Denuncia telefonica al 113 per posteggiatori abusivi: ecco cosa hanno risposto

Spread the love

Riprendiamo ancora una volta la tematica dei posteggiatori abusivi, molto attuale, aggiungendo un plus alla discussione. Riportiamo infatti la testimonianza di A. Vitale, che ci racconta il contenuto della sua telefonata al 113:

Sabato sono andato al Lido “L’Ombelico del Mondo” all’ Addaura e con poco stupore ho notato una flotta di posteggiatori abusivi che occupavano tutto lo spiazzale accanto il lido, incassando da ogni mezzo a due ruote 1 € ( erano tantissimi motorini).

Dopo il mio ingresso nel lido ho provveduto a chiamare il 113 al fine di far intervenire le forze dell’ordine e far sequestrare il ricavato a questi parassiti.

Morale?
Ve la racconto :

Io : Buon Giorno sono al lido accanto La Marsa e segnalo la presenza di 3 posteggiatori abusivi che impongono il pagamento di 1 € per posteggiare.

La Ragazza che risponde : Lei è stato vittima di questo sopruso?

io : Si

La Ragazza : e’ disposto a denunciare se veniamo li ?

Io : no signora così mi mette in difficoltà perchè poi ho timore delle ritorsioni.

La Ragazza : Eh ma noi non possiamo intervenire senza una denuncia anche perchè se interveniamo loro hanno le vedette appostate che gli segnalano la nostra presenza e fanno sparire tutto.

Io : e se veniste in borghese? Così li cogliete in flagranza

La Ragazza : per intervenire in borghese dobbiamo avere una denuncia da parte di un soggetto.

Dopo i saluti mi sono sentito scoraggiato. Se il cittadino non viene messo nelle condizioni di poter denunciare in pieno anonimato come si vuol far cambiare alcuni aspetti di questa città.
Praticamente dovevo esporre la mia persona a possibili ritorsioni perchè la legge non gli consente di intervenire in borghese senza una denuncia scritta da parte di qualcuno.

Sono schifiato.

________

E’ un cane che si morde la coda. E’ assurdo che la legge impedisca un intervento per casi del genere, delegittimando anche le forze dell’ordine. Esse non possono intervenire, il cittadino non denuncia per paura delle ritorsioni e i posteggiatori, prepotenti, hanno strada libera.

I controlli e gli interventi in loco, come quelli avvenuti in questi giorni, sono solo una delle azioni utili a ridimensionare il fenomeno. Il vero cuore della questione, lo ripetiamo, è la legge che blocca qualsiasi possibile intervento.

Un plauso al cittadino che ha chiamato il 113, non tutti lo fanno. E comprendiamo il motivo per cui non ha avuto il coraggio di denunciare, dato che la legislazione attuale non lo garantisce con una pena giusta e duratura per il trasgressore.

Tuttavia è importante denunciare, quando ne avete la possibilità, fatelo sempre.

 

 

Post correlati

29 Thoughts to “Denuncia telefonica al 113 per posteggiatori abusivi: ecco cosa hanno risposto”

  1. piero68

    MA COSA SIGNIFICA?QUESTO è UN ILLECITO CONTRO LA COMUNITA’ E NON CONTRO IL SINGOLO.PROBABILMENTE LA COLPA NON è DELLE FORZE DELL’ORDINE, EVIDENTEMENTE LORO SI ATTENGONO A DISPOSIZIONI.PERO’ MI CHIEDO, SE C’è UN RAPINA IN BANCA, LORO ASPETTANO CHE CHI SI TROVA ALL’INTERNO DENUNCI I RAPINATORI?OPPURE SE QUALCUNO VEDE DEI LADRI ALL’INTERNO DI UN APPARTAMENTO, LORO INTERVENGONO SOLO SE LI DENUNCI?SONO ESTREFATTO!SE è UN PROBLEMA LEGISLATIVO SI PROVVEDA, PERCHE’ DI QUESTA GENTE,PARASSITI DELLA SOCIETA’, NOI NON SAPPIAMO CHE FARCENE.

