29 nov 2010

Riciclo lampade esauste. Uno contro uno!


Dal 18 giugno 2010, i consumatori possono restituire, in rapporto di 1 a 1, le vecchie lampade al momento dell’acquisto di quelle nuove presso i punti vendita della distribuzione.

Tutti i cittadini potranno anche consegnare gratuitamente ai negozianti l’apparecchiatura non più funzionante da sostituire, comprese le lampade fluorescenti esauste, quando ne acquisteranno una nuova equivalente. Le sorgenti luminose oggetto della normativa riguardano le seguenti tipologie di prodotti:

  • i tubi fluorescenti lineari e non;
  • le lampade fluorescenti compatte non integrate;
  • le lampade fluorescenti compatte integrate a risparmio di energia;
  • le lampade a scarica ad alta intensità, ad alta e a bassa pressione;

Il consumatore avrà quindi due possibilità per gestire in maniera corretta le proprie sorgenti luminose esauste e i propri Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche.

  • Portare queste tipologie di rifiuti presso l’isola ecologica del proprio Comune presso cui sono presenti i contenitori per la raccolta. Ecco i centri della provincia di Palermo:
  Provincia Comune Cap Indirizzo  
  PA  Bisacquino  90032  Contrada catrini, - 
   
  PA  Carini  90044  Via Don Milani, 32e 
   
  PA  Monreale  90046  Via ponte parco, 15 
   
  PA  Palermo  90129  Viale Regione Siciliana Sud Est, 90121 
   
  PA  Petralia Sottana  90027  Contrada vurgi, snc 
   
  PA  Santa Flavia  90017  Strada Provinciale 88 km, 3 
   
  PA  Termini Imerese  90018  Contrada Canne Masche, 1/a 
   

Per conoscere le altre isole ecologiche più vicine collegati su www.cdcraee.it

  • Recarsi presso il proprio rivenditore e, all’acquisto di una nuova apparecchiatura, riconsegnare la vecchia non più funzionante.

Il cittadino avrà quindi a disposizione una nuova, più semplice e veloce, modalità di raccolta differenziata di questi rifiuti.

 


comune palermoconsorzio raee ecolampecolampprovincia palermoraccolta differenziataraee

Articolo successivo

9 commenti per “Riciclo lampade esauste. Uno contro uno!
  • lorenzo80 582
    29 nov 2010 alle 15:23

    Molto interessante! Piuttosto, io avrei alcune batterie scariche di cui liberarmi e non voglio gettarle insieme agli altri rifiuti per ovvi motivi. Sapete dove le posso portare a farle smaltire? Grazie mille!

  • Lele 6797
    29 nov 2010 alle 15:35

    @lorenzo, puoi andare in questo centro COBAT:
    BRUGNANO srl 1/a, v. Langer – PALERMO o se sono pochi pezzi, puoi cestinarli negli appositi cestini vicino le grosse farmacie o i tabaccai di Palermo.

  • Lele 6797
    29 nov 2010 alle 16:06

    @palermolibera, elettrodomestici, batterie, cellulari, carica batterie, ecc…

  • apietrarota 2
    29 nov 2010 alle 18:12

    E’ on air sulle principali emittenti radiofoniche pubbliche e private la campagna informativa del Consorzio Ecolamp volta a promuovere la raccolta differenziata delle lampade fluorescenti compatte e i tubi lineari e non (i cosiddetti tubi al “al neon”), quando si esauriscono.

    Non gettate queste sorgenti luminose esauste nei contenitori o campane del vetro!!!

    Hanno piccole quantità di mercurio e polveri fluorescenti e possono diventare un pericolo per la salute pubblica come per l’ambiente.

    Basta un piccolo sforzo: riportarle dal negoziante quando ricompriamo quelle nuove o consegnarle all’isola ecologica più vicina.

    Quindi se ne occupa Ecolamp, che – senza fini di lucro – le raccoglie su tutto il territorio nazionale e le avvia presso appositi impianti di trattamento dove vengono separati tutti i materiali riciclabili, vetro, alluminio, plastiche ed anche il mercurio.

    Sul blog http://easyecolamp.it/easyecolamp/ potete ascoltare i due spot: “l’esaurita” e “la partita di pallone”.

    Cliccando su entrambi, potrete ascoltarli anche sul nostro nuovo tumblr!

    Qual è il vostro spot preferito?

    Vi invitiamo a lasciare sul blog i vostri commenti, esprimere il vostro gradimento o darci i vostri suggerimenti per migliorare il nostro impegno a sensibilizzare l’opinione pubblica.

    Giornalisti, blogger, opinionisti, ragazzi, genitori, paladini dell’ambiente… siete tutti invitati a esprimere opinioni, e se ci sono, anche critiche, magari costruttive.

