07 ago 2014

Magione, proteste dei residenti contro la pedonalizzazione


Questa mattina doveva essere attuato un altro step per pedonalizzare un’area attorno alla Magione e dare seguito ai provvedimenti dei giorni scorsi.  Nello specifico l’intera piazza, via Castrofilippo, via Teatro Garibaldi, via dello Spasimo. In quest’ultima strada, i residenti hanno protestato vivacemente bloccando la strada coi cassonetti dei rifiuti.

Foto by Social Palermo

proteste-pedonalizzazione-magione-spasimo_02

 

proteste-pedonalizzazione-magione-spasimo_01

 

proteste-pedonalizzazione-magione-spasimo_03

 

Qui di seguito la mappa completa delle aree pedonali nell’intero Mandamento.

1 mandamento tribunali


centro storico palermopedonalizzazione centro storicoPiazza Magionespasimo palermovia Castrofilippovia dello Spasimo

20 commenti per “Magione, proteste dei residenti contro la pedonalizzazione
  • ingegno 0
    07 ago 2014 alle 14:18

    Parcheggi gratis… abolizione apcoa…. navette gratis a go go…. arredo urbano …. controllo delle forza di polizia… polizia municipale libera da ordinanze comunali assurde… e caro Orlando puoi pedonalizzare tutta palermo. Se fai come stai facendo tra poco ti ritroverai sotto la tua residenza tutti i commercianti , i residenti , gli automobilisti incazzati che vengono a mangiare a casa tua . Perché non hanno più un euro .

  • gaetano73 47
    07 ago 2014 alle 15:15

    @ingegno: le tue mi sa che sono tutte scuse…ho provato ad aprire google maps e a fare un esperimento: mettiamo il caso che io abito in via Riso e posteggio in Via Lincoln…sai quanti metri sono di distanza? 450!!! puoi anche posteggiare in Via Pardi (220 metri!!!). Vuoi dirmi che ti crea un problema? vuoi dirmi che 200 metri a piedi sono troppi? smettiamola con questi anacronismi

  • cuter 63
    07 ago 2014 alle 15:38

    Lo so che mi vomiterete addosso di tutto ma io guardo la prima foto e vedo solo 3 palazzine che non avrebbero mai dovuto essere costruite: primo perché in mezzo ad un complesso storico e monumentale diffuso che così viene svalutato, secondo perché troppo brutte per essere accettabili (e ce n’è a migliaia, lo so).
    Cosa dovrebbe essere possibile fare per me è evidente, “ABBATTERLE E DELOCALIZZARE I RESIDENTI”.
    sono pronto agli insulti…

  • Leonardo 35
    07 ago 2014 alle 15:42

    se si pedonalizza troppo, si penalizzeranno le strade non pedonalizzate, tutto il traffico si riverserà li, con un inevitabile aumento dell’inquinamento. piazza magione spesso è una scorciatoia. Gli amministratori si chiedono che strada alternativa bisogna fare?

  • Mr.Head 242
    07 ago 2014 alle 16:22

    @gaetano73: intanto i residenti devono avere l’ opportunità di raggiungere le loro abitazioni (possono esserci anziani e persone disabili);
    @Leonardo: in alcune città italiane il centro storico è totalmente chiuso al traffico e non ci sono strade alternative – L’ alternativa è cambiare la mentalità del palermitano utilizzando mezzi diversi!!!;
    @cuter: hai visto bene le fotografie? Il problema di quella via non sono le palazzine ma il degrado e la sporcizia!!!!!!

  • Mr.Head 242
    07 ago 2014 alle 16:36

    ps: avete visto il ciglio della strada piena di erbacce?… in queste condizioni non è degna per essere un’ isola pedonale!!!!!!

  • fabdel 989
    07 ago 2014 alle 16:42

    che posto affascinante… cipressi (che in una città mediterranea non c’entrano nulla), orribili palazzoni, verande, parabole e tende in bella vista, rifiuti per terra e tanti pezzenti per strada… uno spettacolo per gli occhi… *vomito*

  • Leonardo 35
    07 ago 2014 alle 17:12

    Mr.Head scrive:

    @Leonardo: in alcune città italiane il centro storico è totalmente chiuso al traffico e non ci sono strade alternative – L’ alternativa è cambiare la mentalità del palermitano utilizzando mezzi diversi!!!;

    sono d’accordo a chiudere tutto, ma NON così ! sono favorevolissimo ai mezzi pubblici.

  • zavardino 224
    07 ago 2014 alle 17:35

    infatti chiudiamo tutto e creiamo due linee di bus stazione centrale-massimo e orleans-piazza marina. Si sosta ai limiti del centro storico. Deroghe limitatissime e presidio costante dell’area. Semplice.

