17 feb 2010

La Rinascente torna in città


Il cantiere è quasi ultimato e presto riavremo La Rinascente nella nostra città. Già adesso la città è tempestata di cartelloni pubblicitari. Secondo varie fonti l’inaugurazione ufficiale dovrebbe avvenire il 23 febbraio, mentre l’apertura è prevista per il 25 febbraio alle ore 11.00. Ma rivediamo un attimo il progetto e riproponiamo una piccola cronostoria.

Nel 2005 il grupp La Rinascente acquista l’ex edificio della Upim di via Roma, edificio post bellico rimasto a lungo tempo quasi del tutto inutilizzato, a parte la Mondadori del piano terra. Il progetto aziendale è quello di abbandonare la storica sede di via Ruggero Settimo, considerata ormai troppo piccola ed inadeguata, per spostarsi nei più ampi locali di via Roma (da circa 3.000 mq si passa ai 4.500 mq di via Roma).

Ma presto il rpogetto ha uno stop, il comune infatti ha intenzione di abbattere l’edificio perchè considerato non adatto al centro storico. L’intenzione è quella di far costruire al suo posto qualcosa che imiti lo stile degli edifici circostanti. Inizia quindi una lunga battaglia, l’azienda aveva preventivato una spesa totale di 35 milioni di euro (divisi in 15 milioni per l’acquisto dell’edificio e 20 milioni per la ristrutturazione), dover ricostruire un edificio ex novo avrebbe comportato un enorme aggravio di spese. Tutto ciò ha posticipato di molto lo spostamento della sede. Inizialmente, infatti, era stata preventivata l’apertura della nuova sede nel 2008.

Tutto ciò ci porta Settembre 2008 quando la variante urbanistica al piano particolareggiato è stata finalmente approvata dal comune. I lavori in via Roma sono iniziati, un po’ in sordina, nel Novembre 2008, come segnalammo su questo sito a suo tempo, mentre il 31 Marzo del 2009 la sede di via Ruggero Settimo è stata definitivamente chiusa per far posto ad H&M e alla Mondadori Multicenter.

La nuova Rinascente sarà divisa su cinque piani e sul tetto disporrà di un ristorante panoramico. Il progetto di ristrutturazione è stato curato dal famoso architetto Flavio Albanese. I 90 dipendenti, andati in cassa integrazione lo scorso Marzo, verrann reintegrati mentre saranno assunte nuove unità, con particolare attenzione ha chi ha già lavorato a tempo determinato per l’azienda.


assunzioni palermocentri commerciali palermola rinascente palermolavori palermolavoro palermo

29 commenti per “La Rinascente torna in città

Comment navigation

  • huge 2192
    18 feb 2010 alle 1:13

    @Dreamboy, ti faccio una semplice domanda. Immagina di essere il capo del personale di un’azienda e di essere alle prese con delle selezioni per assumere nuovi dipendenti. Stai selezionando commessi. Devi scegliere tra due candidati: uno, 23 anni, studente universitario, nessuna esperienza lavorativa. L’altro, 25 anni, un anno d’esperienza come commesso in un grande magazzino (azienda diversa dalla tua), stesso ruolo che stai selezionando tu: chi scegli?

  • dreamboy 137
    18 feb 2010 alle 2:35

    Dipende, chi mi ispira più fiducia e chi ha più motivazioni. In genere hanno più motivazioni quelli che non hanno mai lavorato e che vogliono fare la loro prima esperienza. Ma solitamente tante aziende non ragionano in questo modo. Dobbiamo capire che TUTTI devono avere la loro PRIMA VOLTA. Ci dovrà pur essere un’INIZIO affinchè una persona possa fare le proprie esperienze lavorative. Non si può prendere sempre che quello che ha esperienza e scartare lo studente universitario senza esperienza o con lavoretti vari che sono irrilevanti sotto l’aspetto dei curriculum.

  • freddie80 1052
    18 feb 2010 alle 10:26

    Ragazzi io non mi sento di dare torto a dreamboy, eccezion fatta per il discorso dei dipendenti rinascente da riassumere.
    Si parla tanto di precari, gente che comunque prende uno stipendio da anni o che comunque ha preso uno stipendio per anni…e non si parla mai di disoccupati invece. C’è chi farebbe salti di gioia per essere precario, perchè almeno per qualche periodo il precario prende lo stipendio, il disoccupato no. E sono 100 volte più i disoccupati che i precari.

  • huge 2192
    18 feb 2010 alle 10:43

    @dreamboy, ti rendo l’esempio un po’ più specifico. Ti trovi a dover scegliere quale delle due persone descritte precedentemente invitare per un colloquio avendo davanti a te solo i CV con l’informazioni che ti ho dato. Solo una delle due può essere chiamata. A te la scelta.

  • Roberto1 520
    18 feb 2010 alle 10:44

    @monte_Pellegrino: in realtà la Rinascente doveva chiudere e riaprire solo dopo pochi mesi nella nuova sede. Poi intoppi burocratici relativi alle autorizzazioni hanno rallentato l’avvio dei cantieri e la Rinascente ha dovuto comunque chiudere a causa di un contratto nazionale stipulato con H&M per la cessione di alcune sedi.

  • Roberto1 520
    18 feb 2010 alle 10:47

    Ragazzi, state parlando di aria fritta: un’azienda privata può assumere chi gli pare e piace, con esperienza o senza esperienza. E’ tutto nelle mani dei selezionatori!

  • Paco 7942
    18 feb 2010 alle 14:17

    @ dreamboy, ma che vuoi dire, allora facciamo la disoccupati rotation? No, intanto si stabilizzano i precari, che non sono così fortunati come immagini. Dopo un anno che gli vuoi dire? Hai guadagnato uno stipendio per un anno adesso fattelo bastare per alcuni anni e facciamo ruotare tutto? Un’assurdità. Cmq per tuta info l’assuzione di precari viene fatta dalle aziende per poter licenziare in qualunque momento e non “subire” un contratto a tempo indeterminato o un contratto di formazione.

  • Paco 7942
    18 feb 2010 alle 14:19

    @ anto, tu vivi la condizione di precario. pensa se l’azienda la prossima estate ti dicesse, quest’estate abbiamo deciso di assumere del personale a tempo indeterminato, tu sei escluso perchè hai già lavorato con noi. Non impazziresti? Se l’azienda ha intenzione di stabilizzare qualcuno non dovrebbe pensare prima a te che hai lavorato con loro più e più volte?


Lascia un Commento