26 lug 2013

Piazza San Domenico e il riscatto della Palermo CIVILE


Ecco a voi il video reportage del meraviglioso raduno di oggi per la contro-protesta di Piazza San Domenico! C’è un’altra Palermo che guarda, c’è un’altra Palermo che FA. Buona visione!



1077261_690057567675062_1466710505_o


assessoricommerciantiisola pedonale piazza san domenicomuovitypiazza san domenicoposteggiatori abusiviprotestaricostruiamo piazza san domenicosantuzzasindaco orlando

37 commenti per “Piazza San Domenico e il riscatto della Palermo CIVILE

Comment navigation

  • pepposki 310
    27 lug 2013 alle 13:23

    Mi siddia fare un commento politico, ma a chi oggi si lamenta per la “grascia” vorrei chiedere dove eravate mentre la precedente amministrazione ed il suo CdA di AMIA S.p.A. se ne andavano a Dubai ad esportare non si sa cosa…..e si pagavano cene con aragoste, hotel di prima classe con i nostri soldi…invece che programmare un piano industriale per far vivere l’azienda di igiene urbano…..

  • Templare 453
    27 lug 2013 alle 13:25

    Concordo su quasi tutto quello che ha scritto Marco92, ho scritto anche in un altro topic la mia provocazione sul fatto che l’Orlando che oggi si indigna per i delinquenti che hanno messo sottosopra piazza S. Domenico è lo stesso che invece ha dialogato eccome (e mi limito qui) con i Gesip che hanno fatto le stesse cose a più riprese nell’ultimo anno. Chiedo scusa in anticipo a quelli che hanno la santina del Sindaco sul comodino, ma io da questo punto di vista sono ateo.

    Detto questo, mi pare scontato che commercianti e posteggiatori hanno fatto quello che hanno voluto perché a Palermo non esiste alcun controllo del territorio. Sarebbe il caso che in Prefettura più che al Comune, qualcuno inizi a porsi domande.

  • normand 13
    27 lug 2013 alle 13:39

    ..non dico che parcheggi ed infrastrutture non servano..

    ..per carita’..

    Attenzione pero’ a dire che senza di essi non si va avanti con le pedonalizzazioni, perche’ altrimenti si rischia di cadere in un circolo vizioso, per il quale siccome prima bisogna creare il parcheggio allora allla fine stiamo altri 50 anni senza pedonalizzare..

    Diventa una scusa..

    In secondo luogo, ma siamo prorpio sicuri che sia necessario al 100% costruire parcheggi?

    Ma magari a Palermo il problema piuttosto non sara’ mica ‘culturale’? Pensiamoci, pensiamo a tutti quelli che anche se si tratta di scendere per comprare le sigarette si devono prendere la macchina, che per andare a mondello idem, cosi come per andare dovunque..

    Credo di non avere mai visto un popolo cosi ‘pigro’ come il nostro..

    In terzo luogo, signori: piu parcheggi si creano piu auto si usano..(se so che per andare in centro ci sono tanti parcheggi allora sono incoraggiato a prendere l’auto)..

    Parlo con cognizione di causa..io non posseggo, per scelta, un auto..uso i miei piedi, anche quando sono a palermo..oppure esco in bici..copro anche distanze non indifferenti..e vi assicuro che sono ancora vivo..

    Ma dico, e’ proprio impossibile pensare che la pedonalizzazione debba necessariamente essere agganciata ad un discorso di parcheggi?

    In ultimo, ma cosa c’entra Orlando con tutto sto discorso? Sta citta’ e’ stata mortificata e stuprata per almeno 50 anni con le colate di cemento a distruggere il liberty e ad allontanare la gente dal centro storico, e ce la prendiamo con l’unico sindaco che e’ stato quello che dal’93 ha avviato tutta l’opera di riqualificazione del centro storico?

    Boh..

    (E con questo non dico che bisogna fargli una statua, o che non ha sbagliato in altro modo, o che mi piace per forza o che ci ho votato..)