  2. socrate2004

    Io penso che dobbiamo anche essere disposti a denunciare personalmente le estorsioni.
    Altrimenti non abbiamo diritto prendercela con i negozianti che pagano il pizzo in silenzio anziché rivolgersi alle forze dell’ordine.

  3. gae

    ecco uno dei motivi per i quali la città sta andando in rovina! veramente senza parole! però se tutti iniziamo ad avere paura di queste “persone”(se tali si possono definire) qui non andiamo più avanti! bisogna avere il coraggio di denunciarli.

  4. The.Byfolk

    La risposta della polizia non mi convince del tutto e se giustificata sarà da qualche altro motivo di forza maggiore.
    Penso che se alcuni agenti di passaggio colgono un rapinatore in flagranza non hanno bisogno della denuncia per intervenire . Anzi se non intervengono sono denunciati per omissione di atti l’ufficio..

  5. Temoteo85

    Concordo pienamente con Socrate2004.

  6. Metropolitano

    Scusi, signor Vitale. Lei di cosa ha paura ? Se teme una ritorsione deve evitare di esporsi troppo alla vista e all’udito di quei potenziali delinquenti. Se porta con se un veicolo ovviamente c’è il rischio che i posteggiatori abusivi (che sono delle vere e proprie bestie) lo prendono di mira. Se li denuncia senza lasciare il veicolo o degli oggetti a lei cari in vista di quella gentaglia, non ha nulla da temere. Non la possono neppure aggredire perchè la polizia che hai chiamato la proteggerà.

  7. AngeloCh

    Che probabilità c’è che denunciando i tizi rinsaviscano e non ti distruggano il mezzo? Mi tengo stretto: parecchio basse. O peggio, quali sono le possibilità che i malviventi paghino? Più facile che rinsaviscano.
    Ragazzi, non li ho 5mila € per aggiustarmi la macchina o comprare la moto dopo che questi mi hanno distrutto tutto.
    Io non denuncio, lo stato non mi garantisce ne protezione ne giustezza della pena contro i delinquenti ne tanto meno certezza della pena.
    Non sono materialmente in grado di farlo.
    Così vincono loro? Pazienza! Di certo non perdo io.

  8. drigo

    “no signora così mi mette in difficoltà perchè poi ho timore delle ritorsioni”.
    E allora non lamentiamoci, dico io…
    Perseguire seriamente questi tizi comporta allestire appostamenti ad hoc, che consentano di stabilire un collegamento chiaro tra richiesta di denaro e ritorsione qualora il denaro non venga corrisposto. (quindi danneggiamenti o furto). Viceversa, il fenomeno è riconducibile all’elemosina, che non è un reato. Fare un appostamento per raccogliere prove comporta dei costi: distaccare agenti in servizio, pagare straordinari, dislocare eventuale attrezzatura audio/video, dedicare auto civetta con relativi costi di benzina. In una città come Palermo, in cui gli agenti della “catturandi” antimafia si pagano da soli la benzina aspettando i rimborsi (che mai arriveranno), mi sembra ridicolo pretendere tutto senza dare nulla. Senza il collegamento chiaro e le prove, nessun magistrato condannerà mai per estorsione ( chissà perchè chi chiede il pizzo viene condannato sulla base delle riprese). Si chiama certezza del diritto. In quanto membro di una comunità, hai il dovere, se ti da tanto fastidio, di denunciare.
    Falla la denuncia, e poi vedi come spariscono. Viceversa, è un caffè’ in meno che ti bevi tu per posteggiare. Se non ti vuoi esporre, pazienza, te la sorbisci.

