26 giu 2010

Fare canestro nel cassonetto è difficile


Quante volte ho imprecato contro i disservizi dell’Amia e soprattutto contro i netturbini che spesso non svolgono il loro lavoro?  Tantissime. E con me sono sicuro tantissimi altri palermitani.

Oggi mi trovavo in auto a Ciaculli, e nella strettissima via che attraversa la borgata agricola, sono rimasto bloccato in una coda dovuta alla sosta del camion Amia che stava svuotando i cassonetti (oramai non ci sono più gli orari di una volta). Noto però che uno degli operatori “imprecava” nel vuoto, e rivolgendosi verso una signora affacciata nella palazzina difronte, spiegava:

guardi qua Signora! Su cinque cassonetti, due sono vuoti……..però i cristiani fannu schifu u stissu e ettanu i sacchetti n’terra!!!

Effettivamente lo scenario era questo. Almeno una decina di sacchetti buttati a terra nonostante due contenitori non fossero affatto colmi.

Questo per dire inanzitutto che nel marasma generale, c’è sempre chi lavora constantemente e seriamente. E poi, come si dice “quando è sua è sua!”.

E ripensavo a quella gente che si lamenta, si lamenta, e poi è la prima a trasgredire le regole.

A questo punto si avvalora la mia tesi, secondo la quale gli operatori lasciano appositamente i cassonetti scoperchiati per evitare la fatica al palermitano che dovrebbe premere il pedale e gettare il sacchetto nel contenitore.

8 commenti per “Fare canestro nel cassonetto è difficile
  • bloodflower 127
    26 giu 2010 alle 11:13

    Io l’ho sempre detto… il comune e gli enti preposti allo sviluppo di questa città sono lo specchio dei cittadini… LA FECCIA!!! Pure la Santuzza scapperebbe a vedere ‘sto schifo… la vera peste di Palermo!

  • ammaciuni 6
    26 giu 2010 alle 13:09

    hai ragione, gli operai addetti alla raccolta lasciano appositamente il coperchio ribaltato oppure se lo hai mai visto socchiuso con un bastone o un qualcosa che li tiene mezzi aperti… perchè altrimenti chi passa in auto non può lanciare il sacchetto.. oppure la “cristianedda” non può schiacciare il pedale… e anche perchè il coperchio aperto è più invitante forse ahahah…

    comunque alcuni operai sono stati indagati con delle “denunce” interne perchè per lasciare il coperchio ribaltato hanno forzato anche le cerniere rompendole…

    gli operai non lo fanno per cattiveria e menefreghismo, semplicemnte perchè l’ immondizia da terra tocca raccoglierla a loro e visto che con il coperchio chiuso la gente la butta sempre fuori loro cercano di rimediare…

    e sappiate che tra svuotare un cassonetto o raccoglierne il contenuto a mano da terra il tempo è diverso che va anche a discapito del servizio e dell’ azienda…

    ps: quando la radice è marcia non bisogna lamentarsi se i frutti non sono il massimo…

  • dario93nomafia 16
    26 giu 2010 alle 14:08

    E’ vero che l’amministrazione sta facendo pena, ma se Palermo è così è soprattutto colpa di noi paloermitani!!!

  • Metropolitano 3205
    26 giu 2010 alle 15:01

    ho visto anche cumuli di rifiuti in mezzo alla strada e sul marciapiede, ormai c’è l’abitudine di buttare i sacchi della spazzatura davanti a tutti in mezzo alla strada. Che cosa è questa una novità ?? Stavolta ci colpano i cittadini.

  • Hoshi 46
    27 giu 2010 alle 1:17

    Senza contare, il rischio (aghi, chiodi, schegge) e la notevole perdita di tempo che comporta tale inciviltà! Quì però vige la regola ” Mors tua, vita mea “.

  • Roberto1 517
    28 giu 2010 alle 8:15

    Questo post cade proprio a pennello: ieri in via dei Cantieri ho visto due turisti fare foto “artistiche” ad un gruppo di contenitori vuoti e a solo uno stracolmo con tanto di montagna di rifiuti per terra. Dire che avrei voluto sprofondare dalla vergogna è dire poco. Ma si può essere più bestie di così? Con tutto il rispetto per le bestie!

  • dcirri 30
    28 giu 2010 alle 8:40

    La situazione è disastrosa e la colpa non è nè solo dell’amia nè solo dei cittadini. Certo non si può dire certo che il palermitano medio rispetti gli orari per gettare i rifiuti o che l’amia quelli previsti per la raccolta: spesso passano più giorni vedendo aumentare i cumuli a livelli ogni volta da record.
    Vicino casa mia è stata fatta un’area ecologica (un pieno fallimento), è sempre piena (e se non lo è…dipende proprio dal fatto che la gente fa troppa “fatica” a premere un pulsante per far aprire il contenitore…meglio calare un velo molto pietoso), in ogni caso non è sufficiente alla racconta, in pratica per non vedere i cassonetti pieni, adesso si vede solo un grande cumulo!
    Poi si parla tanto della raccolta differenziata…nella mia zona i cassonetti sono sempre pieni e per farli svuolare dobbiamo fare la segnalazione al call center dell’amia. Ovviamente una volta che sono stracolmi la gente incivile ne approfitta e mette lì anche i rifiuti non differenziati!


Lascia un Commento