02 ott 2013

E il parcheggio Basile divenne Fiera Natalizia


Finanziato dalla Comunità europea,  costato poco oltre 3mln di euro e dalla capacità di  1.072 posti auto su una superficie di 36 mila metri quadrati, il parcheggio Basile rappresenta la più grande area di parcheggio realizzata in città. Una delle tante che non ha mai espresso le proprie potenzialità  soprattutto per via dell’assenza di seri provvedimenti sulla mobilità. Oggi metà dell’area si appresta a diventare una fiera natalizia che, dal 18 Novembre fino al 6 Gennaio 2014, ospiterà giostre e stand della manifestazione “Disegna il tuo Natale”.

5ay0

Un provvedimento che sfrutta parte degli spazi a disposizione dell’intera area, vista la carenza di aree dedicate o l’inadeguatezza di spazi dove venivano svolte (negli anni passati) questi tipi di manifestazioni. Mostriamo qualche perplessità.

E’ giusto utilizzare queste strutture, finanziate dalla Comunità Europea, per dei mercati Natalizi? Mercati che però assomigliano più a quelli rionali e ben lontani dall’essere mercatini di Natale come in Germania.

allalb_2013_10_01_107

 

Questa la disposizione dell’area giostre e dei gazebo. Il resto dell’area continuerà ad essere adibita a parcheggio. Sorvegliati dai posteggiatori abusivi…

b

 

Quello che ci domandiamo è: come mai il Comune riesce a pensare a questo spazio soltanto per eventi assolutamente impropri rispetto alla destinazione d’uso originale, emanando ordinanze ad hoc, mentre si deresponsabilizza totalmente nel tentativo di strutturare bene un parcheggio di interscambio, vero obiettivo collettivo?

Eppure non è difficile far attestare tutte le autolinee provenienti dai Comuni dello Jato qui all’interno del parcheggio  e sfruttarlo come punto d’interscambio. Pensiamo subito ai pensolari di Altofonte, San Cipirello, Piana degli Albanesi, Monreale, San Giuseppe Jato e tanti altri che potrebbero benissimo attestarsi qui all’interno o le relative autolinee e offrire loro un ticket unico giornaliero per la sosta e l’utilizzo dei mezzi Amat. Vogliamo ricordare che un’iniziativa simile è in atto, con notevole successo, a Catania. E’ il Bus Rapid Transit.  Ci domandiamo inoltre se l’Assessore Giuffrè sia al corrente dell’iniziativa e se ciò non vada in contraddizione con la prossima discussione del Piano Urbano Traffico in Consiglio Comunale.

E il Comune sta già pensando ad un’area perenne dove far svolgere questo tipo di manifestazioni? Pensiamo subito a dei padiglioni della ex Fiera del Mediterraneo.


disegna il tuo natalefiere di natalemercatini di nataleparcheggi palermoparcheggio basilevia basile palermovia ernesto basile

10 commenti per “E il parcheggio Basile divenne Fiera Natalizia
  • Coccolino 28
    02 ott 2013 alle 6:32

    A mio avviso non occorre essere sempre polemici e catastrofisti….

    E’ probabile che si voglia sperimentare qualcosa di nuovo per evitare i soliti problemi nell’ area Giotto-Lennon.
    Dato che di quei posti auto non frega niente a nessuno, perchè non sfruttare il luogo per altra destinazione?
    Tanto al palermitano gli puoi dare anche 100000 posti auto, ma se questi ultimi non si trovano di fronte o dentro il negozio, non li utilizza.
    Ciao Cipollini

  • punteruolorosso 1590
    02 ott 2013 alle 7:29

    vedendo la foto dal satellite si nota quella parte di terreno incolto e pieno di rifiuti fra il ninni cassarà e il parcheggio. perché non recuperare anche quello, creando un accesso al parco dal posteggio basile? ciò incrementerebbe le utenze e trasformerebbe la discarica in parco.
    inoltre il parcheggio basile non comunica con l’università. gli edifici di biologia hanno il loro parcheggio accanto al basile, ma non possono accedere a quest’ultimo. oltre alla bruttura di due spianate di asfalto una accanto all’altra, lo spreco di spazio è immenso. dunque collegare il ninni cassarà, l’università e il parcheggio basile fra loro gioverebbe a ognuna di queste strutture

  • peppe2994 2783
    02 ott 2013 alle 7:46

    Il parcheggio è lì da anni e nessuno lo usa, gli unici sono i lavoratori AMAT che posteggiano la loro auto li per andare in servizio. Il resto della popolazione lo ignora, ma anche il comune. I salici piangenti sono arrivati a terra, è diventata una giungla.

    Ad ogni modo concordo con l’iniziativa, così sono costretti a potare gli alberi e la gente conoscerà un parcheggio di cui non è minimamente a conoscenza

  • Luca S. 129
    02 ott 2013 alle 8:29

    Concordo totalmente con lo spirito del post, che non mi sembra affatto polemico, ma aggiunge un punto di vista piu’ che legittimo per un’opera nata per la mobilita’ e mai sfruttata come si deve.
    Ricordiamo che si trova accanto al campus universitario, dove confluiscono, come detto nel post, migliaia di studenti.
    La naturale vocazione di questo parcheggio a mio parere e’ quella di terminal di bus per i paesi limitrofi della provincia. Oltretutto dovrebbe fungere da interscambio anche con la stazione del passante Vespri.
    Per anni ho visto i pulmann invadere le corsie della via ernesto basile. Non capisco perche’ questi pulmann non possano posteggiare all’interno di questo parcheggio, che in parte munito di pensiline, potrebbe diventare una stazione di pulmann.