  9. joyce973

    La legge non garantisce le persone oneste e più deboli.
    Non è la prima volta che sento un discorso di questo tipo: tempo fa vicino casa mia una residente del condominio, di notte, accorgendosi di una rapina ad un negozio di fronte, ha chiamato ANONIMAMENTE i carabinieri, i quali sono intervenuti, portando via i ladri.
    Ebbene: sapete cosa è successo? dopo alcune settimane, la signora si è visto recapitare a casa un avviso di comparizione in tribunale per riconoscere i ladri per la condanna! presa dalla paura, ha dovuto pagare un avvocato che la rappresentasse, dandosi malata; i suoi dati personali sono stati verbalizzati e divulgati; uno dei due, incensurato, è ora libero, mentre l’altro si farà qualche mese di galera.
    Ma secondo voi, in nome del senso di giustizia (quale?), o dell’amor di patria (quale?), perché mai una madre o un padre di famiglia dovrebbe mettere a rischio se stesso e i suoi cari?
    Non abbiamo alcuna tutela…

  10. Metropolitano

    Bisogna prima di tutto evitare che quei farabutti denunciati conoscano il numero di targa della propria automobile o il numero civico della propriua abitazione. Se vengono a rompere le @@, per non dire di peggio, ciò implica che loro o qualche complice ha scoperto qualche vostra sensibile informazione. Diversamente, loro non sanno a chi devono colpire per vendetta pur essendo curiosi data la loro naturale selvaggia mentalità di scoprire chi siete e dove abitate. Meglio prevenire che curare. Per denunciarli tranquillamente, prima di tutto allontanate ogni possibile indizio o informazione dalla loro vista (e.g. posteggiate la macchina o la moto lontana dal loro raggio d’azione, o effettuate la chiamata al 113 lontano da casa vostra), così poi loro non sanno che pesci pigliare per ritorcersi contro di voi rimanendoci così fregati. Contro questi delinquenti ci vuole non solo buonsenso, ma anche astuzia.

    Quando io devo parcheggiare la macchina nelle pochissime occasioni in cui la uso (vado molto spesso a piedi), prima di tutto vedo se c’è qualcuno che si apposta lì, cioè che rimane ben visibile e nello stesso punto per oltre un minuto. Dopodichè si cerca un posteggio oltre 400-500 metri (io anche 1 km certe volte) dalla zona “infetta” da quei malacarne. Una volta che la macchina è parcheggiata lontano dalla loro vista (meglio ancora se non l’hanno mai vista la vostra macchina, anche se tuttavia non ricorderebbero il tipo di macchina associato al vostro volto per loro sconosciuto), denunciateli pure senza alcun timore non appena tornate nel loro raggio d’azione (senza il veicolo ovviamente)!!

  11. Metropolitano

    aggiungo anche che almeno 100 metri prima di tornare in macchina parcheggiata distante dai malviventi, ed aprirla con le chiavi, controllate che nessuno guardi voi che entrate in macchina (o se qualcuno che guida si ferma sospettosamente vicino alla vostra zona pronto a pedinarvi). Se vi accorgete che qualcuno vi osserva, State Attenti ! Non salite in macchina o non aprite il portone finchè non spariscono.

    Finchè voi non vi avvicinerete ad un portone o a una macchina o al luogo di lavoro (negozio, ufficio) quelli che cercano vendetta per averli denunciati non sapranno mai niente di voi e quindi dove mirare.

  12. drigo

    @joyce973
    Non voglio alimentare polemiche sterili. Voglio solo fare notare che quando la giustizia bussa alla porta del cittadino per portare a termine il suo lavoro è DOVERE del cittadino rispondere. Il confronto è doveroso in uno stato di diritto. Dai commenti infastiditi di chi non ha voglia di riconoscere gli autori di un reato, emerge un atteggiamento che cozza tremendamente con la democrazia, e si confa più ad uno stato di polizia. Che piaccia o no, anche i delinquenti hanno dei diritti (che sono gli stessi per tutti i cittadini), e se non c’è flagranza di reato, serve un testimone che confermi (magari quello che ha denunciato…).
    Faccio ancora presente che, questo sistema, tutela anche gli innocenti perseguiti ingiustamente che, al contrario, sarebbero vittime di una condanna illeggittima.

  13. ligeiro

    allora non avete capito niente…
    ci vuole uno che conosce qualcuno che è parente di un politico importante…che si occupa della situazione (regionale o nazionale)
    per fare un’ordinanza che dia poteri alle forze dell’ordine..
    le cose funzionano così , non lo sapete?

