26 ago 2017

Dov’è la terza corsia in Viale Regione Siciliana? Intanto la notte si scorrazza…


A Maggio è stata emanata un’ordinanza che istituiva in via sperimentale una terza corsia in viale Regione Siciliana.

L’obiettivo è convertire la corsia di emergenza in una corsia riservata ai mezzi pesanti, con l’obiettivo di fluidificare il traffico sull’intero asse di viale Regione Siciliana.L’ordinanza diverrà esecutiva allorquando verranno garantite le condizione sicurezza della pavimentazione stradale tramite esplicita attestazione a cura dell’ufficio comunale anche in riferimento agli interventi previsti nell’ordinanza n° 1047 del 05/09/2016.

Siamo ad Agosto e dell’adeguamento della segnaletica orizzontale nemmeno l’ombra.

Tuttavia avevamo palesato parecchi dubbi sull’utilità di questo provvedimento che, ancora una volta, si inserisce nel ventaglio degli esperimenti del Comune di Palermo.

Anche i cittadini hanno manifestato le proprie perplessità e allora riportiamo quanto inviatoci da un utente che abita in zona:

Ritengo che la soluzione non sia una terza corsia pari ad un 1/3 della carreggiata  ma soltanto una laterale sufficiente in larghezza al transito secondo velocità stabilita dal C. S. in questo tipo di arteria per i mezzi di maggiore peso.
La strada più lunga e larga della città la notte altresì è abbandonata a se stessa. La testimonianza appartiene a chi vi abita e non a chi la percorre per alcuni minuti, di giorno o al massimo in serata e nel chiuso di una autovettura distratto dal sottofondo
della propria radio, dal cellulare o dagli eventuali passeggeri a bordo.
Non una pattuglia (carabinieri, polstrada e meno che VV.UU.) che accertino con apposite postazioni alcunchè) a cui si aggiunge  la mancanza dell’illuminazione (altezza via Principe di Paternò) . Quale migliore contributo per
chiunque a prendere la velocità proprio in una zona residenziale? (G. Magnisi)

Perchè tutto questo ritardo nel provvedimento? 

Ripensamenti all’orizzonte o semplice prassi?

(foto di gds.it)


Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:

 Sito internet: http://palermo.mobilita.org
 Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/
 Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/
 Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA
 Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo


corsia mezzi pesanti viale regionemezzi pesantitangenziale palermoviale regione siciliana

6 commenti per “Dov’è la terza corsia in Viale Regione Siciliana? Intanto la notte si scorrazza…
  • Alessandro Catalano 12
    26 ago 2017 alle 13:43

    La terza corsia esiste solo ed esclusivamente per i furbi, ma poiché sotto i ponti in teoria le telecamere ci sono, in pratica bisognerebbe usarle per multare le persone che invadono la corsia, che non sono poche, e non vanno nemmeno a 50 km orari.

  • Metropolitano 3212
    26 ago 2017 alle 18:03

    La corsia autocamionale non serve a un tubo se nella corsia d’emergenza devono fermarsi veicoli in avaria come puo accadere. I camion sarebbero costretti a immettersi nelle corsie di marcia e sorpasso. Sui furbi che invadono la corsia d’emergenza per superare, d’altronde manovra non consentita sulla destra, mi trovate pienamente d’accordo.

  • Binario 80
    28 ago 2017 alle 14:20

    Io proporrei di ridurre il limite di velocità, sulla corsia preferenziale, a 40 Km/h. È inammissibile, vedere molto spesso, sfrecciare le auto con il contrassegno per invalidi a velocità folli!

  • rudi gi 46
    28 ago 2017 alle 15:05

    Sono per la terza corsia, dando un riordino complessivo a questa strada, specialmente nel tratto piu caotico che va da via Belgio a via Pitre nei due sensi di marcia. Ritengo che si debbano allargare le carreggiate, sfruttando al massimo quelle aree che attualmente sono dei marciapiedi in disuso, perche inaccessibili per la linea del tram e anche perche non sono previsti attraversamenti pedonali se non davanti piazzale Giotto ed incrocio Perpignano. Bisogna non sostituire il guard rail ma abolirli, perche sono inguardabili in citta in questo tratto con limite di velocita anche di 50 km/h; meglio una siepe ben curata. Poi dei pannelli luminosi che aggiornino momento per momento la velocita consigliata, e i flussi verso Trapani e Catania. Insomma vanno spesi un bel pò di soldini per progetti da professionisti e non da politici di passaggio.

    • huge 2135
      28 ago 2017 alle 22:11

      Nel mondo dei sogni sarebbe come dici tu.
      Poi basta guardare la foto, che a Calcutta hanno strade messe meglio, e ci si rende conto che non abbiamo dove andare. Erbacce alte più delle auto, barriere distrutte o semidistrutte eppure lì da chissà quanti anni (la sicurezza è un optional), segnaletica orizzontale con inchiostro simpatico. Che schifo.


Lascia un Commento