18 ago 2020

Semafori photored: una rivoluzione per educare i palermitani?


Molti di noi, noi palermitani, viviamo o abbiamo vissuto lontani dalla nostra città. Abbiamo visto coi nostri occhi le città gestite da una buona amministrazione, dove ogni cosa pubblica ha un ufficio preposto alla sua manutenzione e soprattutto al suo miglioramento.

Fuori Palermo, anche restando in Sicilia, ad esempio nella zona del ragusano, abbiamo imparato ad usare le rotonde, a dare le precedenze e ad utilizzare uno strumento fondamentale nella guida cittadina: la linea di arresto. Quando le auto, allo scattare del rosso, si fermano prima della linea di arresto, magicamente, le strisce pedonali restano sgombere, senza che i pedoni, i passeggini e le carrozzelle debbano fare nessuno slalom e nei momenti di traffico le auto riescono a defluire e l’incrocio resta libera per il flusso perpendicolare.

Un fantastico metodo per controllare e educare i palermosauri all’utilizzo di questo magico strumento (la cui manutenzione, insieme a tutto il resto della segnaletica orizzontale e verticale, dovrebbe essere preoccupazione primaria dell’amministrazione) è il controllo del rosso semaforico, attivo in moltissime altre città. Allo scattare del rosso ti devi fermare, prima della linea d’arresto, altrimenti multa. Credo che sarebbe un’ottima soluzione.

“Ma a Palermo i controlli sono una tantum e ci sono solo quando si deve fare cassa”, molti direbbero questo. Io credo che i controlli e una campagna delle buone regole siano gli unici metodi efficaci per cambiare un po’ di cattive abitudini che abbiamo qui a Palermo, dove tra clacson, slalom pedonali, marciapiedi rotti, ciclabili inesistenti, strade fatiscenti, parcheggi selvaggi e chi più ne ha più ne metta, la vita nella giungla cittadina risulta particolarmente stressante.

Insieme, tutti insieme, con l’aiuto di un’amministrazione amica, possiamo riuscire a cambiare in meglio la nostra bellissima città.

Riccardo

2 commenti per “Semafori photored: una rivoluzione per educare i palermitani?

Lascia un Commento

Post Correlati