10 mag 2013

Il rifugio anti aereo della Scuola Madre Teresa di Calcutta


E’ stato riaperto ieri lo storico rifugio anti aereo all’interno della scuola Madre Teresa di Calcutta, di via Maqueda 100. Le visite rientrano nell’ambito della manifestazione Palermo Apre le Porte. Finio al 12 Maggio, l’agenzia CTS Palermo garantirà l’apertura del ricovero con visite guidate. Orari: dalle 9 alle 13, e dalle 15 fino alle 18.

20130509_114813

20130509_115120

Una delle tante prese d’aria presenti sul soffitto. Questi tubi garantivano l’immissione di aria all’interno del rifugio.

20130509_114955

 

20130509_115137

 

Come si presenta il rifugio.

20130509_115343

 

 

Lungo i corridoi è presente una mostra fotografica con immagini d’epoca.

20130509_115414

 

 

20130509_115247

 

 

 

20130509_115052

 

 

Una parte del rifugio inibita: qui il soffitto aveva ceduto durante un bombardamento.

20130509_115538

I vari corridoi.

20130509_115622

 

Latrina.

20130509_115649

20130509_115931

 

Una delle uscite.

20130509_115952

20130509_120100

 

Sbocco in superficie delle prese d’aria presenti all’interno del rifugio.

20130509_120736

 

70 anni fa dal cielo pioveva l’inferno. Oggi un cielo azzurro e tanti bambini a giocare.

20130509_121153

 

 

3 commenti per “Il rifugio anti aereo della Scuola Madre Teresa di Calcutta
  • cirasadesigner 1021
    10 mag 2013 alle 9:32

    Qualcuno sa dirmi se le visite sono solo per questo week end? Vorrei portare i miei bambini ma torno a Palermo per il week end del 25/26 maggio. Grazie

  • MAQVEDA 17489
    10 mag 2013 alle 12:20

    Purtroppo solo questo weekend :(
    bellissimo comunque, siti del genere, come quello sotto piazza Pretoria dovrebbero essere sempre aperti al pubblico, come attrazione turistica, non per eventi occasionali.

  • cirasadesigner 1021
    10 mag 2013 alle 14:34

    Grazie Maqueda, lo immaginavo, peccato che nemmeno la scuola che sta di sopra abbia pensato di adottarlo… Purtroppo è vero, non abbaino la più pallida idea di cosa sia la promozione di quello che abbiamo, sotto i piedi, lungo la strade e stando con il naso all’insu…. Che tristezza


Lascia un Commento