  • V:E:N:D:E:T:T:A 154
    27 lug 2013 alle 14:18

    allora facciamo un discorso terra terra. Non vado a comprare le frutta a ballarò perchè non ci sono parcheggi e non la metto in doppia fila. In bici non mi carico 10kg di frutta. L’ autobus è ridicolo.
    se aspettiamo che i tram e la metro colleghino tutto allora stiamo freschi

    Quindi un utente in meno. se impedissimo giustamente a tutti di parcheggiare in zone vietate. a ballarò ci andrebbero solo quelli che abitano nelle vicinanze.

    tra l’altro ci sono almeno 2 progetti di parcheggi: quello di piazza sturzo e alla stazione centrale tatalmente dimenticati.

    @normand: il discorso di disincentivare una mobilità al posto di incentivarne una più sostenibile. è un gioco al ribasso.
    Quindi siccome tu non hai bisogno di un’ auto tutti quelli che ce l’hanno dovrebbero venderla? Ed attenzione io odio usarla ed ho la bicicletta. Ma non sempre si può evitare l’auto.
    Poi piccola considerazione personale sulla bici: quando ci sono 35 gradi e devo fare la strada dal mare verso il parco cassarà ( tutta salita ), sinceramente l’idea della macchina non mi dispiace.

    Perchè i centri commerciali hanno avuto fortuna? sono facili: arrivi parcheggi gratis. hanno l’aria condizionata ed i negozi sono tutti concentrati un pochi metri.

  • piero68 114
    27 lug 2013 alle 18:40

    @vendetta:non capisco proprio quello che dici.La citta’ si e’ sviluppata su una pianta che non prevedeva zone pedonali? E piazza San Domenico cos’era?Tu parli degli ultimi 60 anni, ma io allargherei il discorso anche agli anni precedenti.Ma perche’ il centro storico e’stato concepito per farci passare migliaia di macchine, per posteggiarle nelle piazze storiche, oppure per i pedoni, i carretti, i tram?Il centro storico va pedonalizzato gradualmente proprio come fanno nelle altre citta’ italiane e non, dove e’ assolutamente la normalita’ e non se ne discute nemmeno.Tu parli giustamente di successo dei centri commerciali per la facilita’ di parcheggio, ma ne vedi in centro?Sono tutti in zone periferiche, dove c’e’ abbastanza spazio, in centro storico no.L’errore e’ stato quello di concentrare attivita’ di vario genere, dai negozi alle banche, dalle scuole agli uffici,all’interno del territorio storico, con conseguente aumento del traffico veicolare verso questo, piuttosto che prevedere il loro sviluppo in altre zone della citta’.E poi mentre il parco veicoli aumentava a dismisura a partire dagli anni 60, la citta’ storica e’ rimasta strutturalmente quella di sempre.

  • V:E:N:D:E:T:T:A 154
    27 lug 2013 alle 20:43

    allora spostiamo tutto così il centro diventa una specie di Erice formato gigante, solo bar e souvenir.

    Dico che tutto si è sviluppato senza prevedere aree pedonali e quindi abbiamo, appunto, un centro che svolge funzioni di ogni tipo. Alcune non si possono spostare anche se non sono adatte al luogo dove sono. I parcheggi lungo il perimetro sono una cosa sensatissima.

    Mentre il parco macchine decennio dopo decennio cresceva cosa ha fatto questa città per sistemarle? le strisce blu.Questo è stato il grande sforzo.

    1)tutti i sotterranei dei degli edifici hanno finio d’uso diverso da quelli di parcheggio e si riversano tutti in strada.
    2) gli incroci, anche quelli nuovi, sono fatti per i carretti.
    3) non ci sono semafori che funzionano con criterio

    Siamo indietro anche dal punto della mobilità privata secondo me.

