2 commenti per “
  • Irexia 875
    20 lug 2020 alle 21:34

    Conoscevo già la storia, ma grazie, belfagor, per avercela ricordata. È da tanto in effetti, che non entro nel loro negozio, devo impegnarmi per passarci più spesso!

    • belfagor 758
      21 lug 2020 alle 9:45

      Ho voluto ricordare tale vicenda , nel giorno in cui si ricorda il sacrificio di Paolo Borsellino e della sua scorta, perchè forse questa vicenda è in qualche modo legata alla sua uccisione.
      Ai funerali di Paolo Borsellino e di Giovanni Falcone erano presenti, in prima fila, coloro che li avevano attaccati e ostacolati , anche pubblicamente.
      Da noi “l’impegno antimafia” si manifesta solo a parole e con le solite parate periodiche di politicanti e “amministratori” e serve soprattutto per fare carriera.
      I tanti scandali che hanno coinvolto certi ” campioni dell’antimafia “ sono la dimostrazione che forse i veri eroi sono persone come le sorelle Pilliù boicottati dai “ bravi cittadini” sempre pronti a scendere in piazza per la “ legalità “.
      La legalità ,per questa gente, purtroppo è solo di facciata .
      Temo che alla vecchia mafia dei palazzinari si è sostituita una nuova mafia …… quella dei ” campioni dell’antimafia”, fatta da burocrati , professionisti , amministratori e da ….uomini di Legge.

      P.S. Questo è quello che voleva leggere Paolo Borsellino durante il funerale del suo amico Giovanni Falcone
      “ Oggi ,signori e signore, davanti a voi in questa bara di mogano costosissima , c’è una testa di m……
      Uno che aveva sognato niente meno di sconfiggere la mafia applicando la legge “


Lascia un Commento