20 lug 2010

Approvato il PISU per la riqualificazione e lo sviluppo


P.I.S.U = Piano Integrato Sviluppo Urbano

Apprendiamo e riportiamo quanto segue:

Approvato oggi (ieri per chi legge, ndr) dalla Giunta Comunale il Piano Integrato di Sviluppo Urbano (PISU) presentato dall’Assessore al piano strategico, Maurizio Carta, per un importo totale di 124 milioni di euro di cui 42 milioni di cofinanziamento privato.

Il piano di interventi è stato predisposto dagli Uffici del Piano Strategico e delle Politiche Europee attraverso il coordinamento e l’integrazione di tutti gli altri Uffici ed ha trovato una forte sinergia tra tutti gli Assessori coinvolti (Scoma, Milone, Parlavecchio, Rappa, Grisafi, Russo). Il piano verrà presentato alla Regione Siciliana per l’utilizzo di una parte dei fondi dell’Asse VI del PO-FESR 2007-13. [...]

Il Piano di sviluppo coinvolge una coalizione territoriale formata dal Comune di Palermo, come capofila, dai Comuni di Ustica e Villabate e dalla Provincia Regionale di Palermo. Alla coalizione ha aderito anche un importante Partenariato economico e sociale, composto dall’Università degli Studi di Palermo, dall’Autorità Portuale di Palermo, dalla Camera di Commercio di Palermo, dalla Confindustria Palermo, dal Consorzio ASI di Palermo e dall’Ente Fiera, a testimonianza del vasto sistema di interessi economici e sociali che il Piano è in grado di intercettare.

Il Piano Integrato di Sviluppo Urbano persegue tre obiettivi:

  • il primo è il potenziamento di Palermo come “città-porta” del Mediterraneo, capace di intercettare i flussi che lo attraversano e trasformarli in risorse per lo sviluppo;
  • il secondo è il potenziamento e la riqualificazione dei grandi servizi urbani del sistema metropolitano di Palermo favorendo l’attrazione di investimenti da parte degli operatori privati e l’ulteriore sviluppo dei servizi in settori più avanzati;
  • il terzo è la creazione di nuove centralità in un’ottica policentrica e la valorizzazione delle trasformazioni in atto, realizzando nuovi poli di sviluppo e servizio di rilevanza sovra-locale.

I pilastri del piano sono la sostenibilità ambientale, le nuove centralità, l’attrattività, la riqualificazione urbana e l’innovazione, sui quali si concentreranno non solo le economie del PO 2007-13, ma anche ulteriori finanziamenti nazionali e comunitari.

“Il progetto strategico del futuro portato avanti dal Comune di Palermo – dichiara l’Assessore Carta – può far giocare alla città un ruolo cardine del nuovo scenario euromediterraneo, snodo del Corridoio I Berlino-Palermo con importanti propaggini verso il Mediterraneo, agendo con decisione entro una visione globale che mette in moto le risorse locali trasformandole in valore, generando un’adeguata attrazione e moltiplicazione degli investimenti e facendosi promotrice di una rinnovata capacità di attivare processi di sviluppo economico e sociale nel segno della qualità e dell’attrattività, creando le condizioni per il rilancio della città”.

Gli interventi infrastrutturali deliberati oggi e relativi alla città di Palermo riguardano:

  • Progetto definitivo per la Riqualificazione della ex Chimica Arenella: stecca commerciale e “Fiera delle idee” (8 Meuro).
  • Progetto definitivo di manutenzione straordinaria della Scuola Ferrara in piazza Magione per erogare servizi territoriali (3 Meuro).
  • Realizzazione di un impianto per la produzione di energia da biomassa (4 Meuro).
  • Manutenzione straordinaria e adeguamento della casa di riposo ex O.N.P.I. (10,3 Meuro)
  • Riqualificazione, ammodernamento ed innovazione degli immobili della Fiera del Mediterraneo (5 Meuro)
  • Studio di Fattibilità per un Polo interattivo delle Culture Mediterranee del Castello della Zisa (81 Meuro, di cui 40 Meuro di cofinanziamento).

 

Gli interventi per servizi deliberati oggi sono:

  • Aggiornamento del Sistema informativo per le politiche urbane del nodo SITR comunale (77.000 euro)
  • Progetti per l’inclusione sociale e la soluzione delle situazioni di disagio e marginalità (12,5 Meuro, di cui 1,3 di confinanziamento), articolati in:
    • progetto “quartiere vivo” per la coesione sociale dello ZEN;
    • progetti per reti integrate di prevenzione rischio di marginalità sociale e miglioramento qualità della vita;
    • progetti per centri unificati di informazione e accesso ai servizi;
    • interventi per l’accoglienza per situazioni di grave disagio.

castello zisaex chimica arenellapiano integrato sviluppo urbanopisu palermoriqulificazione

10 commenti per “Approvato il PISU per la riqualificazione e lo sviluppo

Lascia un Commento

Ultimi commenti