situazione di bellolampo.
    quindi si produrrà fertilizzante?
    e le plastiche oggi differenziate? esiste una piattaforma per la trasformazione?
    o alla fine viene buttato tutto insieme?
    è chiaro che bellolampo, e le discariche in genere, non sono il futuro.
    il grande governo del cambiamento ha bloccato un inceneritore a pace del mela (milazzo) per motivi elettorali.
    l’inceneritore non è neanche una soluzione, ma sembra che sia di gran lunga preferibile alle discariche. queste ultime sono gestite da compagnie private con agganci politico-mafiosi. la politica e la mafia mangiano sui rifiuti, e traggono profitti dall’emergenza.
    bisogna dunque per prima cosa uscire dall’emergenza, e interrompere il circolo vizioso, il paradosso che rende conveniente inquinare.
    i passi da fare:
    1) differenziata ai massimi livelli
    2) piccoli impianti d’incenerimento per la parte residua
    3) abolizione di sacchetti di plastica e imballaggi.
    4) abolizione della plastica, sostituita dai surrogati che si ottengono dalla riconversione di rifiuti organici (esperimento andato a buon fine in diversi laboratori)
    5) biodegradazione di tutta la plastica degli oceani grazie a dei batteri (esperimento riuscito su piccole porzioni di oceano)

    • peppe2994 3140
      30 ott 2018 alle 10:11

      Non allarghiamoci oltre il punto 1.
      È fondamentale il porta a porta a tappeto in tutta la città. Senza la situazione sarà sempre la stessa.

      L’introduzione a step sta solo alimentando l’inciviltà con il turismo della spazzatura che ha raggiunto livelli impensabili.

  • danyel 443
    03 nov 2018 alle 19:27

    Ma se la città è sommersa dai rifiuti .. per l’ennesima volta! Quale differenziata?


Lascia un Commento