Pizzo Sella: ma allora lasciamo tutto così?

Spread the love

Occupandoci spesso anche di ambiente, volevo riflettere un attimo sul caso Pizzo Sella, che a distanza di anni, e con la recente sentenza che revoca le confische perchè i proprietari erano in buona fede all’atto dell’acquisto, rischia di confondere ancora le acque.

Partendo dal fatto che la collina del disonore è uno scempio dal punto di vista ambientale, mi sento di dire che oramai è diventato più che altro uno scempio a livello amministrativo e burocratico.

Con l’inizio della lottizzazione nel 1978, il Comune si fece promotore di un illecito, grazie a più di 300 concessioni rilasciate a Rosa Greco, sorella di uno dei boss mafiosi più “famosi” a quel tempo. Successivamente il Comune stesso con una sentenza , confiscò tutte queste strutture (il comune insomma punì se stesso), non intimando la demolizione ma l’acquisizione degli edifici nel patrimonio comunale.

In tutto questo:

  • gli atti pubblici sono compilati e firmati, pertanto risalire ai nomi di chi “concesse le concessioni” non dovrebbe essere assolutamente difficile
  • dei costruttori, che per professione, DEVONO sapere in che zona si può costruire, nessuna traccia, nessuna sentenza
  • dei notai, che per professione si responsabilizzano apponendo la firma su un atto pubblico dopo opportune verifiche, nessuna traccia, nessuna sentenza

Adesso con questa sentenza, gli acquirenti nonchè proprietari sono stati dichiarati esenti da colpe, anche se sfido chiunque a rinnegare che parte di loro sapeva, ovviamente.

In sintesi: il comune dovrebbe punire se stesso. Parte dei responsabili (notai, architetti ecc.) sono impuniti. I proprietari continueranno a chiedere le loro case legittimamente. La querelle andrà avanti ancora.

Demolire tutto ha dei costi altissimi.

Case ai proprietari (come sembra stia avvenendo) e scempio ambientale a vita? Oppure nei prossimi decenni servirà una presa di posizione più forte per riappropriarsi della collina  a livello ambientale, andando contro anche alla legittimità delle sentenze che riconsegnano le abitazioni a chi le acquistò in quegli anni?

Cosa è giusto dunque? Rev

Post correlati

85 Thoughts to “Pizzo Sella: ma allora lasciamo tutto così?”

  1. Lele

    io proporrei di demolire le strutture rimaste incompiute punendo il comune con i costi. per le case finite ed abitate, lasciarle ai proprietari ma in ogni caso punire i costruttori, i notai e lo staff dell’uff. tecnico che si occupò delle licenze.

  2. @Lele

    punire il comune significa punire noi stessi visto che i soldi li usciamo di tasca nostra. Ci vorrebbe più rigore e una volta ogni tanto bisognerebbe punire i veri responsabili di questo scempio.

  3. trovare il tesoro di Ciancimino e abbattere tutti gli abusi edilizi del Palermitano. e forse avanzerebbe parecchio denaro

  4. A prescindere che il comune non avrebbe mai tutti i soldi necessari per la demolizione, la questione secondo me è un’altra: anche se si disponesse dei fondi necessari alla demolizione, andrebbero abbattute tutte le case o solo quelle non in regola, visto che molti proprietari sono “nel giusto”?

    Demolirne alcune sarebbe inutile, ma sono certo che si aprirebbe un contenzioso non da poco.
    In questi casi è difficile trovare una soluzione.

  5. tasman sea

    si sbricioleranno da sole

  6. Giuseppe 4r1

    non sono un ambientalista e nemmeno un agrario, mi chiedevo se fosse possibile piantare alberi su queste colline, cosi da avere una mano dalla natura per cancellare e coprire cio che l uomo ha fatto.
    in oltre mi potreste spiegare in cosa sta lo scempio?
    nel fatto che si è costruito su una montagna? o nei modi mafiosi in cui si è costruito?
    perchè nel primo caso secondo me si è costruito in una montagna brulla, difficilmente accessibile di cui disconosco le attrazioni naturalistiche.
    se gentilmente mi rendete partecipe del motivi del vostro dissenso mi fareste capire cose che magari non tengo in considerazione.
    vi ringrazio ciao

  7. @Giuseppe 4r1: ogni territorio è amministrato a livello urbanistico, e ogni centimetro di terreno è classificato all’interno di una zona urbanistica, che prevede determinate disposizioni.
    Quella collina è zona agricola, e l’indice di edificabilità è bassissimo, quindi significa che per costruire 100metricubi di edificio, devo possedere ettari di terreno contigui.

    Lo scempio sta nel fatto che tutte quelle abitazioni sono state costruite con concessioni improponibili.

  8. Metropolitano

    Ma guarda un po che belle opere d’arte contemporanea.
    Ora che le abbiamo viste possiamo pure toglierle, tanto la mostra è ormai terminata, no ?

  9. MAQVEDA

    Mio Dio che orrore, questa foto da una sensazione di squallore e desolazione incredibile, sembrano scheletri lasciati a cuocere sotto il sole, risultano inquietanti come le teste dell’Isola di Pasqua.
    Il fatto che la montagna sia brulla non è un’attenuante. Tutte le montagne intorno la città sono brulle, a parte monte Pellegrino dove è stata impiantata una pineta nell’ottocento, ma questo non significa che possiamo allora edificarle. Differenza tra come si operava 150 anni fa e come si opera oggi.
    Non è poi solo una questione di permessi o di indice di edificabilità permesso, ci vuole proprio essere dei mostri per edificare su una montagna stuprando definitivamente il paesaggio, provate a immaginare il golfo di Mondello con le due montagne coperte di cemento, non aggiungo altro.
    Sono oscene da vedere sia da vicino che da lontano, ma come si può, bleah. DEMOLITELE.

  10. fabdel

    sono uno squallore infinito, sensazione ancora piu accentuata quando ci si fa il bagno a mondello e alzando la testa si vedo questo sfacelo, sembrano della favelas che incombono sulla testa del povero bagnate

  11. fabdel

    bagnante*

    scusate per i refusi, l’avvilimento nel vedere questa inconcepibile vergogna mi ha fatto venire l’emicrania

  12. Luca

    Sembra che un po’ di giustizia per questa povera e bellissima citta’ non arrivera’ mai.

    Nel mio cuore sento Palermo piangere ogni giorno. E’ come una donna bellissima che viene perennemente sfregiata e martoriata dalla cattiveria di chi ci abita e di chi la amministra.

    Leggevo: Palermo e’ come una mela deliziosa, bella, gustosa, e piena di ghiotti vermi che la uccidono dall’interno.
    Io spero solo che lo schifo che si e’ deciso di lasciare in piedi a Pizzo Sella sia spazzato, disintegrato, eliminato da qualche meraviglioso evento naturale, che renda giustizia a questa grande citta’.
    E lo stesso per la sua splendida e abusata costa, oggi un cumulo di cemento abusivo.

