3 commenti per “
  • Orazio 1227
    21 set 2019 alle 17:17

    Non che mi permetta di volerti insegnare a fare il giornalista, però deciditi, Cascio o ce lo metti sempre oppure mai… no? Se no si capisce che è il solito passatempo di un certo tipo…

    Se ce lo metti sempre invece può sembrare serio. Come non lo sono io… sono ironico. (sottotitolo)

    A parte tutto, orra sono serio, mi hai aiutato a dare un’interpretazione a questo fatto di cronaca. E’ che non sapevo che la donna dei tre fosse politicamente con Orlando.

  • belfagor 643
    22 set 2019 alle 5:50

    Caro Orazio, da persona intelligente e informata, mi sarei aspettato un analisi più profondo, invece di polemizzare sul nulla e soffermarti su particolari banali.
    Penso che anche a te interessa sapere cosa sta succedendo alla GESAP.
    Che dietro tale situazione ci sia Leoluca Orlando Cascio lo conferma anche Repubblica,
    “A pressare sull’acceleratore che ha portato alla deflagrazione, secondo fonti interne alla Gesap, sarebbe stato proprio il sindaco.”
    Che l’influenza di Orlando sia notevole lo scrive lo stesso giornale
    “i vertici di Gesap sono stati rinnovati appena un anno fa a seguito delle dimissioni di Fabio Giambrone, ora vicesindaco di Palermo: dopo l’addio di Giambrone era nato dunque il nuovo consiglio di amministrazione, espresso quasi per intero dal sindaco Leoluca Orlando (con l’unica eccezione di Albanese, che da presidente della Camera di commercio è socio dell’azienda “
    Perché il sindaco ha “dimissionato” il CdA della GESAP ?
    Secondo fonti dell’azienda Scalia, Li Calzi e Cacciatore lasciano proprio in polemica con Giuffrè, dopo mesi di scontri interni sull’organizzazione dell’aeroporto.
    Francamente non credo che i componenti “ di nomina orlandiana” si siano scontrati per contrasti sui turni di lavoro dei dipendenti.
    Forse il motivo lo ha spiegato Dionisio Giordano segretario generale regionale della Fit Cisl :

    “Questo azzeramento della governance arriva in un momento di grande sviluppo dell’aeroporto di Palermo che mostra conti economici positivi, che vanta un contratto di programma con Enac da 74 milioni di euro da qui al 2020 per opere di miglioramento da realizzare nello scalo di cui 60 milioni in auto finanziamento.”

    Giordano mette in evidenza la “pioggia” di milioni che stanno arrivando e che sono stati programmati per migliorare lo scalo palermitano.
    E forse questo il motivo?

    • Orazio 1227
      22 set 2019 alle 9:55

      Non ho niente da analizzare perché non conosco quel mondo, certo di gran lunga migliorato da quando sono stati spazzati via i residui e le scorie dell’era cammaratiana.

      Ho solo 2 elementi ma da semplice cittadino. So solo che Giambrone avrebbe fatto ancora oggi il presidente se Orlando non lo avesse voluto per forza come suo vice al Comune. E invece, tutto mi risultava tranne che la Li Calzi (uno dei tanti assessori-meteora dell’era Crocetta che passava per una di sinistra-sinistra) fosse orlandiana.


Lascia un Commento

Ultimi commenti