  • gcortina 3
    27 lug 2013 alle 22:58

    Nei primi minuti si evince l’ignoranza e la mentalità mafiosa di alcuni palermitani se così li vogliamo chiamare!!! “MA TU CU SI’!!” “TU SI UN PISCITELLO VATTINI PRIMA CHE TI ISU I MANI” gente che non conosce il dialogo, ma per fortuna ieri i veri palermitani li hanno umiliati con tanta civiltà e amore per la propria città!!

  • Argentina 41
    28 lug 2013 alle 6:19

    Orlando furioso con la bocca spalancata non è un belvedere. Comunque, secondo me, finirà al solito modo: tarallucci e vino!

  • normand 13
    28 lug 2013 alle 12:38

    @vendetta

    Premesso che ognuno di noi fa le sue scelte in merito a come spostarsi e che quindi non ho nessuna pretesa a che gli altri vendano le proprie auto (ci mancherebbe altro), di seguito alcune considerazioni, nate dal tuo post..

    - da che mondo e mondo, neanche io se devo comprare 10 kg di roba ci vado a piedi..per la spesa ‘grossa’ ci si organizza e si va nei supermercati o centri commerciali..magari anche piu lontani dal centro..ma se invece devo andare per la spesa piu ‘piccola’ potro’ anche farmi due passi ed arrivare alla vucciria? (esistono delle comodissime sacche tipo trolley per fare la spesa: fatica zero e ci entra un infinita’ di tutto..)

    - disincentivare un tipo di mobilita’ (quella che inquina e che rovina i monumenti oltre che deturpa il centro per intenderci) verso una piu sostenibile non e’ un gioco al ribasso, semmai un ‘gioco’ verso la civilta’ e la rinascita del centro..( ma poi ‘ribasso’ per chi? Per le case automobilistiche ed i produttori di petrolio? E chi se ne frega!)

    - d’accordissimo con te sui progetti di parcheggi, buttati nel dimenticatoio..ma proprio per questo ti dico: viste le lungaggini che ci sono e che ci saranno ahinoi sempre per fare qc, non ci possiamo permettere, secondo me, di bloccare le pedonalizzazioni (se e quando ci saranno) aspettando i secoli..

    - quello che intendo dire e’ che il discorso ‘pedonalizzazione’ e quello ‘ parcheggi’ possono anche procedere con tempi e binari separati: intanto iniziamo a pedonalizzare, gradualmente e con criterio se possibile, e poi intanto si portino avanti anche i progetti infrastrutturali..

    - e poi insisto sul discorso culturale, che non me lo leva nessuno dalla testa: non posso quantificare ma a mio giudizio, assolutamente personale, si fa a palermo un uso ‘sproporzionato’ dell’ auto rispetto al fabbisogno..

    - a questo proposito l’esempio e’ nel filmato quando ad un certo punto il commerciante dice ‘ ma se mi deve venire a trovare una persona? Ecco, fossi stato il suo interlocutore gli avrei risposto : la persona s’ attacca..si piglia una bici o si fa due passi e ti viene a trovare..un auto in meno e gli scala pure la panza..ora vedi tu se dobbiamo ricreare lo schifo in p.zza con auto e parcheggiatori perche’ se no il tuo amico non viene..! (Vedi? Addirittura il commerciante si preoccupava di come faceva l’amico a venirlo a trovare?! Ma ri rendi conto a che livello siamo, anzi, sono arrivati?)

    - molte persone dovrebbero imparare ad usare l’auto un po di meno gradualmente, come le sigarette quando si vuole smettere..molti la usano a mo di ‘capriccio’..

    - un’ultima cosa: 35 gradi quante volte all’anno ci sono? 10-15? Credimi, fare movimento, godendosi la propria citta’ senza fare ‘bile’ nel traffico val bene una ‘sudata’..

    Un saluto..

  • V:E:N:D:E:T:T:A 154
    28 lug 2013 alle 15:20

    secondo me è una scorciatoia pedonalizzare e rimandare i servizi collegati a 2030. Ma la pensiamo divesamente.
    Però non dirmi di andare al supermercato per comprare la frutta. Questa è una cosa che non invidio proprio alle altre città. A Palermo l’ unica cosa buona è la vendita di frutta e verdura nei mercati, che sono il nostro DNA.