  14. Forse la Polizia non ha tutti i torti. Il 113 si occupa di sicurezza, quindi la procedura e’
    ESTORSIONE -> DENUNCIA -> INTERVENTO

    La richiesta andrebbe invece inoltrata ai Vigili Urbani; ho cercato sul sito dei vigili di Palermo:
    http://www.comune.palermo.it/polizia_municipale/index_pm.htm


    [Sezione “Domande frequenti]

    D: in un’area di parcheggio vi sono sempre cittadini stranieri che fanno i parcheggiatori abusivi o disturbano perché insistenti nella vendita di articoli. Cosa devo fare?

    R: può presentare richiesta di persona, per posta ordinaria o posta elettronica o via fax specificando esattamente in quale area. Di solito sono effettuati servizi di controllo programmato con personale anche in abiti civili, per monitorare questo tipo di situazioni. In caso di necessità chiami la nostra Centrale Operativa al 091 6954111 richiedendo intervento urgente sul posto se necessario per l’invio di una pattuglia.

    Forse dovremmo imparare a telefonargli ogni volta che qualche parcheggiatore ci rompe le scatole

  15. mimusso

    Non scherziamo, la polizia è tenuta ad intervenire. E se non lo fa è probabilmente perchè sono troppo impegnati a prendere il caffè al Bar Sicilia o al Touring… Signori miei, ma di che parliamo? Denunciare obbligatoriamente? Così da dover passare poi in commissariato, se è il caso effettuare un riconoscimento, esporsi ai rischi di ritorsioni (i denunciati possono richiedere gli atti con i dati di chi denuncia). Cioè, a rimetterci dobbiamo essere noi cittadini onesti, mentre loro possono intervenire quando decidono loro?
    Non basta una segnalazione? Non basta passare con la volante 3-4-5 volte di fila, minacciare queste immondizie viventi (anche con le cattive se è il caso) e farli sloggiare? E’ troppo chiedere il controllo del territorio a prescindere dalle denunce?
    La verità è che non c’è volontà di reprimere il fenomeno e ci si cela dietro pseudo-scuse di carattere legale.
    PS:
    Vivo a Mondello da 30 anni ed ogni estate è un invasione VERGOGNOSA di questi indegni esseri. E cosa devo vedere? Il poliziotto municipale che si fa la corsa per fermare la ragazzina con la mini-car (che aveva la cintura), mentre a 15 metri il solito posteggiatore abusivo del Charleston (pizzetto, maglietta rossa, cappellino, pancia prominente, lo conoscerete tutti…) continua a fare i suoi affari. Da 10 anni.
    Oppure la volante della PM alle transenne della zona pedonale in piazza e il posteggiatore seduto con sedia e fischietto a 5 metri di distanza.
    Altro che denunce, qui ci vuole una class action seria contro la Municipale. VERGOGNA.

  16. Pietro Bolenares

    @ joyce973

    Credo di essere nelle condizioni di capire perfettamente il tuo punto di vista. Anch’io ho dovuto sperimentare sullla mia pelle l’approccio meramente burocratico delle FF.OO. Moltissimi anni fa sono stato sentito come “persona informata su fatti” (molto alla lontana per mia fortuna!) in ordine ad un omicidio. Per due volte sono stato convocato in Questura, e tutt’e due volte oltre a notare che non era tanto importante verbalizzare con la maggiore esattezza possibile, quanto “sintetizzare” e “sbrigarsi”, ho pure dovuto vivere il disagio provocatomi da domande formulate con un tono che sembrava suonare come: “Stia attento a quello che dice!” (come se io avessi qualche interesse a mentire o ad omettere qualcosa a mia conoscenza).

    Qualche tempo fa – il “salto” è solo in apparenza illogico – al Borgo Vecchio qualcuno ha rubato o ha dato fuoco o l’uno e l’altro (non ricordo bene) un casco di un poliziotto motociclista. Ebbene, per i giorni successivi, quel quartiere è stato praticamente posto sotto assedio (uomini in divisa e posti di blocco fissi a non finire) finché il colpevole è stato individuato (o “consegnato” col tacito accordo che così tutto Borgo Vecchio avrebbe potuto riprendere le “consuete attività”?). In quel caso – pare di capire – risorse umane e “volanti” sono state “trovate”.

