03 nov 2017

Il futuro dell’ex fondo terrasi


La storia di Fondo Terrasi è stata riassunta sul suo sito di Facebook , circa un anno fa, dall’ex assessore al verde  prof. Giuseppe Barbera.  “Nel 1965, il comune di Palermo in cambio del rettangolo del verde Terrasi ( coltivato a fichidindia) s’impegnava a realizzare le vie Ausonia e Trinacria. Ma subito dopo inizia un contenzioso. Tra carte scomparse, impegni non mantenuti, palazzinari locali e romani, omissioni di atti d’ufficio la vicenda arriverà a occupare spazio nelle carte dell’Antimafia e valutata come possibile causa dell’omicidio di Piersanti Mattarella. Nel 1988, allontanati anche gli agricoltori che avevano trasformato in giardino una distesa di fichidindia, la storia si chiude con un progetto per un parco. Inizia allora una tenace protesta ambientalista. Con appelli e occupazioni si cerca di salvare un pezzo di Conca d’oro e, per la prima volta, una parte della città mostra di voler riscattare l’ignavia degli anni precedenti. C’erano però molti soldi da spendere (2,5 miliardi di lire); questa era la cosa che contava e la lotta sortì solo qualche parziale effetto. Con la consulenza di docenti universitari si salvarono la metà dei mandarini e nacque quella che oggi è villa Costa, incongrua commistione tra stili paesaggistici diversi, interessi pubblici (biblioteca comunale) e privati (ristorante), lasciata a un ordinario abbandono. Nel frattempo, in un tratto residuo ridotto a discarica, si preparò la strada allo scempio definitivo che avrebbe portato all’orrendo giardino battezzato roseto (chiamarlo così, per chi ha cara la grazia e la delicatezza delle rose, fa quasi male). Un insieme di forme sgraziate ed errori tecnici che, nel tempo, lo renderanno ancora più brutto e infrequentabile. 

Quattro anni fa, appena nominato assessore, fermai i lavori e fu predisposto, nel pieno accordo politico e amministrativo, un progetto alternativo. Si era speso il 50% delle somme (900.000 euro) e con quel che restava, si mirava quantomeno a ridurre il danno. Un nuovo progetto fu redatto da Ornella Amara, paesaggista comunale brava e generosa. Dopo due anni fu definitivamente approvato e si diede avvio alla realizzazione.

Ricordo tv, giornalisti e dichiarazioni soddisfatte per il pericolo scampato.

Quindici giorni dopo non toccò più a me seguire la vicenda, i lavori furono subito sospesi e si riesumò, fino a realizzarlo, il progetto originario. Questa è la fine della storia

Riassumendo , Fondo Terrasi fu diviso in due parti. Villa Gaetano Costa” incongrua commistione tra stili paesaggistici diversi, interessi pubblici (biblioteca comunale) e privati (ristorante)” e il roseto “Un insieme di forme sgraziate ed errori tecnici che, nel tempo, lo renderanno ancora più brutto e infrequentabile.” Apprendiamo da un articolo di “Blog Sicilia” che Villa Costa, di proprietà del Comune, fu dato in concessione nel 2009 durante la sindacatura Cammarata alla ditta Velaria S.a.s, che vi ha creato il Costè, noto locale della movida notturna palermitana. Lo spazio è stato dato in concessione a fronte di un canone di affitto pari a 2 mila euro al mese per otto anni. In cambio, gli imprenditori si sarebbero impegnati a provvedere alla manutenzione della villa, alla pulizia e alla cura del verde, alla sorveglianza e all’organizzazione di attività culturali rivolte alla cittadinanza, in particolar modo ai bambini e agli anziani

Tale accordo è stato rispettato?

In alcuni articoli pubblicati da “Blog Sicilia e da Palermo Today” il 18/03/2016 il consigliere dell’ottava circoscrizione, Carlo Dones, dichiarava:

Allo stato attuale, Villa Costa è uno spazio abbandonato a sé stesso, eccezion fatta per l’area immediatamente adiacente al Costè, che per chiari motivi viene curata. Non c’è traccia di guardiania – continua Dones – gli spazi verdi sono incolti e non risulta alcun tipo di attività dedicata ai bambini e agli anziani, né tanto meno di tipo culturale. Le sole attività svolte dal Costè sono quelle del tipico locale serale: aperitivi, discoteca e vendita di alcolici. “ Il consigliere Dones presentò una mozione rivolta alla sezione Cultura del Comune di Palermo affinché venisse fatta chiarezza sulla gestione di questo spazio pubblico”.

Francamente non sappiamo se l’assessore o gli imprenditori privati abbiano risposto e se, d’allora, la situazione sia migliorata, ma appare singolare che dopo 7 anni di “gestione privata” la situazione era quella descritta dal consigliere di maggioranza Dones ( di Sinistra Italiana ).

P.S. Abbiamo riportato fedelmente quanto hanno scritto nel 2016 l’ex assessore al verde della giunta Orlando , prof. Giuseppe Barbera e l’ex consigliere di maggioranza dell’XVIII circoscrizione Carlo Dones . Considerando che la concessione di Villa Costa alla ditta Velaria , a quanto sembra, scadrà a fine dicembre del 2017, vorremmo sapere cosa vuole fare il Comune?

  • Vuole bandire un nuovo bando?
  • Vuole rinnovare la concessione?
  • Oppure vuole gestire direttamente Villa Costa.

In questo caso non sarebbe utile unificare Villa Costa con il Rosetto ?

Dopo quello scritto dall’ex assessore Giuseppe Barbera non ci sembra un argomento futile.


appalti palermoaree verdi palermobelfagorcantiere palermofondo terrasilavori palermopiazzale campaniapiazzale campania palermoroseto palermoverde pubblico palermoverde terrasi palermovilla terrasi palermo

3 commenti per “Il futuro dell’ex fondo terrasi
  • punteruolorosso 1639
    07 nov 2017 alle 11:03

    barbera ha ragione. non ho ancora visto il roseto, ma dalla foto non sembra affatto così male.
    varrebbe la pena farne uno spazio unico con villa costa, abbattendo il cancello.
    viale campania è immenso, pur non essendo un vero asse di scorrimento come viale croce rossa e via restivo. tempo addietro c’era il progetto di un centro commerciale con parcheggio. i residenti si spaventarono, e non se ne fece più nulla. estenderei il roseto fino allo spartitraffico di viale campania, istituendo il doppio senso sull’altra corsia.

  • se68 384
    07 nov 2017 alle 16:08

    Il “Roseto” è una delle tante occasioni sprecate in questa città. Orlando ne è responsabile, visto che l’ha inaugurato e non ha dato mandato a Barbera di migliorarlo quando ancora era possibile. Ma la cosa più grave è il silenzio dell’ Ordine degli Architetti e della Facoltà di Architettura. Occorrerebbe un concorso di progettazione per rivedere sia il “Roseto” che l’adiacente villa terrasi ( incomprensibilmente separate da una cancellata). Per progettare tali spazi esistono delle figure professionali..i paesaggisti……..


Lascia un Commento

Post Correlati