19 dic 2017

Piano Battaglia| Sará l’ennesima stagione invernale improvvisata?


Con l’abbassarsi delle temperature Piano Battaglia, fulcro della stagione invernale del comprensorio Madonita, é pronta ad accogliere i numerosi appassionati che vorranno godersi la neve e il divertimento…
O forse no..

I primi a porsi importanti interrogativi sono gli operatori turistici.
Come si può programmare una stagione invernale senza conoscere né la data di apertura, né il tariffario della seggiovia inaugurata lo scorso anno? Problemi interni alla società di gestione dell’impianto, la Piano Battaglia s.r.l. sembrano infatti pesare come un enorme macigno sulla prossima stagione invernale.
Aprendo il sito della società l’ultima news risale al 13 Settembre, quando veniva comunicata la chiusura della seggiovia per manutenzione straordinaria. Da allora il sito é rimasto congelato.

Fonti ufficiose suggeriscono che entro la prima metà di dicembre i tecnici dell’USTIF (l’Ufficio Speciale Trasporti a Impianti Fissi del Ministero dei Trasporti) faranno il collaudo tecnico che consentirà la riapertura degli impianti di risalita.

Si è già provveduto all’installazione dei seggiolini e dei ganci rispettivamente sulla seggiovia Mufara e sullo ski-lift Mufaretta. In via di definizione anche il ripristino del tapis roulant che servirà il campo scuola Marmotta.

A Piano Battaglia peró c’è anche chi ha voglia di credere e investire, é il caso del Fun Park di Piano Battaglia, l’unico parco divertimenti sulla neve di tutta la Sicilia da un’idea di AREA s.r.l.s.
Un tappeto mobile simile a quello installato al campo scuola della stazione sciistica è stato montato nei giorni scorsi alle spalle del rifugio Marini e servirà i numerosi visitatori che vorranno affrontare le discese con slittini omologati.

Ma basterà tutto questo?

Ovviamente no! Perché i problemi che vi documentammo qualche anno fa non solo sono rimasti, ma sono anche peggiorati.

Le strade, nonostante piccoli interventi, continuano ad essere un colabrodo, ma a preoccupare é sopratutto l’assenza di una pianificazione.

In caso di neve infatti una squadra della città metropolitana, dopo aver ricevuto il via libera dal dirigente, deve recarsi da Palermo a Piano Zucchi, montare sui mezzi e iniziare ad operare. Risultato? Prima di poter sgomberare la strada dalla neve, rispetto alla prima nevicata, sono necessarie parecchie ore.
E a complicare il tutto vi é anche una mancanza di mezzi, ci giunge infatti notizie che non solo non é stato possibile acquistare nuovi mezzi per mancanza di fondi, ma è stato rottamanto anche un mezzo non piú in grado di essere riparato, riducendo quindi un autoparco già in condizioni critiche.
E i mezzi spargi sale? A.a.a. cercasi!

La ciliegina sulla torta? La mancanza di bagni chimici in grado di soddisfare i bisogni delle centinaia di utenti che affollano la località madonita.
Hai necessità di un bagno? Devi recarti presso uno dei rifugi o delle locande presenti, ma immaginatevi cosa significa per le strutture ricettive dover sopperire ad una mancanza simile.
Assurdo? No! Merito di una mancanza assoluta di programmazione, di una presenza costante di un tavolo tecnico tra enti pubblici e privati.

Una vera vergogna siciliana.


Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:

 Sito internet: http://palermo.mobilita.org
 Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/
 Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/
 Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA
 Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo


aperturaattivitàetnanevepiano battagliapiste sciiseggiovia

Un commento per “Piano Battaglia| Sará l’ennesima stagione invernale improvvisata?
  • peppe2994 3019
    19 dic 2017 alle 9:52

    Beh dai per la seggiovia è un po’ un pretesto. I prezzi più o meno sono sempre quelli. Quando arriverà la neve si saprà.

    Sul discorso mezzi, personalmente lo scorso 6 Gennaio nel pieno della bufera ero su, la mattina seguente è passato lo spalaneve e come al solito ha spazzato tutto da piano Zucchi a Tremonzelli.
    Sono stato in Trentino, sulle Dolomiti, nel complesso della Marmolada, strada chiusa perché lo spalaneve non era passato, in Trentino… dopo qualche ora è arrivato.
    Ho beccato una bufera di neve sulla A22 ed anche in quel caso ore ed ore di coda.

    Non esageriamo ed analizziamo tutto nella giusta misura. Non si può pretendere tipo che in piena notte arrivi lo spalaneve. Gli spargisale ci sono, e sono stati utilizzati sulla A19 sempre lo scorso anno. Non li usano in montagna solitamente perché alle 11 di mattina il ghiaccio si scioglie solo e la temperatura è mediamente sopra lo 0. Sotto lo 0 gli spargisale hanno un’utilità vera.

    Discorso strada, è assolutamente fattibile. C’è una buca ed un avvallamento importante salendo da Campofelice verso di Collesano, ma il resto non è per niente male. Lato Petralia invece la strada è quasi perfetta. Rispetto a quanto documentato dal video la situazione è molto migliorata.

    Per il bagno invece c’è Rifugio Marini, e non solo immagino cosa significa, ma l’ho chiesto pure. Per loro non è un grosso problema, perché un caffè al bar nell’arco della giornata se lo prendono tutti. Anzi, l’assenza del bar ha aumentato di molto i potenziali clienti.

    I problemi ci sono, per carità, sarebbe bella una riasfaltatura totale, ma a volte si parla di disagi con una drammaticità eccessiva, tale da convincere chi legge certi articoli a desistere dal recarsi a piano Pattaglia.

    Andate, divertitevi ed aiutiamo tutti insieme la località a risollevarsi, Piano Battaglia ed i meravigliosi paesini che vi gravitano attorno.


Lascia un Commento