  13. roby2

    salve ragazzi
    ho letto i vostri commenti e penso di dare un contributo al tema
    di Pizzo Sella segnalando questo sito
    .
    http://www.flickr.com/photos/[email protected]/

  14. roby2

    ragazzi
    e’ proprio la vostra foto di 20 anni fa scattata nel mese di agosto che
    vi deve far capire l’immane quantita’ di lavoro che e’ stato necessario
    per rendere lussureggianti le ville abitate.
    .
    Siete tutti invitati a venire a Pizzo Sella e fotografare Pizzo Sella
    oggi nelle aree abitate.
    .

  15. Freddie

    Quei fiori sembrano essere qualcosa per mettersi a posto la coscienza: si , gli ho cafuddato 2 tonnellate di cemento armato sulla montagna, ma ci pianto i fiori attorno così dico di essere amante della natura.

  16. roby2

    ma chi dovrebbe mettersi a posto la coscienza?
    Comincia a guardare la tua coscienza e chiediti se nella tua vita hai mai fatto qualcosa di buono.
    Quella e’ una collina,come tutte le altre che circondano palermo,e sono edificate.Vai ad Altofonte,mezzo Monreale,Baida,e dimmi cosa hanno costruito.
    ragazzi,siete totalmente in MALAFEDE,
    ed anche cinici ed invidiosi e senza futuro.

  17. roby2

    invece ti dico io di che cosa dovresti occuparvi,
    e porto solo un esempio
    di centinaia di possibili interventi
    sulla condizione URBANA DI PALERMO
    .
    http://www.flickr.com/photos/[email protected]/4603908431/

  18. Freddie

    Ti suggerisco di stare calmino e di moderarti. Prendo atto del fatto che ti piacciono le colline con le case sopra, e i fiori attorno.
    Approfittane per guardare tu una foto mia, questa è una collina vera (senza case, purtroppo per te)
    http://orizzonti.fotoblog.it/images/Natura/Pascoli%20di%20montagna%20orizzonti.fotoblog.it%20elab.jpg

  19. roby2

    ma che razza di commento mi fai?
    Il mondo e’ pieno di colline deserte e colline abitate.
    Una per tutte,MONTECARLO,e’ una collina abitata.
    .

  20. Freddie

    Infatti Montecarlo è anche nota come la collina della vergogna. Buonanotte.

  21. Stiamo buoni!
    Eviterei commenti del tipo ” ragazzi cinici ed invidiosi e senza futuro” la quale mi sembrano un pò troppo fuori luogo, specialmente in questo forum dove ci si batte per una Palermo migliore.
    Ritornando al topic: personalmente ritengo che le sentenze vadano rispettate.
    Ciò però non toglie il fatto che rimane un danno perenne aver cementificato l’ennesima porzione di verde.Oltre la complicità di qualche ente pubblico che ha permesso ciò.Al di là della buona fede dei proprietari nell’acquisto, si evince che è mancato anche del buon senso: ci penserei 3 volte prima di comprarmi o di fare edificare una casa su di un posto del genere.
    Si, è bello notare la compensazione (chiamiamola così) di verde che si evince dall’album fotografico di roby2.
    Però dovrebbe ammettere pure che c’è una notevole differenza (e forse culturale anche) con la foto postata da freddie80 😉

  22. Calò

    Roby, non è questione di essere invidiosi e cinici. Guarda che quella collina dove sono costruite ha una destinazione d’uso completamente diversa. Lo stesso Prg parla di “Parti di territorio prevalentemente collinari caratterizzati da vegetazione di tipo spontanea”. E così come si dovrebbero abbattere le villette di Pizzo Sella si dovrebbero abbattere anche quelle delle altre colline attorno a Palermo. E’ inutile girarci attorno. Forse non è nemmeno colpa dei residenti, ma sta di fatto che quelle villette viste da Mondello o da altri quartieri di Palermo fanno letteralmente schifo. Senza offesa per nessuno.

  23. roby2

    e,senza offesa per nessuno,
    io ti dico che molti di quelli che avete scritto qui abitate in una citta’ che e’ una fogna a cielo aperto,con gravissimi problemi igienici,cataste di rifiuti,una citta’ pattumiera che i pochi turisti che arrivano non trascurano di immortalare,con centinaia e centinaia di case a rischio di crolli e con situazioni di degrado ancora peggiori di quelli che si vedono attorno al porticciolo di S.Erasmo.
    E ti dico che i palazzi che abitate sono stati costruiti in deroga ad ogni regola urbanistica sostituendo le ville Liberty con volumetrie non compatibili nemmeno con le distanze prescritte da edificio ed edificio,
    che tutto questo si e’ reso possibile perche’ i vostri padri e le vostre famiglie hanno barattato la dignita’ del proprio voto con un piatto di lenticchie e sono i veri responsabili dello sfacelo di questa citta’.
    Che sono 20 anni che avete preso di mira una collina che e’ dimostrato
    avere il potenziale per essere un insediamento prestigioso e l’avete
    condannata a fare da capro espiatorio di tutti i mali di questa citta’,
    infischiandovene del fatto che ci sono persone ad abitarla e mantenerla
    e che state continuando a fare DISINFORMAZIONE .
    Non avete alcuna credibilita’,e ‘ questo il mio rammarico.

  24. roby2

    Antony977
    forse volevi dire “si batte la tastiera ”
    per una Palermo migliore.
    ma per avere una Palermo migliore per prima cosa occorre avere buon senso ed onesta’ intellettuale.
    Ed allora bisogna avere RISPETTO per il lavoro altrui
    e,qualche volta sbracciarsi le maniche e provare cosa vuol dire “fatica”.
    Palermo affonda e voi continuate a discutere di estetismi.

  25. roby2

    ed in questa c’e’ la sintesi della visione urbanistica si Palermo
    .
    http://www.flickr.com/photos/[email protected]/4483092377/in/set-72157623640981467/

  26. @roby2, ti invito a verificare un pò la storia di MobilitaPalemro, prima di scrivere che qui si batte la tastiera.
    Non vorrei pensare che sei prevenuto, e che stai facendo un pò troppa confusione 😉
    Qui nello specifico si commenta una notizia, dandoti come altri il mio parere personale.Non si vuole dic erto fare Pizzo Sella come un capro espiatorio, ma di certo il passato di questa città non luccica mica.
    Quanto alla disinformazione di cui parli, ti riporto a quanto ho scritto circa la storia di MobilitaPalermo.
    Ad ogni modo, c’è senz’altro una città in degrado, ma nel nostro piccolo cerchiamo di dare il nostro contributo.
    Ti ripeto: rileggiti alcuni articoli precedenti, specialmente le denuncie fatte e vedrai come non si batte la tastiera….
    Ps: di foto come quelle tue, noterai che ne abbiamo tantissime ma probabilmente rispetto a te non ci limitiamo a caricarle in un semplice album fotografico online per farlo mostrare a tutti 😉

