26 nov 2013

Prevenzione allagamenti, al via interventi straordinari


Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa dell’Amap circa gli interventi straordinari in corso sulle caditoie in città

Continua il “Programma Straordinario” sulla rete fognaria destinata allo smaltimento delle acque meteoriche. Particolare attenzione, e priorità, si sta riservando alle zone critiche cittadine in cui si sono verificati allagamenti in occasione delle ultime precipitazioni. Quindi non solo i principali assi viari cittadini (viale Michelangelo, via Leonardo da Vinci, via Pitré, corso Calatafimi e le relative aree di svincolo o incrocio con la circonvallazione), ma anche gli spiazzi antistanti ai palazzi e monumenti di notevole frequentazione come ad esempio, fra gli altri, Palazzo Tarallo dove recentemente è stato razionalizzato un ramo di scarico delle acque meteoriche che confluisce nella fognatura comunale.

980359_10151839193818727_1202482540_o

Pertanto, dopo i lavori avviati e tutt’ora in corso alle caditoie pluviali e relativi rami di allaccio lungo il curvone della Cala, da oggi sono pure partiti i lavori nei pressi della rotonda di viale Michelangelo; detti lavori proseguiranno nei prossimi giorni lungo lo stesso viale Michelangelo, da valle verso monte.

In sequenza, saranno eseguiti analoghi interventi lungo la via Leonardo da Vinci, la via Pitré, il Corso Calatafimi, un tratto della via Messina Marine nei pressi dell’Ospedale Buccheri La Ferla, un tratto della laterale di monte della Circonvallazione antistante il Carcere dei Pagliarelli e tutta quanta l’area di Mondello-Valdesi che recapita sul Canale cosiddetto “Ferro di Cavallo”. Inoltre è previsto un intervento nello spazio antistante il Museo Pitré, alla “Palazzina Cinese”, dove oggi è stato fatto un sopralluogo dall’Ing. Vincenzo Costantino e dall’Arch. Michelangelo Salamone, rispettivamente Presidente e Vice Presidente dell’Amap.

Il Programma – da svolgere in sinergia con la Rap e la Polizia Municipale, come da sempre auspicato dal Sindaco Orlando – è finalizzato ad ottenere un completo riefficientamento della esistente rete di raccolta (attraverso le caditoie stradali) e di convogliamento (attraverso i rami di allaccio delle caditoie ai collettori fognari) delle acque di pioggia e ciò ad iniziare per l’appunto dalle zone critiche prima specificate; con ciò, si riuscirà certamente a deprimere in maniera significativa il rischio di allagamenti ad ogni temporale. Rimane comunque confermato che l’Amministrazione Comunale dovrà provvedere a risolvere i ben noti problemi strutturali della rete.

Con successivi comunicati si terrà informata la Cittadinanza sull’avanzamento dei lavori del suddetto “Programma Straordinario”.

 

Vi mostriamo altre immagini degli interventi in corso, con alcune situazioni “anormali”

 

1392890_10151839175493727_1706951864_n

Cassonetti collocati a cavallo delle caditoie.

1412758_10151839197323727_1000495940_o

Discarica abusiva in prossimità dello svincolo di viale Michelangelo; ovviamente a cavallo delle caditoie.

1461620_10151839176708727_299454595_n

Via Isac Rabin, dove la vegetazione cresce in prossimità delle caditoie, rallentando notevolmente il normale deflusso delle acque. Ma non solo qui, e siamo sicuri che altre zone della città

20131126_083940_resized_1

 

 

Ferme restando che gli interventi sono concentrati in quelle strade che, scendendo verso i sottopassi Michelangelo-Leonardo da Vinci-Pitrè-Calatafimi si trasformano in fiumi, vi invitiamo a inviarci foto di quelle strade che presentano situazioni similari.


allagamentiallagamenti palermoamapamiacaditoiecaditoie palermorap

3 commenti per “Prevenzione allagamenti, al via interventi straordinari
  • peppe2994 2876
    26 nov 2013 alle 19:07

    Come in tante cose si provvede dopo che il danno è fatto.
    Gli ultimi due alluvioni hanno fatto spaventare pure il comune che ora si smuove.

    Oltre agli interventi citati hanno già rifatto le fognature della Bandita e la Rap a partire da oggi sta pulendo le tonnellate di aghi di pino che si sono accumulati nei secoli in viale regione. Anche alla Cala stanno lavorando nell’ambito del progetto da 22 milioni del nuovo collettore fognario che raggiungerà il depuratore di Acqua dei Corsari

  • griffild 327
    27 nov 2013 alle 8:00

    diciamo che il comune fa poco, ma il panormosauro come al solito ci mette tutto se stesso, per gettare l’immondizia sempre e ovunque, e poi chi se ne frega se i sacchi o i DIVANI fanno da tappo…

  • Faber 109
    29 nov 2013 alle 1:25

    e dov’è un programma di manutenzione dei tombini e caditoie trimestrale? basterebbe davero poco…
    aggiungo, dov’è il controllo di TUTTI I TOMBINI E CADITOIE DELLA CITTA’? molte sono INTASATE E ROTTE… [ma possibile che si debba stare qui a legger ee scrivere e la fuori fanno la stessa cosa e nessuno del comune che interviene con i fatti?]


Lascia un Commento