Articolo
19 apr 2016

Via ai lavori dell’impianto metano dentro il deposito Amat di Via Roccazzo

di Fabio Nicolosi

Sinergia Amat-Amg, al via il potenziamento della stazione di rifornimento metano per bus Inizieranno questa mattina i lavori di potenziamento della stazione di rifornimento di gas metano per la flotta di bus Amat nel deposito di via Roccazzo. Si aggiunge un altro tassello nel quadro della mobilità sostenibile cittadina: la nuova infrastruttura darà la possibilità di rifornire ogni ora otto mezzi a metano che abbattono le emissioni inquinanti, con vantaggi per l’ambiente, risparmio economico e risvolti anche in termini di produttività aziendale. L’intervento è frutto ancora una volta della sinergia fra le partecipate del Comune di Palermo: Amg Energia Spa, attraverso la controllata Energy Auditing, società che si occupa di servizi energetici ad alta efficienza, e Amat Spa che gestisce il trasporto urbano e il nuovo servizio di tram. Oggi i lavori sono stati consegnati alla ditta aggiudicatrice, la IMIP S.r.l di Carini: si aprirà il cantiere e si avvierà il potenziamento dell’impianto che sarà realizzato entro 6 mesi. L’intervento rientra nell'ambito del “programma di finanziamenti per il miglioramento della qualità dell’aria nelle aree urbane e per il potenziamento del trasporto pubblico” finalizzato ad interventi per la mobilità sostenibile e la riduzione dell’inquinamento atmosferico a Palermo: il ministero dell’Ambiente ha finanziato il 70 per cento dei lavori, il restante 30 per cento è a carico di Amg Energia. “Si avvia un intervento importante – sottolinea il presidente di Amg Energia Spa, Giampaolo Galante – e cofinanziando in parte l’opera la nostra società investe nella sostenibilità, strategia che deve caratterizzare non solo il futuro ma innanzitutto il presente della città, volta al miglioramento della qualità dell’aria e dell’uso razionale dell’energia, impegni che da sempre contraddistinguono l’operato di Amg”. “Il nuovo impianto comporterà un notevole taglio dei costi perché eviterà il ricorso al rifornimento esterno, finora necessario, e permetterà il recupero di risorse umane da impiegare in maniera decisamente migliore sia nella movimentazione interna dei bus sia nel servizio di linea – dice Antonio Gristina, presidente dell’Amat –. L’impianto di nuova tecnologia consentirà infatti di eseguire con piena soddisfazione il rifornimento a chilometro zero dell’intera flotta di autobus a metano. Una scommessa vinta da questa amministrazione e dalle sue partecipate”. I lavori prevedono la dismissione del vecchio impianto e la realizzazione di una nuova infrastruttura in grado di comprimere fino a 1480 metri cubi/ora di metano per autotrazione con la possibilità di rifornire 4 autobus contemporaneamente mediante due distributori a doppia erogazione ad alta portata per un totale, quindi, di 8 autobus/ora. Per fare il “pieno” di energia pulita ogni mezzo impiegherà circa 15 minuti. "Ancora una volta - afferma il Sindaco Leoluca Orlando - si conferma l'importanza e l'efficacia della sinergia fra le Aziende partecipate e fra queste e l'Amministrazione. Con questo intervento l'AMAT raggiunge un importante risultato in termini di riduzione dei costi e di operatività e, soprattutto, getta le basi per un possibile ampliamento della flotta a metano, con ulteriori risparmi e miglioramento del servizio." A differenza dei classici combustibili, il metano è un idrocarburo conveniente (ha un costo inferiore di circa il 60 per cento rispetto alla benzina) e pulito: la combustione produce il 20 per cento in meno di CO2 rispetto alla benzina, non immette in atmosfera particolato (PM10), “black carbon” (PM2,5), piombo e idrocarburi policiclici aromatici, ha concentrazioni di ossidi di azoto (NOx) inferiori del 72 per cento rispetto a una vettura a benzina e del 95 per cento rispetto ad un mezzo a gasolio.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
02 ott 2015

