27 giu 2008

Piazza Kalsa ritrova il suo scenario


Un atro restauro nel cuore del centro storico cittadino, è il turno della chiesa di Santa Teresa a piazza Kalsa, l’ennesiomo restauro che contribuisce al recupero completo della Kalsa. Venne costruita su progetto di Giacomo Amato  tra il 1686 e il 1706 e osservando il prospetto è facile intuirne l’ascendenza da modelli romani. La facciata divisa in due ordini è divisa in partiti da colonne e lasene e qua e la gransi statue di santi in stucco. Bellissimo il medaglione retto da angeli sopra il portale principale raffigurante la Sacra Famiglia (il portale laterale proviene invece dalla chiesa della Madonna delle Raccomandate in via Maqueda, demolita durante gli sventramenti effettuati tra fine ottocento e inizio novecento nel centro storico). L’interno è ad unica navata con coro e cappelle laterali e può vantare, insieme a tante altre chiese della città, una decorazione a stucco eseguita da Giuseppe e Procopio Serpotta, parenti del ben più famoso Giacomo. In antichità la chiesa era collegata tramite un cavalcavia oggi non più esistente, al convento alla sua sinistra, oggi Istituto delle Artigianelle.


KalsaSacra FamigliaSanta TeresaSerpotta

Articolo precedente

2 commenti per “Piazza Kalsa ritrova il suo scenario
  • Paco 7942
    30 giu 2008 alle 18:43

    adesso è da togliere il fiato, con il restauro della porta dei greci lo sarà ancora di più e la piazza sarà quasi completamente restaurata. Vedrei bene anche un restauro dell’area verde che sa tanto anni 60 con verde costretto e recintato e poche panchine


Lascia un Commento