01 giu 2009

Respinto l’aumento Tarsu | cassonetti bruciati: quale soluzione?


L’aumento della tassa sui rifiuti è stato ufficialmente respinto in sala consiliare; dunque questa opzione per risollevare le sorti dell’Amia lascia inesorabilmente il posto a nuove soluzioni. Si, ma quali?

Posto che, dopo il caso Catania, e con la Lega nella maggioranza nazionale, difficilmente possa arrivare un finanziamento statale per risolvere la situazione, cosa si configura all’orizzonte?

Inoltre, il recente terremoto in Abruzzo e la sua ricostruzione ha dirottato fondi da altri capitoli di spesa verso la regione colpita dal sisma.

Era stato annunciato il servizio "minimale" durante questo week end, ma in diverse zone i rifiuti rimangono accatastati al bordo delle strade (segnalateci casi contrari). Intanto i roghi di cassonetti non cessano:

Palermo, 1 giu.- (Adnkronos) – Almeno una cinquantina di cassonetti per i rifiuti sono stati  incendiati la notte scorsa a Palermo, dove da una decina di giorni la raccolta della spazzatura va a rilento a causa dello stato di agitazione dei netturbini. Altri cassonetti in fiamme sono stati spenti grazie alla pioggia della notte scorsa. Solo nel weekend sono stati incendiati altri 250 cassonetti.

Aggiornamento: Il sottosegretario all’emergenza rifiuti Guido Bertolaso arrivera’  oggi a Palermo, dove presiedera’ nel primo pomeriggio in Prefettura un vertice con tutte le Istituzioni interessate, "per un esame congiunto della situazione determinata dalla mancata raccolta dei rifiuti e l’individuazione degli interventi necessari a fronteggiare l’emergenza". E’ quanto rende noto la Prefettura di Palermo.


cassonetticonsiglio comunaleimmondiziamonnezzarifiuti palermotarsu

18 commenti per “Respinto l’aumento Tarsu | cassonetti bruciati: quale soluzione?
  • Portacarbone 70662
    01 giu 2009 alle 13:50

    Aggiornamento di pochi minuti fa (Trm): l’Amia avrebbe garantito a breve l’arrivo di mascherine e guanti richiesti dai lavoratori Amia per espletare il servizio minimale.

  • Otto Mohr 47
    01 giu 2009 alle 14:54

    Spero che palermo diventi peggio di Napoli di modo da dare una scossa e far capire alla gente il danno che fanno quando vanno a votare per queste persone arroganti e presuntuose….bisogna toccare gli interessi delle persone per farle smuovere!!!

    Forse potrete dirmi che questo è un atteggiamento irresponsabile ma ogni tanto ci vuole una scossa alla gente…fino a 60 anni fa queste scosse erano rappresentate dalle guerre che, presentandosi con cadenza costante, mettevano “la testa a posto” alla gente…oggi in una società fondata sul benessere, in assenza di conflitti e miseria, questi mali potrebbero rappresentare un’importante occasione per aprirci gli occhi…

  • blackmorpheus 54519
    01 giu 2009 alle 15:06

    no io concordo perfettamente con te…se dobbiamo toccare il fondo, che lo si faccia ora e basta. Ci vuole una scossa, perchè la gente è stanca, e bisogna necessariamente soffrire per reagire. Quindi spero che tutto questo schifo continui e possa essere d’aiuto a far capire che non serve a niente votare qualcuno per un favoricchio personale se poi il risultato è quello di vivere in un inferno.

  • piero82 503
    01 giu 2009 alle 15:10

    otto mohr@ questo non devi dirlo…sai benissimo da palermitano quanti problemi ci sono in questa città,e credimi…io la situazione di napoli la vivo quasi quanto palermo(dato che ci vado 2 volte al mese da anni), e non puoi immaginare il danno che ha vissuto napoli in quella situazione(sia d’immagine che economica),pensa se tutto questo avvenisse a palermo..che non ha mai avuto una situazione migliore di napoli.

    comunque,malgrado lo schifo,non ci arriveremo per fortuna a quei livelli!