    Domanda finale: che Stato è quello che controlla il territorio soltanto a seguito di formale denuncia o vi impone l’imperio delle legge solo per “fatto personale”?

  17. zavardino

    c’è un tacito accordo. Le forze dell’ordine NON intervengono. Boicottate i luoghi infestati dai parassiti e vedete come cambia la sonata

  18. Ci “sfirniciamo” qui a trovare una soluzione, girando attorno a norme incerte e lapidarie, dove non si evince chiaramente CHI DEVE INTERVINIRE, trattandosi molto spesso di minacce al cittadino.
    Inutile dire che come sempre manca una volonta’ politica alla soluzione del problema. Inimicarsi i posteggiatori significa andare contro la MAFIA, cosa che per molti politici e’ impensabile, visto che ne sono parte.
    In vista delle prossime ELEZIONI REGIONALI esigiamo che sia proposto nel programma dei candidati un disegno di legge Regionale per la gestione del PROBLEMA MAFIA LEGATO AI POSTEGGIATORI ABUSIVI.
    E’ veramente estenuante dovere ogni giorno combattere per fare valere i propri diritti.

  19. Ciappita

    @Mimusso
    Quanta ignoranza e quanti pregiudizi nel tuo commento!!!!
    La Polizia di Stato deve seguire precise direttive…o pensi che la mattina non abbiano nulla da fare, salgono sulla volante e vanno dove gli pare? E basta con la storia che “si prendono il caffè”….TUTTI i lavoratori, di qualsiasi categoria, hanno diritto ad una pausa….lo prevede la legge, non lo dico io!

  20. Rogers_MuoviPa

    PER RISOLVERE IL PROBLEMA ALLA RADICE …. BASTA RIFIUTARSI DI PAGARE IL PIZZO, SE TUTTI LO FACESSIMO NON ESISTEREBBERO QUESTI DELINQUENTI CHE ESTORCONO DENARO!!

    Se avete paura delle ritorsioni alla vostra autovettura aggiungete alla vostra polizza auto la clausola “cristalli ed atti vandalici”, al costo di 70 euro circa l’anno.

    Se già tutti i lettori di questo blog non pagassero il pizzo per parcheggiare la propria auto saremmo in 1000 persone a non pagare e se lo dicessimo a dieci nostri amici saremmo in 10000 a non pagare…Ricordatevi che i siciliano onesti sono 6 mln, i mafiosi sono solo 5000…basterebbe farci forza ed avere un minimo di coordinazione e dialogo per annientarli!!!!

  21. Rogers_MuoviPa

    PER RISOLVERE IL PROBLEMA ALLA RADICE …. BASTA RIFIUTARSI DI PAGARE IL PIZZO, SE TUTTI LO FACESSIMO NON ESISTEREBBERO QUESTI DELINQUENTI CHE ESTORCONO DENARO!!

    Se avete paura delle ritorsioni alla vostra autovettura aggiungete alla vostra polizza auto la clausola “cristalli ed atti vandalici”, al costo di 70 euro circa l’anno.

    Se già tutti i lettori di questo blog non pagassero il pizzo per parcheggiare la propria auto saremmo in 1000 persone a non pagare e se lo dicessimo a dieci nostri amici saremmo in 10000 a non pagare…Ricordatevi che i siciliani onesti sono 6 mln, i mafiosi sono solo 5000…basterebbe farci forza ed avere un minimo di coordinazione e dialogo per annientarli!!!!