  27. roby2

    antony977
    non ho bisogno di verificare la storia di MobilitaPalermo.
    Gia’ la scelta del nome MobilitaPalermo fa intuire che c’e’ consapevolezza
    del disastro palermitano,citta’ in mano alla criminalita’ organizzata come del resto tutto il centrosud.
    Ma mobilitarsi e muoversi comporta anche la capacita’ di discernere il bene dal male,di sapere fare le analisi appropriate e le mosse corrette per non aumentare il danno.
    Ora non c’e’ dubbio che siamo alla follia pura,al cinismo ed alla piu’ becera demagogia,pensare di demolire le abitazioni di altri perche’ le licenze originarie furono rilasciate a qualcuno che poi risulto’ essere parente di un mafioso,che poi e’ quello stesso che ha costruito nel centro di Palermo una miriade di palazzi.E come lui tantissimi altri.
    Lo sviluppo di Palermo negli anni 60,70,80 90 e’ avvenuto attraverso imprese mafiose e loro prestanomi,ed e’ solo la vigliaccheria di tanta gente
    che ci abita a non volere riconoscere questo dato di fatto.
    Furono migliaia e migliaia i morti ammazzati solo nel business dell’edilizia,
    ed uno per tutti vi ricordo la strage di viale Lazio negli anni 60.
    Applicando lo stesso principio che vorreste applicare a Pizzo Sella,tutti
    questi casermoni senza parcheggi e senza nemmeno un’aiuola dovrebbero essere abbattuti,e dovrebbero essere recuperati i disegni ed i progetti delle famose ville Liberty,e ricostruite.
    In quanto al commento del vostro esperto di urbanistica che mette in luce la destinazione a verde agricolo della collina di Pizzo Sella nel PRG,rivolgetevi e chiedete lumi all’ARTA Sicilia e scoprite che nella situazione di Pizzo Sella ci sono almeno altre seimila ville a Palermo.
    Tutte costruite sulle concessioni del 1978,in un momento di crisi occupazionale che determino’ la decisione delle amministrazioni dell’epoca
    di dare uno sbocco all’attivita’ edilizia.
    Ora mi chiedo dove pensa di arrivare un gruppo come il vostro,mosso da
    sani principi,con i metodi che chiunque non fosse ingenuo o perfetto
    imbecille,non puo’ fare a meno di rilevare immediatamente.
    A Pizzo Sella i Residenti sono 20 anni che piantano alberi ed hanno trasformato una pietraia(che tale era,come emerge nelle foto post incendio del 18 giugno 2008)in aree a verde intensivo,
    mentre i piromani hanno avuto via libera mettendo a repentaglio
    l’esistenza degli abitanti e provocando enormi danni.
    E qualcuno si preoccupa che al Comune di Palermo si chieda di realizzare almeno le “fasce tagliafuoco”,
    visto che dove e’ subentrato il comune,tutto e’ andato in malora?
    In tutto questo contesto sicuramente ci sono Responsabili,
    ma ancora oggi sono a piede libero,pur avendo determinato
    uno dei piu’ colossali disastri ambientali che fanno somigliare
    meta’ collina alle aree piu’ sfortunate del pianeta,tipo Beirut o Gaza.
    Eppure c’e’ l’altra meta’ sotto gli occhi di tutti che dimostra
    chiaramente la strada da percorrere e che fu interrotta.

  28. fabdel

    scusami tanto, non vorrei sembrare scortese ma cosa me ne frega che dentro la villa c’hai 8 primule, 3 gerani e 1 felce? pensi che da da v.le regina elena o dalla spiaggia di mondello si vedano questi microscopici dettagli? l’unica cosa che balza agli occhi dei passanti o dei bagnanti, che abbiano un minimo senso del decoro, è soltanto una sconcertante sequela di carcasse degne delle favelas di rio. almeno demolire gli scheletri delle case non abitate è chiedere troppo? è uno spettacolo vomitevole

  29. fabdel

    anche a me fanno schifo i palazzi. quando mi cercai un’altra casa a mondello (dove già vivono i miei ma a 28 anni era l’ora di andarmene a vivere per i fatti miei) mi proposero un appartamento nell’indecente palazzina dirimpetto alla sirenetta, io rifiutai. coerentemente con l’obbrobrio che provo per quell’edificio a 2 passi da mare. DOPO AVER DEVASTATO PALERMO, RISPARMIARE MONDELLO DALLE VERGOGNA DI PIZZO SELLA E DELLA PALAZZINA A 20 METRI DALLA SPIAGGIA, è CHIEDERE TROPPO???????????????

  30. fabdel

    fare il paragone con l’altra collina definita “desolata” http://www.flickr.com/photos/[email protected]/2921916266/ è veramente intellettualmnete scorretto e di pessimo gusto. cioè critichi la condizione NATURALE nella quale si trova la collina. allora facciamo una cosa, guarda com’è deolata questa collina http://vlod.files.wordpress.com/2007/08/creta-laguna-di-balos-05.jpg facciamoci delle ville sopra che ne dici ?? eh??

  31. fabdel

    la palazzina della quale parlo mi ha detto mio padre che è stata costruita negli anni 70. Ciancimino eluse i vincoli dicendo che sarebbe stata un punto di ristoro per turisti invece ci fece 3 piani e si vendette gli appartamenti, da palazzinaro mafioso qual’era. adesso è a dir poco calcinata, sembra che stia cadendo a pezzi. spero venga giu

  32. roby2

    si,e’ chiedere troppo
    in una citta’ dove un terzo dei giovani e’ senza lavoro e
    con le pezze al culo,
    ed abili manipolatori di coscienze tramano nell’ombra per distogliere
    l’attenzione dalle vere tragedie palermitane,
    che sono mafia,
    evasione fiscale,
    spreco nella spesa pubblica,
    disprezzo per la propria citta’ considerata pattumiera
    tangenti in corso in forniture di beni e servizi,e
    collusione in tutto questo di una buona parte della popolazione.
    .
    Mentre tu scrivi questo sfogo,i tuoi consimili del nord Italia stanno entrando
    in fabbrica a produrre,a creare quella ricchezza che poi verra’ riciclata
    per il mantenimento delle centinaia di migliaia di nullafacenti che (anche giustamente,per carita’)pretendono un sussidio di mantenimento.
    .
    A me non me ne frega niente
    TENERE IN PIEDI O DEMOLIRE PIZZO SELLA,IN TUTTO O IN PARTE
    pero’
    i proprietari che hanno pagato la loro casa vanno risarciti,o NO?
    Ed i danni enormi per essere stati considerati “abusivi a tavolino”?
    E la loro immagine compromessa sul piano sociale e professionale?
    E la loro vita rovinata per oltre un decennio?

  33. roby2

    rif.39
    quella collina ha una sua bellezza,come puo’ esserlo una terra che riparte dopo avere subito uno spaventoso incendio,
    incendio notturno di cui ho una buona documentazione fotografica
    provocato dolosamente in un’estate di qualche anno fa.
    Anche una duna desertica ha il suo fascino,ma non possiamo pretendere
    che tutti i rilievi siano fatti da dune desertiche o colline rasate dal fuoco.
    Vai su Montepellegrino e guardati le colline che circondano Palermo.
    Oramai ci sono decine e decine di migliaia di abitazioni,
    ed una ragione ci sara’.
    E sono tutti terreni indicati a verde agricolo nel PRG.

