20 nov 2008

Programmati i restauri per il Castello di maredolce


Un’altro gioiello palermitano si appresta a venire restaurato, si tratta del Castello di Maredolce per il quale la regione ha appena indito un bando per il restauro. Un bando da circa 2 milioni di euro i termini del quale scadranno ad inizio Dicembre. Non si conoscono ancora bene i particolari dell’opera. Il castello è di epoca arabo-normanna era rinomato per il suo immenso giardino (che purtroppo adesso è quasi interamente edificato) che arrivava fino a monte Grifone.


beni culturali palermorecupero castello palermorestauri palermo

5 commenti per “Programmati i restauri per il Castello di maredolce
  • Portacarbone 70662
    20 nov 2008 alle 12:06

    Credo che una delle priorità dell’intervento dovrebbe essere quello di ripristinare l’antico bacino d’acqua che avvolgeva il castello. Tutt’ora esiste il condotto che permetteva il deflusso/ricambio dell’acqua, e la botola è ancora visibile. Alcuni tecnici qualche tempo fa mi parlarono di una possibile quanto sicura ostruzione di questo condotto a causa di allacci abusivi limitrofi.
    Potrebbe essere l’occasione per riportare in superficie la sorgente della Favara che alimentava questo bacino e che probabilmente è tutt’ora interrata.
    Questo Castello ha un potenziale enorme. Speriamo che il progetto non sia un semplice riconsolidamento delle strutture, ma preveda una riproposizione degli usi antichi e una maggiore fruizione al pubblico (fino a qualche tempo fa il castello era abitato).

  • MAQVEDA 17489
    20 nov 2008 alle 13:59

    Io so (letto da qualche parte, ma non ricordo dove) che il progetto prevede di dissotterrare la peschiera, in modo da ricollocare il castello nel suo contesto originale, ed eliminare tutte le costruzioni, abusive e no, che lo soffocano, sia nel cortile che intorno:)

  • blackmorpheus 54519
    20 nov 2008 alle 20:06

    il castello è dalle parti di via emiro giafar. Quando eravamo piccoli l’avevamo adottato per l’iniziativa “La scuola adotta un monumento”. Ai tempi mi ricordo che ci vivevano tutti gli abusivi dentro, era veramente uno schifo. E noi piccole guide dovevamo subire la rottura di palle dei malacarne della zona. Ora credo che gli abusivi siano andati via…ma il castello spero venga valorizzato per la meraviglia che è perchè ne vale veramente la pena


Lascia un Commento