  • ingegno 0
    07 ago 2014 alle 20:46

    @gaetano73 . Per come scrivi il tuo commento mi sembri il tipo che dello sviluppo economico e sociale del centro storico non te ne freghi proprio nulla !!! ….Mi sembri il classico tipo più da centro commerciale . Secondo te è normale che un palermitano si deve fare 200 metri a piedi pagare 1 euro l’ora il parcheggio , se lo trova, e per giunta magari essere scippato o rapinato perché l’ordinanza del sindaco vieta che le auto di polizia o vigili passano per esempio da via maqueda o oppure , sempre il palermitano preferisce andare in un centro commerciale , parcheggiare gratis , stare in sicurezza perché pieno di guardie private . Il centro storico non si popola con gli interventi a meta’ , ma con un piano serio e credibile .

  • alvarezlimao 150
    07 ago 2014 alle 23:46

    Abolire le strisce blu, nuovo piano amat, biglietto a 1,20 anziché 1,40 valido su metro e bus, linee Express dal parcheggio Basile e dalla rotonda oreto, navette ibride in centro storico ecco la soluzione!

  • lorenzo80 582
    08 ago 2014 alle 11:39

    La terza foto è magnifica, un ritratto neorealista, la signora oversize in nero che sbraita contro i vigili mi sembra quasi di sentirla!

  • antony977 165912
    08 ago 2014 alle 13:46

    Servirebbero anche delle isole ecologiche, telecamere e una bella navetta bus.
    Non ci si limiti alla sola chiusura.

  • cuter 63
    08 ago 2014 alle 15:26

    @ Mr.Head
    Le ho viste le foto e rimango della mia idea. La costruzione di quelle palazzine è l’origine di metà dei problemi di quell’area quindi rimango della mia idea.
    Ma come fanno ad esistere in pieno centro “storico”?

  • Mr.Head 242
    08 ago 2014 alle 16:45

    Credo che facciano parte del piano d’ intervento dello Stato per realizzare nell’ immediato secolo dopoguerra edilizia pubblica in tutto il territorio italiano – in pratica sono le case dell’INA -

  • caudino 118
    09 ago 2014 alle 8:33

    Mah!…. Il senso di questa pedonalizzazione mi sfugge. Mi suona tanto di sindrome di inferiorità.
    Non c’è criterio, non c’è visione del futuro, non c’è un ca! E in questa scelta spero anche i fanatici della bicicletta se né rendino conto.
    Se possibile, stiamo perpetuando gli errori e la rovina di una delle città più belle d’Europa.

  • AnimosaCivitas 0
    09 ago 2014 alle 13:58

    mah..io sono un convinto sostenitore delle pedonalizzazione in centro storico. Le più belle città d’Europa hanno centri storici pedonalizzati e ben forniti da mezzi pubblici.
    Ma attenzione, mi trovo anche d’accordo con chi muove i dubbi sui metodi e i criteri di queste nostre pedonalizzazioni.
    Quando si porta avanti una scelta di questo tipo, che cambia inevitabilmente l’aspetto e il modo di vivere di una città e, sopratutto dei suoi cittadini, bisogna essere pronti a tutto e bisogna a farlo nel modo più giusto.
    Venendo al caso specifico, è facile dire che bisogna avere il pugno di ferro e fregarsene di chi abita le zone interessate dagli interventi
    (e se devo essere sincero, non mi sembra neanche piuttosto gentile e corretto basarsi sull’aspetto o l’estrazione sociale di chi abita quegli orribili palazzoni. Lì hanno casa, ci sono da anni, e suppongo pure che se ne avessero la possibilità, andrebbero sicuramente altrove, in zone residenziali molto più “nobili”, poi magari sono davvero dei “panormosauri”, ma non possiamo dirlo così per partito preso).
    La pedonalizzazione e la riqualificazione della Magione, della Kalsa e di tutto il mandamento in generale è una cosa sacrosanta, anche perchè a mio avviso è la parte di centro storico più bella che abbiamo, ma secondo me non si può realizzare in maniera totale ed indiscriminata.
    Per la strada oggetto della protesta in oggetto, ad esempio, io non vedo l’esigenza della pedonalizzazione. E’ sicuramente un asse di collegamento tra la Magione e la Kalsa, e lì si trovano lo Spasimo e l’oratorio dei Bianchi, ma a parte questo, non vi sono attività commerciali, o è una strada particolarmente ricca di bellezze artistiche tale da essere un possibile luogo di passeggiate. E posso essere anche abbastanza sicuro e pronto a scommettere che non si vedrà, dopo tale intervento, il pienone di gente a piedi che ne prende simbolicamente possesso.
    Insomma non è mica la Via Maqueda che viene restituita ai cittadini. diciamoci la verità.
    Secondo me lì basterebbe vietare la sosta e renderla così libera visivamante e anche praticamente, così da essere facilemente percorribile per bici e pedoni senza rischi.
    Poi non so, questa è la mia idea.
    Viva sempre la bici e piedi.


Lascia un Commento