  34. roby2

    So bene di quale palazzina parli,ed effettivamente ci stava meglio una piazza,oppure una serie di costruzioni basse.
    Pero’ oggi c’e’ l’Ufficio Postale,la Farmacia,il Bar Gelateria,il negozietto di libri e di articoli sportivi,il Panificio,il Pronto Soccorso estivo,
    insomma tutta una serie di Servizi immediatamente fruibili dai bagnanti.
    Ed una volta c’era la Sirenetta dove si facevano feste e si eleggevano
    Miss Mondello e cose simili.

  35. roby2

    e poi
    Lima,Ciancimino,Mantione e tanti altri
    furono il prodotto della “cultura Palermitana degli anni 60 e 70”.
    Questo i Palermitani seppero esprimere.
    A questi personaggi diedero le chiavi della citta’
    e le deleghe per amministrare.
    E questi sono i risultati che seppero produrre.
    E quindi,che vogliamo fare,OGGI?
    .
    OGGI,stiamo meglio,o peggio?

  36. roby2

    http://www.flickr.com/photos/[email protected]06/4603885577/in/photostream/.
    la ripropongo perche’ rende bene l’idea di cosa vuol dire
    sopraffazione
    arroganza
    dispregio di norme urbanistiche ed edilizie
    sfregio di monumenti storici
    perpetrati e succedutisi chissa’ per quando tempo,
    cento,duecento anni?

  37. Calò

    Roby2, guarda che per me possono radere al suolo tutta la Palermo del sacco edilizio, non c’è alcun problema. Ma non è che la schifezze del Sacco edilizio degli anni 60-70 giustifichino la cagata che vediamo su Pizzo Sella. Se i residenti sono innocenti, per me li possono anche risarcire.

  38. fabdel

    “Pero’ oggi c’e’ l’Ufficio Postale,la Farmacia,il Bar Gelateria,il negozietto di libri e di articoli sportivi,il Panificio,il Pronto Soccorso estivo”__la palazzina è di 3 piani e non mi risulta che nei vari piani ci siano queste cose, anzi sono abitati da famigliole che bellamente, come se non bastasse, appendono i panni sul lato mare. una palazzina di 3 piani a 20 metri dalla spiaggia è un obbrobrio che solo una mente non lucida (per non dire peggio..) può concepire ammissibile. il pronto soccorso non sta neppure lì. hai scritto un monte di cazzate per sviare degli scempi edilizi che hanno mortificato mondello che è una località turistica e non una borgata di periferia! vergognati

  39. @roby2, limitarti ad intuire cosa significa il nome “Mobilita Palermo” è da persona superficiale e indubbiamente non ti basterà per smentire il tuo pensiero su chi “batte la tastiera”.
    Una domanda: ma nei mesi scorsi, quando qui dentro si inoltravano proposte e ci si dibatteva sulle piazze storiche e pedonalizzazione, tu dov’eri?
    Perchè stai scrivendo solo adesso che si parla di Pizzo Sella?
    Eppure le piazze storiche appartengono a tutti.A meno che (non vorrei pensar male) tu non voglia tutelare solo il proprio orticello in quanto è stato toccato 😉
    A scanzo di equivoci, dato che qui dentro nessuno si è espresso per le demolizioni, ti riporto al commento #2.
    E torno a ripetere: le sentenze vanno rispettate, ma al di là della buona fede dei proprietari nell’acquisto, si evince che è mancato anche del buon senso.

  40. roby2

    io dov’ero?
    Sicuramente altrove.C’e’ sempre una prima volta.
    Ma non ho l’ orticello,
    se no,quanti ne dovrei avere,di orticelli,
    visto che ho spaziato da Mondello a S.Erasmo,a Tommaso Natale ed al cimitero dei Rotoli e non solo?
    Chiedi a questo fabdel di cosa devo “vergognarmi io” sulla palazzina
    di Valdesi.Ho pure scritto che sarebbe stato meglio fare dei corpi bassi.
    Vada al catasto,veda chi sono i proprietari,e’ con loro che ne deve parlare.
    Poi si cerchi qualche demolitore,e proceda pure.
    In quanto ai commenti ed al loro spessore siamo al puro delirio.

  41. roby2

    in quanto al commento 2
    la cosa che percepisco e’
    guai a toccarvi la tasca!
    .
    Anche di una quota irrisoria.
    .
    se 600.000 palermitani devono risarcire 1.800.000 euro ad uno
    fanno 3 euro a testa,e questo e’ scandaloso ed inaccettabile.
    .
    meglio fare un danno di 1.800.000 euro ad una sola persona
    e …chi se ne frega!
    Questo e’ quello che emerge.

  42. MarcoC

    @roby2
    Ma scusa perchè io devo dare 3 euro a chi ha fatto un investimento sbagliato? Del resto si tratta di una colletta per motivi umanitaria, ma di uno che si comprò una mega villa di chissà quanti metri cubi, situata sul pico della montagna. Fare questi ragionamenti è da folli.

  43. roby2

    e tu da dovi salti fuori?
    gente,qui stiamo scivolando nel banale.Io mi sono imbattuto casualmente
    in questo sito ed ho cercato di dare un contributo alla documentazione fotografica palesemente obsoleta che avete messo nel post.
    E mi ritrovo a discutere del palazzetto di Valdesi e se continuiamo di questo passo non so di cos’altro.
    Nel darvi commiato vi do’ un suggerimento.
    Siccome riportare allo stato degli anni 70 la collina di Pizzo Sella
    non costerebbe meno di 1 miliardo di euro,
    per fare contento quel tizio che ha vocazioni estetiche e la vuole vedere brulla,da Mondello,chiedete a Bossi se vi da’ questo miliardo e cosi’
    non ne parliamo piu’.Tanto poi lui li recupera facendo fare qualche ora di straordinario agli operai del nord.
    E voi a pancia all’aria sull’arenile di Mondello,a guardare la collina.
    Ciaooooooo.

  44. @roby, ma così come proponi tu, sarebbe come giocare col denaro della gente.Tanto paga papà pantalone, e tutto rimane pulito, no?
    E poi di quale documentazione fotografica obsoleta parli?
    Una foto rappresentativa e già parli di documentazione oblsoleta?
    Neghi forse che non esistono “SCHELETRI”??
    Si vedono pure da Punta Marconi (Sferracavallo).
    Però stranamente, non metti tali foto 😀
    Ti ricordo che questo è blog, moderato, dove puoi sembre imbatterti in tante idee opposte la tua.

