15 apr 2015

Nei locali restaurati della ex Libreria Dante


Ed ecco i locali della ex Libreria Dante in via Maqueda ai Quattro Canti, al piano terra di Palazzo Rudinì, che crisi e mutati tempi hanno portato purtroppo alla chiusura, e che oggi ospitano il nuovo bistrot “Bisso”.
Per un pezzetto di Palermo che se ne va, ne viene comunque ritrovato un altro, quindi piangiamo con un occhio solo.

E in questo caso si tratta della decorazione liberty (o credo più precisamente pre-liberty) di uno dei tantissimi cafè che punteggiavano Palermo a cavallo tra i due secoli, e che son spariti tutti, tranne quelli interni ai due teatri. Un ritorno al passato quindi.

DSC02422

 

Smontando le scaffalature in legno sono infatti venuti alla luce gli originali decori parietali ottocenteschi, identici a quelli del limitrofo negozio “Pustorino” (i due ambienti erano infatti un unico locale). Sino alla fine dell’Ottocento (e forse anche i primi del ’900) questi locali ospitavano il “Cafè Umberto”. Trattasi forse a sua volta di un cafè precedente e di incerta collocazione chiamato col rivoluzionario nome di “Cafè Italia” poi cambiato nel savoiardo “Cafè Restaurant Umberto” ai civici 192.-194. Le decorazioni, caratterizzate da festoni floreali e figure femminili sono opera di Luigi di Giovanni, che partecipò tra le varie cose, alla decorazione degli interni del Teatro Massimo, insieme ad altri noti artisti palermitani, come Rocco Lentini ed Ettore De Maria Bergler.
L’umidità proveniente dalla retrostante fontana di uno dei Cantoni e il passaggio di alcuni fili hanno danneggiato in parte i decori che sono stati reintegrati secondo le indicazioni della Soprintendenza, optanto per un leggero sotto tono nelle parti reintegrate (i visi delle figure femminili purtroppo sono falsi), e avvalendosi probabilmente del modello dei decori identici nei locali di Pustorino con cui la libreria ai tempi costituiva unico ambiente.
Nei locali retrostanti, dietro le librerie sono venute fuori le mattonelle originali delle cucine. L’arredo è delizioso nella sua semplicità. Sui soffitti che non possono essere toccati, sempre secondo le indicazioni della Soprintendenza verranno applicati dei teli.
La storica insegna della libreria è stata saggiamente mantenuta.

DSC02440

DSC02441

DSC02429

DSC02430

 

DSC02431

DSC02433

DSC02434

DSC02445

DSC02446

 


Bistrot BissoLibreria Dantevia maqueda

7 commenti per “Nei locali restaurati della ex Libreria Dante

Lascia un Commento