  22. mimusso

    @Ciappitta: E in effetti tutte le foto che arrivano qui su MP e tutte le testimonianze sono inventate e frutto di pregiudizi. Tra l’altro io ho portato esempi concreti, tu insulti. Ne vuoi un altro? Domenica 27 Gennaio 2008, ore 12 circa, via Tiziano: mi rubano non una, ma ben 4 ruote dell’auto (smart). Giro l’angolo a piedi (40 metri), trovo 4 volanti e 8 poliziotti al Bar Sicilia di via Liszt (TUTTI IN PAUSA IN QUEL MOMENTO??!?), si rifiutano di accogliere la mia denuncia, mandandomi il commissariato dei Carabinieri in via Uditore. E intanto il ladro era bello che andato. Nemmeno la briga di farsi un giro. Ne vuoi un altro? L’ho scritto sul post delle bancarelle abusive di qualche mese fa qui su MP. Ne vuoi ancora o ti bastano? Tutto frutto di “ignoranza” e “pregiudizi”? Finchè ci sarà gente come te che continua a difendere l’indifendibile (migliaia di segnalazioni, video, foto, l’ultima sulla pagina FB del comune un paio di giorni fa) chi di dovere si sentirà autorizzato a perpetrare questi comportamenti del tutto inaccettabili.

  23. Neos

    Ieri sera Tonnara Bordonaro, festa di laurea di una mia collega: arrivo, posteggio l’auto vicino al bar di fronte la Tonnara, noto due auto dei carabinieri (una posteggiata pure sul marciapiede tra l’altro), appena fermo la macchina e spengo il motore si avvicina un ragazzo:”Buonasera.. caffettino..”. Ho detto tutto, pure con le pattuglie dei carabinieri lì davanti! Sarei andato a posteggiare più lontano, ma siccome prima avevo già girato, fino ad arrivare ai Rotoli senza trovare un posteggio, sapevo sarebbe stato inutile.

    E non ditemi “Ma che, non glielo hai detto ai carabinieri?!” perché prima me li sarei dovuti cazziare per la macchina posteggiata con tutte e quattro le ruote sul marciapiede, e poi mi sarei fatto andare la serata sottosopra per un rifiuto della società: denunce, etc. per poi ributtarli per strada il giorno dopo, in una sola parola: inutile. Con 50 centesimi, ahimé, ho evitato anche il rischio di ripercussioni sulla mia auto. Non ci tengo a trovare vetri sfondati alle due del mattino.
    E poi, se i carabinieri sono arrivati lì, è chiaro che hanno visto un tizio, col marsupio.. Insomma, i posteggiatori li sappiamo riconoscere tutti a km di distanza. La verità è che non c’è volontà, e anche quando ci fosse, la legge non fornisce i mezzi adeguati.

    È uno schifo…

  24. Fra_bru

    DENUNCIARE? FATTO. Risultato? dopo un anno e mezzo quel pezzo di [email protected] è ancora là. La mia esperienza è che le forze del disordine (ritengo più tutelato il posteggiatore abusivo) prima ti chiedono di denunciare, poi ti dicono ‘ma non ti ha chiesto l’euro in modo esplicito, possiamo denunciarlo solo per violenza privata!’, quindi ti chiamano per dissuaderti dal continuare ‘tanto non gli fanno niente’. La verità è che la prossima volta che vedo la pattuglia davanti al posteggiatore l’euro lo dò a loro. VERGOGNA.

  25. Ciappita

    @Mimusso…a parte il fatto che non credo di averti offeso personalmente..ma se così è sembrato me ne scuso.
    Io non voglio difendere “l’indifendibile”, ma mi sono anche un pò scocciata che, se ci sta una, dieci, cento mele marce, bisognA criminalizzare una categoria. E poi se subisci un furto, è al commissariato che devi andare, è la prassi!! Anche a me è capitato di subire un furto all’interno di un locale, di aver chiamato il 112 e di sentirmi rispondere, alle 2 di notte, “Non possiamo intervenire, domattina vada a sporgere denuncia”…ma mai penserei di dire che tutti i carabinieri si prendono solo il caffè!

  26. rosanero86

    un articolo del gds di oggi dice che la polizia municipale ha denunciato 42 parcheggiatori abusivi, non dice in che zona ma in modo generico. chissà forse ci saranno anche quelli dell’addaura di questo articolo?

  27. marchito

    Sarebbe stato uno stupore sentirsi dire ( si stiamo venendo interveniamo subito) … Amareggiato.

  28. politicifannulloni

    Ma nessun politico si interessa da vicino a questa faccenda? Loro si sentono protetti?
    Come si fa a portare una class action contro la Municipale? Qualcuno sa dirmelo?

Lascia un commento