  45. giampa

    vorrei prima di tutto ricordare che il vero sacco di palermo negli ultimi 40 anni ha riguardato le zone nobili di palermo (vedi quartiere notarbartolo-liberta’, tommaso natale, addaura, fondo anfossi etc.) – quante ville liberty e altre costruzioni di valore storico sono state buttate a terra, quanti agrumeti sono stati divelti per far posto a palazzine e ville in cui probabilmente molti di voi vivono in profonda ipocrisia

    si ricordi che pizzo sella fu costruito su una pietraia dove non cresceva un solo filo d’erba e su cui non esisteva un singolo albero

    si ricordi pure che siccome palermo e’ stata costruita dalla mafia (perche’ alla fin dei conti questa e’ la verita’) allora nessuno a palermo e’ in buona fede

    essere VERDI non vuol dire ‘PARALISI’ come molti imbecilli ancora credono – essere verdi vuol dire darsi da fare con i fatti – i residenti di pizzo sella negli anni hanno piantato migliaia di arbusti in una collina all’origine pietraia ed hanno trasformato le zone abitate in giardini lussureggianti

    il resto della collina, dope 15 anni di incuria da parte del sig nessuno ovvero il comune di palermo e’ chiaramente in degrado e l’unica soluzione per salvarlo e’ di affidarlo ai privati (cio’ risolverebbe la questione dell’impatto ambientale delle suddette zone, permetterebbe al comune di incassare soldini che mi pare servano di questi tempi e senti senti creerebbe pure posti di lavoro)

    se vogliomo fare chiacchere da bar dello sport e continuare nella superficialita’ che contraddistingue questa citta’ allora certo conviene continuare nella caccia alle streghe

    quale problema della citta`risolve accanirsi contro chi ha diritto alla proprieta’ della propria casa come ognuno di voi? quale problema hai mai risolto negli ultimi 15 anni? risolve forse il problema dei rifiuti? risolve il problema del traffico? risolve il problema delle mancanza di posti di lavoro per i giovani che devono emigrare?

    e perfavore eliminiamo la parola demolizione dal vocabolario di questa citta’ – una citta’ ridicola che sta facendo ridere/piangere il mondo intero (andate a guardare le foto di palermo sul repubblica di oggi) sommersa dalla munnizza – credete davvero che aggiungere macerie alle macerie risolvi qualcosa?

    se veramente si vuole fare qualcosa per questa citta’ si cominci ad usare la parola CREARE e si cominci a sviluppare il RISPETTO PER I DIRITTI DEGLI ALTRI inclusi gli abitanti di pizzo sella

  46. roby2

    antony77,eccezionalmente:
    .
    vai su qesto link,gia’ da me segnalato
    .
    http://www.flickr.com/photos/[email protected]/
    .
    Contiene 200 foto
    .
    Un centinaio riguardano le aree abitate
    Un centinaio le aree devastate dall’incendio e gli scheletri
    .
    la seconda foto fa vedere la collina proprio da Mondello.
    Vai al circolo Lauria.E’ una foto che puoi fare anche tu.
    Per me si inserisce perfettamente nella cornice di colline
    .
    E SI RISPARMIA UN MILIARDO DI EURO
    .
    ciaooo,ciaooo

  47. emmegi

    Eppure il Comune una decina d’ anni fa aveva iniziato a demolire alcuni scheletri a Pizzo Sella
    http://eddyburg.it/imagecatalogue/imageview/164/?RefererURL=/article/articleview/121/0/97/

  48. ing.giacomo

    Bhè credo che l’unica soluzione possibile è l’abbattimento degli scheletri e ormai le ville abitate restano li, a memoria, come le torri sull’autostrada per ricordare la strage di Capaci, ricorderanno a tutti quello che la mafia e il malaffare a combinato a Palermo.
    @roby2 Puoi dire e fare vedere quello che vuoi, ma un abbuso, un crimine non puo essere mai meno grave o giustificato perchè anche altri lo fanno (abusivismo) o perchè per te non è brutto.
    Per me è orribile vedere quella collina urbanizzata in quel modo, poi soprattutto la notte quelle lucine che stonano con le altre colline accanto per fortuna vuote. Poi è normale che uno abitandoci cerca di fare un giardino, piantare qualke pianta, anche le case accanto a bellolampo sono fiorite e verdi, ma io non andrei a starci.
    Ultima cosa: una sentenza puo dire che i proprietari sono innocenti, ma chi fa affari con mafiosi (non ditemi ma non lo sapevano) di certo una bella figura non la fa!!!

  49. MAQVEDA

    “si inserisce perfettamente nella cornice delle colline” ma che devo leggere più.
    Sai anche le torri Resuttana si inseriscono perfettamente nell’ex giardino settecentesco della villa, il fatto che in questo singolo post si stesse parlando solo dell’argomento Pizzo Sella, non significa che si volessero ignorare o giustificare gli altri scempi di Palermo, anzi. Io rispetto chi è stato in buona fede, ma il punto non cambia, si rimborsano i proprietari e si buttano giù gli scheletri e le villette DELLA METà PIù ALTA (ci tengo a sottolinearlo), del resto il colpevole è il Comune.
    L’edificazione delle colline (e non solo pizzo sella, è sciocco sottolinearlo) è l’ultimo e il peggiore sfregio che si potesse fare alla (ex ) Conca d’Oro e alla nostra povera Palermo, il fatto che fosse una pietraia non giustifica il mantenere uno scempio autorizzato, il fatto che Palermo sia piena di scempi non significa giustificare questo, il fatto di fare un parallelo con i palazzi di via Libertà (e l’ipocrisia dei suoi abitanti, allora almeno 500.000 abitanti sono tutti ipocriti, abitando la Palermo moderna) proponendo improbabili ricostruzioni in stile è assurdo, asserire che il parlare di demolizioni in una città sfregiata e violentata è assurdo è incredibile, il rimandare ad altri e conosciutissmi problemi come se si andasse avanti a compartimenti stagni è doppiamente assurdo, siccome ci sono i rifiuti fare qualsiasi altra cosa è impossibile, assurda, sbagliata.
    Qui ognuno guarda al proprio orticello e questo è quello che si evince dalle (poche) voci fuori dal coro che vogliono eleggere Pizzo Sella a riserva naturale per lo sforzo dei suoi abitanti. Ma finiamola.
    Anni fa Pecoraro Scanio in una trasmissione televisiva, parlando di scempi edilizi in Italia, fra le varie cose, citò proprio la collina di Pizzo Sella, e che sperava un domani di riuscire a demolirle.

  50. MAQVEDA

    Vorrei dire, che comunque la buona fede, non giustifica, io potevo in buona fede andare a 200 all’ora quando ammazzavo un tizio, ma non mi danno mica una medaglia, per la buona fede, quindi per favore smettiamola con questi discorsi, anche gli abitanti del lungomare di Carini e Capaci sono in buona fede ( tra cui una mia carissima zia) ma con tutto il rispetto per loro (specie per la mia cara zia) io vivamente spero che tutto quelle porcherie vengano DEMOLITE (bellissima parola che non mi vergogno per nulla a dire e a gridare)

  51. MAQVEDA

    Ma si sa, l’Italia è il paese degli accomodamenti, quindi abituiamoci alle brutture, tanto rimarranno lì.

