09 mar 2012

Piazza Magione ritrova i suoi colori e abbandona il degrado


Qualche aggiornamento da piazza Magione alla Kalsa (per la verità piazzetta SS. Euno e Giuliano, cancellata dai bombardamenti e dai successivi sventramenti). Giù i ponteggi dai palazzi Lucchesi Palli di Campofranco e Naselli Statella di Spaccaforno, tra la piazza e la via Vetriera, destinati entrambi a condominio di lusso come molti dei vicini palazzi nobiliari della via Alloro. Tutti luoghi che in passato avevo già mostrato quando i cantieri erano appena all’inizio. Uno dei luoghi simbolo del degrado del nostro centro storico, quello forte, è adesso più prossimo alla “normalità”. Come già segnalato, recuperata già da tempo anche la chiesetta dei SS. Euno e Giuliano che adesso non si trova più ad essere un recupero isolato. E’ adesso auspicabile una sistemazione dignitosa da parte del Comune dell’antistante spiazzo, ancora oggi definito con del pietrisco al posto delle basole, oltre che maggiori controlli per contrastare le discariche che puntualmente qui si creano.

Ieri:

Oggi:

Alla destra della chiesetta è visibile quest’altro semplice ma elegante edificio senza più i ponteggi. Ieri (come l’abbiamo visto qualche mese fa) e oggi:

Infine smantellati i ponteggi anche sull’ultimo edificio in recupero della stecca edilizia, ad angolo con la via dello Spasimo. Interessante notare come le aperture fuori asse al piano terra (forse box auto) siano state cammuffate e riallineate con delle finte porticine in stucco dipinto. Ieri (sulla sinistra):

Oggi:

dettaglio delle porte cammuffate e in via di definizione:


Kalsapalazzo Lucchesi Pallipalazzo Naselli StatellaPiazza Magionepiazzetta SS. Euno e Giulianovia Vetriera

22 commenti per “Piazza Magione ritrova i suoi colori e abbandona il degrado

Comment navigation

  • marinalu 1
    15 mar 2012 alle 19:58

    La descrizione che tonio fiorino dà di piazza magione e dintorni è, ahinoi, l’unica che corrisponde alla realtà.
    Caro tonio, non solo due settimane fa, quando sei passato tu, ma ogni giorno dell’anno piazza magione, via vetriera, via dello spasimo e tutti i dintorni, versano in condizioni di degrado spaventoso.
    Per chi, come me, ha creduto in un vero risanamento e ha investito anche una modesta somma per un piccolo appartamento (non necessariamente nei palazzi “di lusso”) è una mortificazione costante assistere all’abbandono nel quale versa il centro storico, abbandonato dalle amministrazioni competenti e violato con costanza dalla incuria e dalla totale mancanza di senso civico dei nostri concittadini.
    In via vetriera, per chi vuole avere occhi per guardare, convivono i palazzi nobiliari restaurati di cui sopra, e catoi fatiscenti in cui ancora vivono numerose famiglie, in condizioni disumane, in un contrasto più che terzomondista, che farebbe vergognare qualsiasi pubblico amministratore degno di questo nome.
    Per non parlare delle numerose palazzine a rischio crollo, sorrette da puntelli in legno ormai fradicio, più volte segnalate agli uffici di competenza senza che alcun provvedimento sia stato preso.
    Attendiamo tutti fiduciosi il prossimo crollo, sperando che non ci resti secco qualcuno (l’ultimo, per la cronaca, circa un mese fa in una traversina di via spasimo, nessuna vittima per puro miracolo).
    Piazza magione, in particolare appena inizia il bel tempo, è totalmente nelle mani degli abusivi, che ne hanno fatto la loro terra di conquista: nessun controllo, il prato distrutto, immondizia ovunque, bottiglie spaccate in ogni angolo, latrine a cielo aperto, cassonetti trasformati in discariche, spaccio notturno e via di seguito.
    I cani di cui parla tonio, molto aggressivi e che più volte hanno morso abitanti e passanti, non sono esattamente randagi, ma, molto probabilmente, lasciati liberi ad ulteriore controllo del territorio da parte di chi, possiamo immaginarlo. Vigili? Della serie “chi l’ha visto”.
    Il cittadino comune, che sogna qualcosa di meglio per sè e per la sua città, totalmente impotente di fronte all’arroganza dell’illegalità ed al disinteresse delle istituzioni preposte.
    Ogni giorno vedo passare turisti, che, quando riescono a non essere azzannati dai cani di cui sopra, restano a guardare a bocca aperta, chiedendosi se ciò che hanno davanti sia calcutta, beirut dopo i bombardamenti o qualcosa di ancor peggio.
    Io credo sia qualcosa di ancor peggio, perchè qui molte delle colpe sono da imputare agli stessi abitanti, ignavi e complici, di ogni estrazione sociale.
    Che la ricca borghesia abitante nei “lussuosi palazzi” non si ritenga infatti immune dalle responsabilità di questo sfascio!
    Con sofferenza, Marina

  • sis72 1
    19 mar 2012 alle 12:38

    Risiedo da proprietario con la mia famiglia da piu’ di un anno in via della ventriera. Ritengo che notizie come questa siano promettenti per il futuro del centro storico della citta’, ma il lavoro da fare e’ davvero molto lungo e difficile. Oltre a quanto gia’ commentato ( delinquenza, ,mancata messa in sicurezza di palazzine fatiscenti con relativo assalto di abusivi di cui gran parte composta da zingari che coabitano con i carabinieri, costanti e continue discariche abusive, non adeguato piano traffico, pavimentazione inadeguata….), provo ad immaginare le persone come me che decidono di trasferirsi in un appartamento lussuoso che pagano sicuramente molto salato e che d’estate la sera si affacciano in piazza magione che si trasforma nell’apoteosi dell’illegalità con ogni tipo di vendita abusiva…. Non aggiungo altro. Simone


Lascia un Commento