Articolo
08 apr 2014

Foto|Cantieri che a breve partiranno

di MAQVEDA

La notizia più sostanziosa è sicuramente l'annuncio dell'avvio tra qualche mese dei lavori di riqualificazione di piazza Sant'Onofrio, alle spalle di via Maqueda. Un milione di euro a disposizione. L'area centrale verrà rialzata, mentre il resto sarà accessibile ai soli residenti. Previsto il rifacimento di sistema fognario, illuminazione e basolato. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
19 dic 2013

Centro Storico: nuovi cantieri inizano nei mandamenti antichi

di MAQVEDA

Se ne era parlato circa un anno fa: questo edificio in piazza Fonderia ad angolo con piazzetta Porta Carbone (mandamento Loggia) sarebbe stato recuperato per diventare estensione della clinica Triolo, che dista pochi metri. Ora è presente il cartello informativo e le persiane sono state tutte tolte a denunciare l'avvenuto inizio dei lavori. Di dimensioni non indifferenti a recupero avvenuto farà da scenario insieme agli altri recuperati della piazza al giardinetto sui resti della Fonderia Regia. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 12
Articolo
09 ago 2013

Opere di restauro al portico meridionale della Cattedrale

di MAQVEDA

La nostra bella cattedrale è di recente finita agli onori della cronaca per lo stato di degrado in cui versa il bel portico meridionale quattrocentesco. Degrado causato dalle incessanti infiltrazioni che hanno provocato distacchi di intonaci e sfarinamenti, oltre al danneggiamento sia delle travi che delle maioliche del tetto del portico stesso. Da qualche giorno sono presenti dei ponteggi che ne avvolgono la parte sinistra, ossia quella ammalorata. Per fortuna gli interventi di restauro e manutenzione sono partiti immediatamente. Per vedere gli operai dovremo aspettare la pausa del ferragosto. I lavori dureranno quattro mesi, fino a dicembre e sono stati fortemente voluti dalla diocesi, dalla Soprintendenza e dall'ufficio dei Beni culturali. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
26 gen 2010

In restauro palazzo Giurato poi del marchese di Rudinì

di MAQVEDA

Partito il cantiere di restauro di palazzo Giurato poi del marchese di Rudinì in via Maqueda, sul fronte del Seralcadi (proprio di fronte palazzo Costantino), in uno dei tratti più notoriamente disastrati e abbandonati della storica strada, dove tutto è invariabilmente color del carbone. Qualche giorno fa è cominciato l'allestimento dei ponteggi sul prospetto principale, mentre sul piccolo prospetto di corso Vittorio Emanuele è stato affisso il cartello del Comune. Venne edificato intorno al 1760 da Giuseppe Maria Giurato, su un gruppo di antiche case (che vennero dopo il 1600 a trovarsi sulla nuova via Maqueda), secondo i canoni dei palazzi nobili che in quegli anni venivano eretti a Palermo. Il palazzo, come già detto occupa una prestigiosa posizione e inoltre ingloba uno dei Quattro Cantoni di piazza Vigliena. Agli inizi dell'Ottocento passò agli Starrabba, marchesi di Rudinì. L'impostazione è quella tipica dei palazzi palermitani del XVIII secolo. Il piano terra destinato a magazzini, il piano ammezzato destinato all'amministrazione della casa e agli alloggi della servitù, in successione il piano nobile e la terza elevazione destinata ai cadetti della famiglia. Di grande risalto il monumentale portale d'ingresso affiancato da colonne in pietra di Billiemi e sovrastato dallo stemma degli Starrabba. All'interno, superato l'androne lo scalone monumentale in marmo rosso di Trapani. Al piano nobile sono presenti, ancora intatti nelle loro originarie decorazioni pittoriche e a stucco, i tre saloni di reppresentanza, restaurati una decina di anni fa. Il palazzo è stato integralmente restaurato nei primi anni '80, a trent'anni di distanza si presenta degradato come molti edifici che non hanno mai avuto manutenzione dal dopoguerra, questo dovrebbe portarci a riflettere sugli ovvi risvolti positivi, se si pensasse ad una definitiva chiusura del centro storico. ...Guarda le altre foto

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
20 gen 2010

La dimora che fu dei Gualbes

di MAQVEDA

In restauro palazzo Gualbes in via del Celso nel Seralcadi, sito tra i palazzi Santamarina e del Gran Cancelliere. Il palazzo risalente al trecento presenta un classico portale ad edicola di epoca successiva che immette in un androne molto manomesso. Viste le attuali condizioni del palazzo, si preannuncia un restauro molto complicato: Guarda le altre foto

Leggi tutto    Commenti 7