  • domtao 27
    02 ott 2013 alle 9:47

    Io non capisco perché qualsiasi cosa facciano le nostre istituzioni, per loro, è tutto lecito?
    Faccio un esempio per capirci meglio:
    Se io genero un figlio, e subito dopo lo abbandono, immediatamente corrono (giustamente) una frotta di assistenti sociali e me lo tolgono.
    Se io dopo che mio figlio raggiunge l’età scolare, e non lo mando a scuola, lo Stato giustamente mi denuncia e corrono i carabinieri.
    Allora la domanda nasce spontanea: perché quando il Comune, lo Stato, ecc. ecc. (le Istituzioni per capirci) generano dei figli, in questo caso delle opere di utilità pubblica finanziate con denaro pubblico (la nostra città e la nostra regione ne sono piene) e subito dopo le abbandona non succede niente????
    Non corrono ne gli assistenti sociali ne tanto meno i carabinieri????

  • Celeste 8
    02 ott 2013 alle 10:39

    Sono d’accordo con “Coccolino”, se al palermitano non gli dai il parcheggio sotto casa, davanti al negozio o in doppia fila, non sfrutterà mai queste opportunità. E’ un vizio tutto nostro. Basta vedere quante centinaia di posteggiatori abusivi ci sono a Palermo. A loro vengono lasciate le chiavi della macchina e il palermitano se ne a fare shopping. Ci lamentiamo sempre di tutto, ma non facciamo nulla per contribuire alla civiltà di questo popolo.

  • antony977 165912
    02 ott 2013 alle 10:49

    Qui dentro sono state scritte tante proposte per rivalutare il parcheggio e renderlo un’autostazione. Un vero punto intermodale.
    E invece che si fa? Si utilizzano per pseudo mercatini rionali camufatti con addobbi natalizi. Perchè di questo si tratta.

  • cirasadesigner 997
    02 ott 2013 alle 11:24

    Sono perfettamente d’accordo con Antony, questa idea dimostra la assoluta incapacità di sfruttare cose fatte per altri scopi, per finte fiere natalizie che non servono a nulla se non a creare casino perché vedrete il tappo che si creerà in quel posto nelle giornate clou.
    I mercatino di Natale sono ben altra cosa e di sicuro sono pensati per il centro e non per un parcheggio periferico come questo, a Monaco, Francoforte, Vienna e Bruxelles non stanno certo in periferia, ma costituiscono una attrattiva fantastica per chi vuole scoprire queste cose in città da turista.
    Io credo che il progetto, costato parecchi milioni, sia stato progettato per altro altrimenti non sarebbero arrivati nemmeno i soldi dell’Europa, se sapessero che fine ha fatto il parcheggio, magari quelli di Bruxelles, domanderebbero le cifre indietro.
    Un parcheggio di questo tipo ha solo uno scopo quello di funzionare da interscambio, perché non si pensa concretamente a collegarlo con la stazione mediante il prolungamento di una tranvia ad esempio, perché non si pensa di collegarlo con la linea 3 ad esempio.
    Le autolinee che provengono dalla Palermo Sciacca dovrebbero necessariamente attestarsi li aggiungo che anche le altre potrebbero farlo, si potrebbe costituire una stazione bus così come è stata pensata per il parcheggio Francia.
    Ma è inutile, purtroppo sembra che ci governi non abbia la stessa nostra lungimiranza, a proposito avete visto l’ultima puntata di Report, ti fa capire perché la nostra bellissima nazione stia andando a scatafascio…

  • KINGDOM 20
    03 ott 2013 alle 11:32

    ovviamente questo pseudo mercato natalizio sarà abusivo e illegale dalla testa ai piedi. immagino già flotte di posteggiatori abusivi e camincioni che venderanno cose da mangiare ovviamente mancanti di qualsiasi elementare licenza di vendere. i mercatini natalizi sono quelli che fanno a bolzano per esempio, quelli fatti in legno, molto molto caratteristici. qui da noi invece si prendono quattro fili di ferro filato, delle cassette e dei tendoni. eccovi servito il mercatino. è un vero peccato, perchè il parcheggio basile è davvero immenso: potrebbe ospitare tutti i pulman che collegano i paesini dell’hinterland e resterebbero ancora centinaia di posteggi auto. sarebbe davvero ottimo munire il tutto di un paio di navette bus che colleghino il parcheggio con la parte bassa del campus universitario e con la centralissima fermata orleans. tutta roba che potrebbe essere fatta con due soldi davvero. però ovviamente qua da noi interessa buttare al vento quanti più soldi possibili, per cui le opere per le quali gira poco denaro non interessano a nessuno.


Lascia un Commento