  52. Andrea Bernasconi

    oh, se volete DEMOLIRE qualche palazzo in via Libertà… sempre disponibile (-P

    scherzi a parte, premesso che le mie cugine padovane addirittura fecero i complimenti per “quelle lucine ad albero di natale” di pizzo sella in notturna (non ebbi il coraggio di dirle che era uno dei più grossi scandali edilizi nazionali…), anch’io considero questo colle come uno dei minori problemi edilizi della città. tutti d’accordo sul fatto che gli scheletri debbano andare giù e lasciare le case completate ai proprietari.
    il vero problema è che non si riescono nemmeno ad abbattere tutte le ville sulla battigia di cinisi o carini, e quelle si che sono delle pietre negli occhi.
    E se devo essere onesto, anch’io se da monreale mi affaccio verso Altofonte… mi verrebbe di sganciare bombe per radere al suolo TUTTO!
    Ora, queste sono considerazioni di ordine estetico, e quindi assolutamente soggettive.
    una considerazione forse più oggettiva risiede nel fatto che da palermitano, in questo momento non sento Pizzo Sella come il male peggiore della mia città. E non sto parlando di mafia o munnizza, mi sto limitando ai problemi edilizi e urbanistici. Della serie: prima di spendere una vagonata di soldi nella demolizione di qualche scheletro su una fottuta pietraia,… cerchiamo di ridare dignità alle vie cittadine, magari facendo o riprogettando facciate, creando posteggi, zone a verde, riqualificando, etc.?
    l’esposizione di roby, seppur molto… sanguigna, se letta nei suoi contenuti essenziali, non è del tutto errata secondo i miei gusti.

    poi,… rivogliamo sa un lato il liberty e al contempo la macchina edilizia di nuovo in moto? Semplice, prendiamo una zona di espansione edilizia e rifacciamo una “nuova” via libertà di inizio ‘900 (-D
    sai quanta gente comprerebbe e quante imprese verrebbo riqualificate? soldi a palate e palazzine sa sogno…
    dite che è impossibile? ok, la mando a nCiancimino jr., vediamo che ne pensa… 😉

  53. MAQVEDA

    Quoto andrea, ovvio che sul fatto della priorità, c’è molto altro di più urgente, come la riqualificazione di tante zone antiche e anche di tante zone moderne che fanno ormai parte della città “consolidata”.

  54. giampa

    leggo – “Ultima cosa: una sentenza puo dire che i proprietari sono innocenti, ma chi fa affari con mafiosi (non ditemi ma non lo sapevano)” – questo commento dimostra tutta la malafede e ignoranza di chi scrive in questo sito circa pizzo sella

    Un po’ di storia:

    – pizzo sella non e’ stato costruito dai residenti

    – i residenti hanno acquistato dal gruppo ferruzzi – all’epoca in cui il suo numero uno veniva additato come il mago della finanza italiana

    – il comune di palermo ha rilasciato persino i certificati di abitabilita’ per le case di pizzo sella

    – banche e notai non hanno rilevato aluna irregolarita’ – secondo voi la banca mi fa il mutuo per comprare una abitazione illegale?

    – ricordo un articolo del 1989 del giornale di sicilia che titolava – Il comune:”Pizzo Sella tutto regolare” – ora se il comune della mia’ citta’ fa queste dichiarazioni sul principale mezzo di informazione della citta’ (e non scordiamoci che sia il giornale di sicilia che la loro tv per anni hanno pubblicizzato le villete di pizzo sella) perche’ dovrei dubitare che tutto e’ in regola

    leggo ancora – “Anni fa Pecoraro Scanio in una trasmissione televisiva, parlando di scempi edilizi in Italia, fra le varie cose, citò proprio la collina di Pizzo Sella, e che sperava un domani di riuscire a demolirle.” – scusate ma pecoraro scanio non era quello che fu coinvolto in uno scandalo edilizio in zone protette come riserve naturali e fu costretto a dimmettersi etc.

    ma mi chiedo…ci siete o ci fate – i commenti qualunquisti e superficiali che vi escono dalla tastiera vi rendono degni cittadini di questa citta’ di munnizza

  55. @gabry2, ottima esposizione…
    Alla fine è anche una questione estetica: c’è chi piace e chi disprezza.
    Demolire non ha oramai alcun senso logico.Oltre che essere molto gravoso per le casse comunali, ergo per noi cittadini.
    Già ci sono problemi di abusivi e senzatetto…
    Se non ricordo male fu fatto un concorso di idee per la rivalutazione di Pizzo Sella.Ma che se ne fece?
    Se puoi darci informazioni in merito, non sarebbe male e se ciò possa migliorare il dibattito

  56. roby2

    visto che il dibattito ha ritrovato una dimensione positiva e moderata
    rieccomi:
    .
    http://www.mondello.info/dblog/articolo.asp?articolo=276
    .
    guardatelo bene questo sito
    dentro c’e’ la soluzione.
    .

  57. roby2

    antony977
    ma chi e’ gabry2?

  58. roby2

    ripeto il LINK
    .
    http://www.mondello.info/dblog/articolo.asp?articolo=276
    .
    contiene ad oggi 69 commenti ,liberamente ospitati,
    ad elevato contenuto intellettuale,
    che trattano abbastanza a sufficienza
    anche se non esaustiva
    il tema Pizzo Sella.
    .
    Per chi e’ interessato ai dibattiti,il veicolo di ricerca rimane Google.
    .
    Per colui che ha rilasciato il commento che non si notano qui
    molti commenti pro:
    .
    MA VERAMENTE CREDE CHE SAREBBE DIFFICILE
    PILOTARE 2 O 300 COMMENTI A FAVORE DI PIZZO SELLA?
    67 famiglie fanno in pratica 300 persone + amici e parenti
    .
    quindi,attenti con le affermazioni.

  59. @roby2, la domanda era riferita a te, ma evidentemente mi sono un pò ingarbugliato con tutti questi nick che mi passano sul monitor 🙂
    Ps: in un blog troverai sempre svariati commenti, anche quelli che meno gradisci.Ma la libertà in un dibattito è bella anche per questo motivo.E guai se non ci fosse

  60. fabdel

    CI MANCANO PURE ALTRE COLATE DI CEMENTO, ASCENSORI, FUNIVIE, COMPLETAMENTO DEGLI SCHELETRI MASCHERATE DA UN FANTOMATICO PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE. SEI INSOPPORTABILE, INFESTI TUTTI I BLOG CON DECINE E DECINE DI POST CONSECUTIVI (GIà AVVENNE ANCHE SU ROSALIO), INSERENDO ANCHE LINK IDIOTI DI DISCUSSIONI UNIVOCHE CREATE AD ARTE DA VOI STESSI ABUSIVI DI PIZZO SELLA PER CREARE CONSENSO. SEI INSOPPORTABILE, SPERO VI CROLLI TUTTO

  61. fabdel

    UNVOCHE ED UNIDIREZIONALI

  62. roby2

    fabdel
    anche se non ti meriti una replica,
    .
    e voi vi create tutta una serie di commenti idioti e sovversivi,
    che vi porteranno ad approdare solo in uno stagno mefitico.
    .
    C’e’ stato un Concorso Internazionale,ed un vincitore.
    Ce’ una sentenza della Corte di Appello.
    E poi ci sei tu,in discreta compagnia,che,non avendo che fare,
    pensate sia lecito fare quello che state facendo.
    .
    Passate il tempo a scrivere cretinate da un blog all’altro
    siete recidivi.Molti hanno gia’ ricevuto la patente di imbecille
    e sembra che non basti.C’e’ chi colleziona lauree honoris causa
    e c’e’ chi colleziona diplomi da cretino.
    .
    Siete come i topi della stiva del vecchio bastimento che si portano all’asciutto mentre la nave affonda e si sentono al sicuro.
    .
    ma non e’ farina vostra.Fareste bene ad andare a stanare chi vi ha ottenebrato il cervello e trattarlo come merita.
    .
    .
    Antony77 sei l’unico dello Staff col quale si puo’ discutere.Te ne do’ atto.