  • normand 13
    28 lug 2013 alle 15:45

    Forse mi hai frainteso: io non parlo di ‘rinviare’ proprio nulla..

    Partiamo da premesse simili:fosse per me i ‘servizi’ andrebbero fatti in tempi ragionevoli..ma sappiamo tutti poi quanto tempo passa.

    (Il progetto..il bando..l’aggiudicazione..il ricorso..le lamentele dei cittadini appena partono i lavori, lo stop ailavori..i costi che lievitano..le varianti al progetto..e intanto i figli addiventano nonni)

    Quindi? Piaccia o non piaccia, piu semplice progettare in modo sensato la pedonalizzazione..

    Intanto almeno parte quella..(parallelamente partono i progetti per le infrastrutture e li ci facciamo il segno,della croce sperando che vadano avanti, tieni presente che su alcuni di essi non e’ competente neanche il comune ma altri enti)

    Altrimenti, con lo stesso criterio che usi tu, si rischia il caso opposto e cioe’ che con la scusa delle infrastrutture si crea l’alibi per cui ‘non pedonalizziamo fino a che non si realizzano parcheggi ed infrastrutture’..

    Cosi’ intanto porta nuova cade ed i 4 canti diventano neri come il carbone..e a domino tutti i monumenti del centro, che tra smog e vibrazioni si arrictiano che e’ una bellezza..

    Quanto alla frutta ed alla verdura, io facevo un discorso diverso (spese grosse e spese piccole)..

  • manu70 79
    29 lug 2013 alle 7:49

    Scusate ma la percentuale di palermitani che partono dalle periferie per andare nei mercati storici credo si molto bassa oramai con la massiccia presenza di super e iper mercati in tutta la citta , la possibilita di acquistare frutta e carne è illimitata e con la vita frenetica di oggi cogli l occasione che ti viene per strada per ottimizzare i tempi.

  • lorenzo80 582
    29 lug 2013 alle 10:00

    Che dispiacere! Ero a Palermo quel giorno ma non sono potuto venire lo stesso! Ma ero lì col cuore, forse c’è ancora speranza! Grazie a tutti quelli che ci sono andati!

  • Sizilianisch 74
    29 lug 2013 alle 11:59

    Non comprendo il motivo per cui secondo alcuni la pedonalizzazione richieda la realizzazione di parcheggi. Come già detto da qualcuno, il Centro Storico di Palermo si è sviluppato in un’ epoca in cui l’auto non aveva ancora fatto la sua comparsa, pertanto il traffico era costituito da carrozze trainate da cavalli e pedoni, ergo sono le auto che circolano all’interno dell’area le vere intruse. Se si impedisse alle auto di circolare all’interno del Centro Storico e se come dissi in un post di qualche tempo fa, si facesse in modo che tutti gli scantinati dei palazzi tornassero ad essere destinati ad uso parcheggio, avremmo un centro storico talmente libero da auto che potrebbe essere percorso da bus e/o bus navette ( nelle strade più strette ) senza più correre il rischio di restare bloccati a causa dell’imbecille di turno che parcheggia l’auto a ca**o di cane. Un Centro Storico coperto da un buon servizio di trasporto pubblico, non richiederebbe l’uso dell’auto, dunque, si eviti di considerare essenziale la realizzazione di parcheggi per dare il via alle pedonalizzazioni, anche perché come sappiamo, la realizzazione di infrastrutture richiede tempi lungi ed imprecisate somme di denaro per non parlare dei vari comitati costituiti dai cittadini disturbati dagli eventuali lavori, come di fatto è avvenuto per il tram e per il passante. Purtroppo il Panormosauro vuol godere di un beneficio senza sopportare alcun sacrificio.. ma non è così che funziona! Soprattutto quando si parla di realizzare un’infrastruttura. Caro Panormosauro, o ti adegui o andrai verso l’estinzione. Io francamente spero in quest’ultima.


Lascia un Commento