02 lug 2009

Un piccolo ritocco per il centro storico


Nei giorni scorsi sono comparsi in via Isnello (una traversa del Cassaro) dei piccoli paletti in metallo che evitano alle auto di sostare. Sicuramente una piccola spesa che potrebbe essere estesa a molte altre vie/piazze del centro. In particolare piazza Verdi. Infatti la piazza, che dovrebbe essere area pedonale, durante le ore notturne viene presa d’assalto dalle auto che spostano i grossi vasi con le piante e trasformano la piazza in un parcheggio. Ecco le foto dei paletti durante l’installazione degli stessi.


centro storico palermolavori palermo

Articolo precedente

15 commenti per “Un piccolo ritocco per il centro storico
  • r302 191
    02 lug 2009 alle 9:26

    Ben fatto! Un’opera molto simile è stata realizzata a Sferracavallo, nel tratto iniziale della “piazza” subito all’uscita della curva in discesa, dove le auto in sosta vietata bloccavano regolarmente il transito dei bus della linea 628 causando grandi ingorghi. Ora con i paletti non è più possibile fermarsi, almeno finchè qualche commerciante dei dintorni non si armerà di fiamma ossidrica e segherà i paletti…

  • freddie80 1052
    02 lug 2009 alle 9:53

    Misteri palermitani…in via Roma e piazza Verdi ancora ci perdono tempo e in una via sconosciuta glieli mettono…boh!!!

  • Roberto1 520
    02 lug 2009 alle 10:02

    @freddie80: in via Roma e piazza Verdi ci sono quelli che comandano in questa città: i commercianti.

  • freddie80 1052
    02 lug 2009 alle 10:24

    Hai ragione lo penso pure io, stavo pensando…visto che i ragazzi di mobilita palermo riescono a “infilarsi” ovunque, non è che potreste chiedere a chi si occupa di questi lavori se hanno intenzione di installarne altri e dove intendono farlo? Magari potremmo noi chiedere tutti insieme con forza che vengano messi quantomeno a piazza Verdi!

  • marcozs 361
    02 lug 2009 alle 10:57

    Se i commercianti credono che permettere ai pedoni di camminare sui marciapiedi o trasformare il centro in zona pedonale arrechi danno alla loro attività, che si trasferiscano allo zen, dove potranno costruire dei Drive-through per permettere ai loro clienti di fare acquisti senza scendere dall’auto.
    L’altro giorno passando da via Maqueda ho visto un turista che nel tentativo di fare una foto al massimo veniva “impaiato” da un camion betoniera che passava da lì.
    Ci vogliono adesivi del tipo “un intero popolo che fà circolare la qualunque davanti al massimo è un popolo senza dignità”.

  • Federico II 80
    02 lug 2009 alle 11:33

    Questi paletti servirebbero pure per piazza San Domenico e per tutte le piazze e le vie quando un giorno saranno pedonalizzate.

  • IoGomesio 273
    02 lug 2009 alle 14:27

    la soluzione al parcheggio selvaggio celata in questi benedetti paletti è evidente, FIN TROPPO EVIDENTE per pensare che dietro la mancanza della loro diffusione OVUNQUE SIA NECESSARIO in città ci sia semplicemente negligenza e incapacità.. direi piuttosto che c’è la volontà vera e propria di NON metterli

  • Tomas27 17
    02 lug 2009 alle 16:19

    FINALMENTE una cosa veramente utile però davvero peccato che siano stati istallati in una via così isolata!!!! perchè non metterli in via maqueda?? ma per caso qualcuno sa se sono in programma altre strade su cui verranno inseriti questi paletti fissi? perchè voi ragazzi di mobilità Palermo non lo fate presente ai vari assessori che basterebbero un bel pò di paletti dispiegati per le strade cruciali di palermo per allegerire la sosta selvaggia sopra marciapiedi e una viabilità più scorrevole! (e chiaro solo i paletti non sarebbero necessari!! però quanto meno qualcosa)

  • gmgiamm 7
    02 lug 2009 alle 19:29

    Credo che la posa dei paletti in via Isnello sia da mettere in relazione con la prossima conclusione dei lavori di restauro e ristrutturazione del complesso edilizio della ex Cassa di Risparmio di Piazza Borsa che diventerà il “Grand Hotel Piazza Borsa”, un hotel a cinque stelle di proprietà della società “Costa degli Ulivi”.