  63. roby2

    e,se avessi solo un briciolo di INTELLIGENZA,
    TI SARESTI PREOCCUPATO DI LEGGERE I LINK,
    valutarne i contenuti
    e poi esprimere un giudizio.
    .
    ma questo sarebbe un lavoro duro,e non e’ roba per te.
    .
    In quei Link c’e’ tutta la verita’ su Pizzo Sella,scritta e documentata
    ed anche ripetuta,
    perche’ di tanto intanto arriva sempre il cretino dell’ultimo momento
    e riapre discorsi assolutamente inutili.

  64. @ Fabdel e Roby2: evitiamo di andare avanti con questa polemica e torniamo a parlare dei contenuti dell’articolo.
    Grazie.

    @ Roby2: avere dei pareri discordanti dai tuoi non ti autorizza a utilizzare toni del genere “Siete come i topi della stiva del vecchio bastimento che si portano all’asciutto mentre la nave affonda e si sentono al sicuro”.

    Se sei in possesso di news aggiornate o più approfondite sulla questione, esponile, spiegale senza per forza giudicare gli altri.
    Grazie 😉

  65. roby2

    Portacarbone
    fai bene ad intervenire.Da autore del Post,devi fare da moderatore.
    Da buon moderatore,a mio avviso dovresti intervenire sui commenti
    a contenuto palesemente “violento”,non dico di censurarli,
    perche’ e’ bene che ognuno si esprima come puo’,
    ma se chi scrive non si rende conto dell’enormita’ di quello che scrive,ci deve essere uno attento che immediatamente lo richiama e lo rimette
    in carreggiata.
    Ora di contenuti violenti qui,e non solo qui,ne ho letto fintroppi.
    Ma non solo questi.
    Uno dei migliori interventi e’ sicuramente quello di Andrea Bernasconi
    che ha saputo dosare il tono,ma,come si direbbe in siciliano:
    “parra moddu ma mpiccica ruru”
    Ripeto anche Antony77 mi pare che abbia un approccio corretto.
    Purtroppo non posso dire cosi’ di tanti altri.
    L’aggiornamento della situazione lo puoi trovare attraverso i link.
    Ci vuole tempo per leggerli,ed un Q.I. elevato per comprenderli.
    E poi,speriamo in un tempo abbastanza breve,devono succedere
    ancora troppe cose per risolvere definitivamente questa questione.

  66. roby2

    ovvio che la frase che ti ha colpito non riguarda tutti,ma
    sicuramente alcuni.
    .
    Una curiosita’.
    la utilizzava il preside del mio Liceo,quando voleva stimolare le coscienze.
    .
    Altra frase memorabile,che tirava fuori,era:
    “siete come quelli che hanno un aspetto da carciofo rammollito,con la
    faccia di prete sbarbato,che vanno in giro come tanti cani a cerca di ossa…”
    Questa me la tengo in serbo.

  67. roby2

    quel preside era un genio.
    passava il suo tempo a concepire questo genere di frasi,che poi
    recitava quando girava per le classi.
    Anche allora,qualcuno ci restava male,ma c’era chi coglieva il messaggio.

  68. roby2

    ovvio che la storia dei cani a cerca di ossa,la tirava fuori dopo
    avere riconosciuto per strada,a bighellonare,quegli elementi che
    avrebbero dovuto trovarsi a casa a studiare e fare i compiti…

  69. nino54

    Salve,
    io per fortuna NON abito a Pizzo Sella e non ci abita nessuno dei miei, quindi esprimo un giudizio LIBERO. Libero significa obiettivo (spero!) e scevro da preconcetti e da qualunque forma di giustizialismo integralista.

    Sono solo un cittadino che per caso ha avuto occasione di vedere da vicino alcune di queste ville. Vorrei fra l’altro precisare che non si tratta di ville mega-galattiche per miliardari come qualcuno potrebbe immaginare, molte non superano i 100 mq. totali e sono realizzate su due o tre livelli.

    Premetto che ritengo certamente Pizzo Sella IL SIMBOLO della speculazione edilizia a Palermo, ma niente di più, dal punto di vista ambientale mi pare l’ULTIMO PROBLEMA, basterebbe abbattere qualche decina di scheletri e lasciare il resto ai proprietari legittimi.

    Chi sbatterebbe per strada tutti i proprietari e metterebbe in galera i notai, dovrebbe accendere il cervello prima di parlare!

    I notai davanti una regolare concessione edilizia rilasciata dalla Commissione Urbanistica e vidimata dall’Edilizia Privata, già esaminata e spulciata punto per punto dalla banca che ha concesso il mutuo, hanno l’OBBLIGO (non la facoltà!) di stipulare, quindi non sparate caxxate!

    Gli unici veri responsabili sono i funzionari comunali dell’epoca, dal sindaco in giù, che tutti conoscono e che sono I SOLI che dovrebbero pagare.

    I proprietari che hanno letto l’annuncio sul giornale della domenica e hanno deciso di acquistare, non hanno colpa alcuna e, fino a prova contraria, non si possono ritenere nè mafiosi nè collusi.

    Ai Torquemada dai giudizi facili e spietati che hanno TROPPE certezze vorrei chiedere:

    – Avete mai notato che il monte Gibilforni (che molti di voi non sanno manco dov’è!) è orrendamente deturpato da cave gigantesche e nessun talebano dice nulla????

    – Avete mai notato che la Montagnola di S. Rosalia (in via Celona) è orrendamente deturpata da giganteschi muraglioni di contenimento di tante, troppe ville e la quasi totalità dei giustizialisti inquisitori non sa manco dove si trova???

    – Avete mai notato che la collina di Baida (quella anche gli ignorantoni sanno dov’è!) è fitta di case, casette, ville e villette, e anche di qualche scheletro abbandonato e nessuno ne parla???

    – Avete visto quanti mega-iper-supermercati si stanno facendo dappertutto e nessuno dice nulla??? … E quelli sì che dissestano il territorio e cementificano e asfaltano ettari di agrumeti e prati verdi e fertili!!! E tanti talebani ci vanno a sbafare hamburgher e patatine fritte, a tracannare Coca-Cola e se ne fottono altamente del danno ambientale, della speculazione e di chi sta dietro le mega-società che li gestiscono!!!

    – Avete mai notato, percorrendo l’autostrada verso Trapani, all’altezza di Tommaso Natale, le due ORRIBILI torri che hanno deturpato PER SEMPRE il panorama del bellissimo golfo di Sferracavallo e nessuno ha mai detto nulla???