Via ai lavori per due stazioni pubbliche di metano

di Antony Passalacqua

Sembra volgere al termine la vicenda delle nuove stazioni di distribuzione metano che rientrano nel programma di “finanziamenti per il miglioramento della qualità dell’aria nelle aree urbane e per il potenziamento del trasporto pubblico” promosso dal Ministero dell’Ambiente. Il programma infatti prevede  la realizzazione di una nuova stazione di distribuzione del gas metano nel parcheggio di viale Francia e il potenziamento della stazione di distribuzione del gas metano per la flotta pubblica ubicata all’interno della rimessa Amat Roccazzo. Per la stazione di distribuzione Roccazzo, si tratta più che altro di un ripristino, visto che da anni è dismessa e i bus Amat sono costretti a rifornirsi presso il distributore di via Lanza di Scalea; col risultato che i bus percorrono ben 28km fra andata e ritorno per rifornirsi, ancora prima di immettersi in esercizio.Un risparmio da non poco, se si considerano anche gli automezzi a metano dell’autoparco del Comune di Palermo. Ad aggiudicarsi i lavori la siciliana Imip e la bolognese Safe che si occuperanno, rispettivamente, del rifacimento dell'impianto di distribuzione all'interno della sede di Amat in via Roccazzo, e della realizzazione di una nuova stazione di distribuzione del gas metano nel parcheggio di viale Francia, in piazzale Ambrosini. In via Roccazzo, la capacità di erogazione del metano compresso a 200 bar passerà da 400 a 1100 metri cubi all'ora soddisfacendo il fabbisogno di carburante metano degli oltre cento autobus parte della flotta del trasporto pubblico di Palermo. Tramite questo impianto potranno essere inoltre caricate le bombole anche degli automezzi del Comune e delle sue aziende alimentati a metano. In piazzale Ambrosini verrà realizzata una stazione di distribuzione del metano per autotrazione aperta agli automobilisti con una capacità di erogazione di ben 700 metri cubi all'ora. Fra pochi giorni, esaurite le procedure di verifica da parte dell'Ufficio Gare di AMG Energia, la firma dei contratti con le imprese aggiudicatarie che potranno poi avviare le attività di cantiere che dureranno 180 giorni. Con la nuova stazione, infatti, Amat potrà continuare il processo di trasformazione della flotta di autobus alimentati a gasolio, con i nuovi mezzi a metano. Voluti fortemente dal Comune di Palermo e cofinanziati nel 2010 al 70% dal Ministero dell'Ambiente e da AMG Energia per il restante 30%, i lavori termineranno entro 180 giorni dalla firma del contratto. La Imip si è aggiudicata la gara con un ribasso del 2,5% sull'importo a base d'asta di 845mila euro. La Safe con uno dello 0.5% sull'importo a base d'asta di 737mila euro.

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
12 gen 2015

Nuovi autobus e stazioni di ricarica bus elettrici per la mobilità a Palermo

di Antony Passalacqua

Nuovi fondi per l'acquisto di autobus che si intravedono all'orizzonte. Si tratta infatti del programma PON METRO, un piano di finanziamenti europei rivolto ad alcune aree metropolitane (Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Genova, Firenze, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma, Torino e Venezia) e di cui i progetti sono già stati presentati al Ministero dello Sviluppo Economico. Spetterà allo stesso Ministero firmare entro Giugno l'accordo con Bruxelles al fine di erogare i fondi ai rispettivi progetti. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
19 mag 2012

Amat, nuovi bus a metano in servizio.

di Antony Passalacqua

Ne avevamo parlato qualche mese fa, annunciando la loro graduale consegna presso l'autorimessa Amat di via Roccazzo; da pochi giorni sono stati immessi in servizio i primi nuovi bus a metano Citelis della Iveco. I nuovi mezzi fanno parte del terzo lotto per la fornitura di 32 bus di lunghezza superiore ai dieci metri, che si aggiungono ai 27 già in esercizio della BredaMenariniBus e ai 17 Archimede già in servizio. Qui la vettura 2031 in servizio sulla linea 109. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 6