    Insomma, diteci la vostra.
    Ne terremo conto e ci aiuterete nella nostra mission: raccogliere e avviare al corretto trattamento sempre maggiori quantità di sorgenti luminose a fine vita*.

    Il Consorzio Ecolamp
    http://www.ecolamp.it

    *N.B.: non rientrano in questa categoria le vecchie lampadine incandescenti e “alogene”, che devono essere gettate nel cassonetto dei rifiuti indifferenziati. E per i led.. stiamo lavorando affinché la Normativa ne preveda la raccolta differenziata.

  • apietrarota 2
    29 nov 2010 alle 18:12

    Ecolamp proroga il servizio Extralamp fino a giugno 2011

    Forti degli ottimi risultati ottenuti attraverso l’adesione degli installatori al servizio,
    Extralamp continuerà fino alla fine di giugno 2011

    Milano, 29 novembre 2010 – Ecolamp annuncia la proroga del progetto straordinario Extralamp fino al 30 giugno 2011, a seguito degli ottimi esiti ottenuti attraverso questo servizio rivolto agli installatori e ai professionisti illuminotecnici.
    I risultati raggiunti sono la prova evidente di quanto il servizio sia efficace: la raccolta attraverso il canale professionale rappresenta circa il 60 per cento di tutte le sorgenti luminose esauste complessivamente raccolte sul territorio nazionale.
    Dal 1° gennaio 2010 a oggi, dagli installatori sono state ritirate oltre 570 tonnellate di sorgenti luminose a basso consumo, di cui ben 383 tonnellate solo attraverso Extralamp, su un totale nazionale pari a1.125 tonnellate.

    Attraverso ExtraLamp, Ecolamp assicura il ritiro gratuito delle sorgenti luminose a fine vita per un quantitativo minimo pari a 100 chilogrammi presso le sedi professionali degli installatori su tutto il territorio nazionale grazie all’impiego di una rete logistica altamente qualificata. Le lampade esauste sono poi trasportate presso gli appositi impianti di trattamento dove le diverse componenti (vetro, alluminio, plastiche, mercurio, ecc.) vengono opportunamente trattate per il reimpiego come materie prime seconde e inertizzate per annullarne il potenziale inquinante. La richiesta di ritiro avviene previa registrazione sul sito http://www.ecolamp.it/extralamp. Ecolamp fornisce inoltre, in forma del tutto gratuita, gli imballaggi necessari al confezionamento di tutte le tipologie di sorgenti luminose, dalle lampade compatte ai tubi fluorescenti.

    Il secondo servizio rivolto ai professionisti consiste negli Collection Point, 20 punti di raccolta convenzionati con Ecolamp e dislocati in tutta Italia, esclusivamente dedicati ai professionisti e presso i quali è possibile conferire qualsiasi quantitativo di lampade esauste. Dal 1° gennaio 2010 sono state ritirate dai Collection Point oltre 187 tonnellate di lampade esauste.

    Infine, con l’inizio del 2011 decollerà un terzo servizio: con l’accordo stretto con la FME (la Federazione dei grossisti di materiale elettrico) i punti vendita diventeranno degli Eco Point della Distribuzione, dove gli installatori potranno restituire le lampade fluorescenti esauste di provenienza domestica (o assimilate per quantità e tipologia), al momento dell’acquisto di quelle nuove in “rapporto di 1 contro 1”.

    “I professionisti rappresentano per noi un canale fondamentale, considerando il peso che il comparto occupa nell’ambito della raccolta, ma anche la consapevolezza e l’attenzione che si sta diffondendo tra gli installatori e i professionisti illuminotecnici.” afferma Fabrizio D’Amico, Direttore Generale di Ecolamp. “E’ per questo motivo che, oltre a informare e sensibilizzare il grande pubblico dei consumatori, intendiamo proseguire nel nostro impegno verso i servizi dedicati alle diverse esigenze degli operatori professionali.”

    Ufficio Stampa Ecolamp: Conca Delachi – Sara Gentile Tel. 02/48193458 sgentile@concadelachi.com
    Marketing & Comunicazione Ecolamp:
    Martina Cammareri Tel. 02/37052936-7 cammareri@ecolamp.it
    Andrea Pietrarota Cell. 348/5988469 pietrarota@ecolamp.it

  • Fulippo1 1356
    30 nov 2010 alle 10:43

    Scusate l’isola ecologica di palermo corrisponde al deposito amia?

    Avrei da buttare una decina di neon, e non vorrei inserirli nel’indiferenziata…

  • Pingback:Sometimes

Lascia un Commento