    Il Grand Hotel avrà 127 camere, e tra queste 20 suite, di cui una presidenziale, con garage personale. Al piano terra ci sarà un ristorante, mentre il primo piano ospiterà un centro congressi. L’albergo ospiterà anche una sala da tè e una sala fumatori che si affacceranno su piazza San Francesco. Ci saranno anche un centro fitness e un roof garden, per la colazione nel periodo estivo, e una cantina con degustazione di vini rari.

    La via Isnello consente un collegamento diretto fra piazza Borsa e Corso Vittorio Emanuele, è quindi verosimile che la società che gestirà l’albergo abbia chiesto al comune la posa dei paletti per fornire ai suoi ospiti un più comodo e sicuro transito pedonale.

    Temo, quindi, che per la posa di altri paletti dissuasori sia necessario attendere l’apertura di altri alberghi a cinque stelle.

  • urbancoltello 39
    02 lug 2009 alle 22:09

    una volta li avevano messi su corso vittorio emanuele,ma molti sono stati sradicati e ne sono rimasti meno che un quarto

  • giovannimi76 84
    03 lug 2009 alle 1:34

    Sicuramente rappresentano un passo avanti, un tentativo di ripristinare e garantire un minimo di vivibilita’ in certe zone..e bene hanno fatto i ragazzi di MobilitaPalermo a riportare la notizia..Pero’ penso che non ci sia nulla di cosi’ entusiasmante all’idea di prevedere l’installazione di paletti del genere per delimitare importanti e particolari aree pedonali come piazza Verdi..dove in certe occasioni efffettivamente devono poter passare mezzi di servizio..tenendo conto anche la vicinanza della sede della squadra mobile..Per Piazza Verdi servirebbero i dissuasori a scomparsa, secondo me, molto migliori, piu’ flessibili..e anche esteticamente migliori dei paletti…Costano di piu’, ma una delle piazze piu’ belle e rapprensentative della citta’ meriterebbero questo ed altro..

  • The.Byfolk 43
    03 lug 2009 alle 8:56

    Scusate ma a guardare queste foto mi è venuta una tristezza…

    Il proposito è buono, ma la soluzione, a mio parere, mediocre e infelice.

    A cosa serve lo spazio creato dietro i paletti, a margine del marciapiede?

    Si tratta di un marciapiede di serie B? Si tratta di un’area pedonale in cui affogare scarpe e pantaloni in una giornata di pioggia?

    L’opera, per questi motivi, a mio avviso ha comunque un margine di spreco, nonostante la buona intenzione.

    Si poteva allargare il marciapiede e poi posizionare qualche paletto(munito di catena) sullo stesso.

    P.S.: inquesta città dobbiamo essere felici se riescono a fare un’opera per normodotati, perchè quei pochi accorgimenti per i disabili che a volte vengono presi sono spesso un’offesa a chi li deve utilizzare, a causa di grossolani errori di progettazione/realizzazione a cura di gente inesperta.

    Per concludere vorrei far notare a chi di questi problemi “non si vuole occupare” che i normodotati spesso fanno figli che viaggiano in carrozzine, che necessitano delle stesse opere di cui sopra.

  • freddie80 1052
    03 lug 2009 alle 9:03

    @ giovannimi76
    Oppure a piazza Verdi si potebbe lo stesso provvedere ad installare questi paletti tranne un varco in cui ci sono i paletti a scomparsa…


Lascia un Commento