    – Credete veramente che qualche decina di ville sull’arida propaggine di Monte Gallo abbia deturpato e distrutto l’ambiente naturale, interrotto gli abbondanti corsi d’acqua, dissestato il fertilissimo terreno e provocato l’estinzione di tante rarissime specie vegetali e faunistiche della nostra isola???

    – Vi siete mai chiesti IN COSCIENZA, se i sacrifici dei vostri genitori per acquistare casa non abbiano contribuito INDIRETTAMENTE e in buona fede (spero!) a finanziare la lottizzazione (regolare?) attraverso la quale il costruttore Tal dei Tali ha costruito il vostro palazzone a 13 piani senza garage, nè parco giochi nè verde intorno???

    – E’ comodo fare gli ambientalisti TALEBANI stando comodamente spaparanzati sul divano nel salotto del vostro orribile palazzone fabbricato da quel costruttore corrotto e mafioso che tutti conosciamo, e che ha realizzato ben 14 (dico quattordici!) metri cubi per metroquadro di superficie a seguito di una perlomeno strana(!) variante di piano regolatore sulla quale NESSUNO di voi pasdaran ha MAI fatto indagine alcuna!!!

    Purtroppo non possiamo radere al suolo i palazzoni di via Alcide de Gasperi, viale Strasburgo, via Notarbartolo, via dei Nebrodi, viale Lazio etc… e ripristinare la giungla pluviale primordiale con le felci, le palme, gli aironi e i coccodrilli, e cacciare a pedate le orde di palermitani maleducati e sporcaccioni che li abitano!

    Se siete veramente così sensibili alle problematiche ambientaliste, cominciate a guardare la nostra città in tutte le direzioni, non solo verso la tristemente famosa collina di Pizzo Sella, vi pare giusto che SOLO gli acquirenti delle ville di Pizzo Sella debbano andare vivere sotto un ponte??? Alzate i culi dal vostro morbido divano, scendete dal 13° piano e andate a fare una bella passeggiata (a piedi!) a Bellolampo e a scandalizzarvi per quello scempio che IO ho visto, per quella INCREDIBILE distesa di ETTARI ed ETTARI di spazzatura PUZZOLENTE e IRRESPIRABILE ricchissima di tantissimi materiali tossici e non biodegradabili che rimarranno lì per millenni e dalla quale affiora (e trabocca!) un ORRIBILE ABBONDANTISSIMO VISCHIOSO PERCOLATO NERO che sta inquinando le noste falde acquifere per MOLTI DECENNI A VENIRE e che contiene enormi quantità di sostanze chimiche sconosciute, metalli pesanti, catrame, diossine e veleni affini e che qualcuno ha già iniziato a scaricare nel mare di Carini con danni ambientali INCALCOLABILI? … Non basterebbero MILLE villette di Pizzo Sella a fare un danno simile!!!

    Quando le ville furono messe in vendita IO C’ERO e non avevo i soldi per comprarne una, ma mi ricordo la pubblicità delle agenzie immobiliari sui giornali a prezzi accessibili, e anch’io avrei potuto cascarci, e anch’io oggi potrei essere additato dai PASDARAN come COLLUSO e CONSAPEVOLE complice del PAPA di Cosa Nostra!

    I signori magistrati che hanno decretato la CONFISCA a tanti proprietari che ANCORA pagano il MUTUO, perchè non hanno confiscato le MEGA-VILLE e i MEGA-APPARTAMENTI dei pubblici funzionari che hanno concesso la licenza edilizia???????????????

    Cosa pensereste se la villetta a Pizzo Sella l’avesse comprata vostro figlio vostro fratello o vostro padre?

    … Meditate gente, meditate!!!

  70. joe22

    Sono in totale accordo con Nino54.
    Chi se frega di quattro case su un pizzo di montagna.
    Ci sono ben altri problemi a Palermo. Confisca o non confisca, non e’ certo da questa vicenda che dipende la sconfitta della mafia o il futuro di Palermo.
    Sono ben piu’ piu’ preoccupato dal fatto che la citta’ affonda nell’immondizia, dall’assenza di lavoro per i giovani e i meno giovani, e dalla bomba ecologica di Bellolampo.

  71. joe22

    Ho notato che in alcuni post e’ stato menzionato Pecoraro Scanio, un noto buono a nulla che non ha mai fatto niente di concreto. Ma che fine ha fatto? Non sono questi i personaggi da additare come esempio.

  72. ma parlate di notai che dovevano stare più attenti quando nn sapete che lì abitano notai, avvocati, medici ecc.. che proprio per avere una villetta lì sopra e sentirsi come dei dell’olimpo hanno preferito la via comoda dell’omertà.. si stava cominciando un percorso virtutoso dell’abbattimento con il sindaco prima di Cammarata, poi è venuto lui èed è ritornato il malaffare..

  73. nino54

    E ci risiamo con la solita storia del notaio mafioso colluso coi medici e con gli avvocati bla… bla… bla…

    Il notaio HA L’OBBLIGO di stipulare un atto di compravendita se c’è una REGOLARE licenza edilizia e un REGOLARE certificato di abitabilità.
    Tali documenti, presentati al notaio in copia conforme, secondo quanto previsto dalla legge DEVONO essere considerati REGOLARI.
    Se i funzionari comunali corrotti hanno VIDIMATO documenti scaturiti da un iter irregolare, il notaio non c’entra nulla.

    Se il notaio dovesse fare l’investigatore, farebbe il poliziotto.

    Provo a fare un esempio più terra-terra: se decidi di vendere la tua macchina a Caio e vai con lui dal notaio e gli consegni un regolare libretto di circolazione per stipulare l’atto di vendita, che cacchio ne sa il notaio se il numero di telaio dell’auto è stato abilmente manomesso e si tratta di un’auto di dubbia provenienza?
    Dovrebbe forse nominare un super-perito per verificarre se TUTTE le auto che passano dal suo studio sono regolari? Dovrebbe anche chiedere la fedina penale tua e di tutti i proprietari precedenti?

  74. monte_Pellegrino

    Parlo di un argomento più generale rispetto a Pizzo Sella.
    Io vorrei capire perché non si possa costruire nei fianchi delle colline e montagne attorno a Palermo e alla Conca d’Oro: Monreale non si trova in una collina attorno a Palermo? Altofonte non è altrettanto? Perché lì sì e invece non a Pizzo Sella e negli altri fianchi delle colline? Cosa ha di così eccezionale Pizzo Sella rispetto alla collina di Monreale ed Altofonte? E le colline attorno a Palermo sono forse più preziose della stessa pianura “Conca d’Oro” dove si è costruito da millenni e si continua a costruire? Io ritengo il contrario: la pianura doveva essere in parte preservata (ormai non c’è più nulla da fare) dalle costruzioni per la sua fertilità, mentre le montagne attorno, per niente fertili, scoscese e rocciose non meritano altrettanta protezione!
    Premetto che se ci fu reato e per giunta di mafia, ciò debba essere condannato e sanzionato, ma perché, per il futuro, non si debba consentire di costruire in tali colline, dando regolari (REGOLARI E LEGITTIME) autorizzazioni? (preservando naturalmente il simbolo di Palermo che è monte Pellegrino!).

Lascia un commento