  • MarcoC 48
    01 giu 2009 alle 15:58

    La situazione è già grave così com’è e non credo che l’immondizia sparirà magicamente prima delle elezioni del 6 e 7 giugno. Nonostante ciò penso che vincerà di nuovo il PDL! Sappiamo di chi è la colpa, sappiamo che il PDL copre Cammarata e Galioto, ma che importa? Il popolo ha bisogno di credere in qualcosa, si è vero c’è un male diffuso, c’è la crisi, abbiamo gli stipendi più bassi d’europa.. ma almeno come dice Tremonti: siamo il popolo “PIU’ INTELLIGENTE DEL MONDO”, che vuoi togliergli pure questo?

  • piero82 503
    01 giu 2009 alle 16:26

    vogliamo trovare un modo per sdrammatizzare la cosa? e magari ricordarci che ci sono stati PALERMITANI (in passato)ad avvertirci del futuro che ci aspettava?

    ALLORA ASCOLTATE STA CANZONE!

  • palermo63 1
    01 giu 2009 alle 17:28

    salve, vorrei sapere se è possibile una azione giudiziaria nei confronti del comune, per il mancato ritiro da parte dell’amia della spazzatura, visto che insieme ad altri migliaia di palermitani pago la tarsu e non ho il servizio. grazie

  • Paco 7942
    01 giu 2009 alle 19:49

    La gente non è stanca, altrimenti riciclerebbero tutti, la gente se ne fotte altamente dell’immondizia. Basta che non la trova sotto casa il problema non se lo è mai posto. Poi vorrei capire che sciopero assurdo è, uno sciopero perchè POTREBBERO, non si sa quando, non pagare gli stipendi che fino ad ora gli hanno assicurato.

  • blackmorpheus 54519
    01 giu 2009 alle 19:57

    @palermo63

    tecnicamente credo che un’azione giudiziaria sia possibile, ma a che pro? Con quali risarcimenti? Il comune prende i soldi da noi, dovremmo risarcirci da soli a suon di tasse :D

  • Daniele 444
    01 giu 2009 alle 21:07

    Oggi hanno parlato di questo al tgs .. Pare ci sia stato un incontro con Bertolaso, e che Cammarata abbia parlato con Berlusconi per “rilanciare” l’Amia ..

    Io sono del parere che la gente deve essere educata al riciclaggio e alla differenziata .. i cassonetti per la carta, il vetro e la plastica sono sempre stracolmi, quindi questo vuol dire che la gente collabora .. ma è ancora molto poco .. e in questo credo proprio che la colpa sia di chi ci governa e di chi amministra la nostra città …

  • Lele 6797
    01 giu 2009 alle 22:00

    concordo con Paco…la gente se ne fotte, ma anche se riciclasse a dovere dove sono gli impianti di stoccaggio funzionanti? il problema sono le spese pazze, viaggi, cene, sprechi. I dirigenti andavano a Dubai per promuovere la differenziata quando a Palermo viene tutto buttato a Bellolampo. Vergognoso!!! La soluzione è sequestrare i beni dei vari dirigenti dopo aver accertato le varie responsabilità così da non mettere le mani nelle tasche dei cittadini. D’altronde se ognuno di noi non paga la tarsu fanno la stessa cosa. Ottimizzare le risorse umane dell’azienda e chi non lavora a casa…licenziato in tronco. Per lo sciopero bianco fa parte di quelli assurdi organizzati. Si sa da tempo che l’azienda è al tracollo. non dimentichiamo che gli sono stati inviati già 80mln€. hanno aumentato la tarsu del 75%, ma il problema è raddoppiato…forse 4 ragazzini delle elementari sarebbero capaci a dirigere una spa.


Lascia un Commento