23 nov 2016

FOTO | Quale futuro per il Ponte Oreto?


Ecco le attuali condizioni in cui versa il Ponte Oreto.. Mi chiedo: per quanti anni ancora?

Questo ponte è totalmente abbandonato a se stesso: i marciapiedi sono degli immondezzai, le balconate cadono a pezzi e l’asfalto si solleva.

Nessun intervento, nessuna messa in sicurezza … nessun cenno dal Comune o da chi di dovere!


fiume oretooretoponteponte oretovia oreto

11 commenti per “FOTO | Quale futuro per il Ponte Oreto?
  • belfagor 644
    23 nov 2016 alle 13:31

    Nel sito ufficiale del Comune di Palermo nel 2012 si leggeva “ da tanti, troppi anni nessuno si è occupato della manutenzione ordinaria del ponte. L’avere semplicemente imposto la limitazione del traffico veicolare escludendo i mezzi pesanti, non può essere spacciato per ‘attenzione’ per un importantissimo asse viario che ogni giorno vede transitare migliaia di veicoli. Abbiamo già disposto, tramite gli uffici tecnici del Comune, che si proceda sia ad una verifica della situazione strutturale del ponte, sia dei due marciapiedi, ridotti ormai ad una sorta di colabrodo. Al termine delle verifiche tecniche, l’Amministrazione comunale potrà dire quali sono i tempi e le modalità di intervento cui si ricorrerà, sapendo fin d’ora che non potrà trattarsi di interventi meramente estetici.”
    Nel Febbraio 2014 un esponente politico del P.D. scriveva ““A distanza di più di un anno e con un progetto che ha già una copertura finanziaria di 4 milioni di euro, reperiti tramite i fondi FAS, ci domandiamo quanto ancora la cittadinanza dovrà attendere l’avvio dei lavori ed il ripristino della piena funzionalità del ponte, che rappresenta un asse viario fondamentale della viabilità cittadina?”…….“assume un ruolo strategico l’intervento del ponte urbano sul fiume Oreto, che oggi in condizioni assai precarie rischia di dividere il centro urbano senza il pieno ripristino della funzionalità del percorso e la completa stabilità delle strutture.”……..“ l’amministrazione comunale, oltre un anno fa, tramite comunicato stampa , annunciava l’avvio di un piano di interventi straordinari all’intera struttura” ……“Ci auguriamo che l’Assessore ( allora era Agata Bazzi) sia al corrente della criticità esposta e che provveda tempestivamente a dare risposte concrete e non solo ulteriori annunci d’intenti e buoni propositi”.
    Come vedi , caro Danyel, nonostante già nel 2013 ci fosse una copertura finanziaria di 4 milioni, nulla è stato fatto. Mi domando , che fine hanno fatto quei soldi reperiti dal fondo FAS?

    • danyel 583
      23 nov 2016 alle 21:28

      Le condizioni in cui versa questo ponte (inammissibili in una città civile!) sono uno dei motivi per i quali non voterò Orlando alle prossime elezioni amministrative .. i soldi, beh .. chissà che fine fanno .. Questo ponte è un esempio lampante delle condizioni in cui si trova la gran parte delle periferie di Palermo .. nel totale abbandono! Ma nello stesso tempo è un asse viario fondamentale e non può più essere lasciato in queste condizioni! E’ semplicemente vergognoso!

      • peppe2994 3363
        24 nov 2016 alle 10:33

        Mi dispiace deluderti, ma Orlando non c’entra assolutamente nulla con il ponte in questione essendo classificato come storico. La competenza è regionale.

        Evitiamo discorsi ad muzzum, grazie.

        • danyel 583
          24 nov 2016 alle 11:36

          Classificato come storico? E la competenza è della Regione? Non sono convinto di quello che dici .. vedremo! Cercherò di informarmi meglio ..

  • belfagor 644
    24 nov 2016 alle 11:14

    Caro Peppe, può anche essere che il ponte sia classificato come storico, anche se ho i miei dubbi. Il Ponte Oreto è stato realizzato negli anni trenta , in pieno Ventennio fascista. Per questo motivo, sui suoi piloni si trovano ( o si trovavano) alcuni fasci littori. Mi sembrerebbe strano che un opera, utile ma certamente non bella, sia considerata un “monumento storico”. Dal sito del comune che ho trascritto si legge “Abbiamo già disposto, tramite gli uffici tecnici del Comune, che si proceda sia ad una verifica della situazione strutturale del ponte, sia dei due marciapiedi, ridotti ormai ad una sorta di colabrodo. Al termine delle verifiche tecniche, l’Amministrazione comunale potrà dire quali sono i tempi e le modalità di intervento cui si ricorrerà, sapendo fin d’ora che non potrà trattarsi di interventi meramente estetici.” Appare evidente che nel 2012 il Comune considerava l’opera di propria competenza. Se poi nel frattempo è diventata un “monumento storico” allora hai ragione tu.

  • mdm 336
    24 nov 2016 alle 12:39

    Gli adulatori di questo sindaco sono sempre attivi sui social… chissà se vengano pagati o meno.

  • Garrone71 85
    27 nov 2016 alle 20:18

    Anche le erbacce sono storiche viste le dimensioni…
    …e sicuramente la competenza della rimozione delle erbacce NON e’ regionale.

  • sornione47 34
    28 nov 2016 alle 16:22

    “nonostante già nel 2013 ci fosse una copertura finanziaria di 4 milioni, nulla è stato fatto. Mi domando , che fine hanno fatto quei soldi reperiti dal fondo FAS?”
    Perché a questa domanda non risponde la Magistratura? Perché la Magistratura interviene tempestivamente in certi casi e in altri non interviene? Qual’è il criterio? Perchè non esiste una rendicontazione pubblica di tutti i finanziamenti che ricevono gli Enti pubblici (Regioni, Comuni, etc.)? Questo è il modo di governare dei politici. Un politico che inizia a rivestire una carica pubblica di amministratore (Sindaco, Presidente di Regione etc.) SI DEVE SCORDARE DI FAR POLITICA come prima faceva. La vera politica la deve fare con gli atti e i fatti dell’amministratore che non deve preoccuparsi se non ottiene il consenso. Il vero consenso lo deve guadagnare con i fatti e non con le promesse non mantenute. Poi, se alle prossime elezioni perde il consenso, ebbene non deve incolparsi di nulla se ha fatto il proprio dovere. Ma sono convinto che se un amministratore fa le cose con coscienza, onestà e competenza, alla fine viene premiato.

  • belfagor 644
    29 nov 2016 alle 5:36

    Perchè sui fondi ,nazionali o europei, stanziati e non spesi , la magistratura non interviene per capire i motivi? Caro “sornione 47″ il suo dubbio è legittimo. E visto che di tali fondi e stanziamenti non spesi c’è ne sono tanti sarebbe giusto che il politico , l’amministratore pubblico o il burocrate, regionale o comunale, ci informasse su il motivo di tale situazione. Il sospetto che non si è trattato di semplice incapacità a spendere tali soldi è molto forte.


Lascia un Commento

Post Correlati