09 ott 2015

Pista ciclabile in via Messina Marine tra macchine ed abusivi


Ecco lo scenario giornaliero. Non solo la pista ciclabile risulta assolutamente inadatta in quanto semplice striscia di marciapiede colorato, ma vista la totale assenza di barriere e l’inciviltà diffusa puntualmente si assiste a scene così


20151007_115433

ed a numerosi altri venditori abusivi come mostra la foto in copertina.

Da sottolineare che questa pista ciclabile rientrava nel piano della mobilità dolce del comune approvato alla fine di Febbraio. Tale piano prevedeva nel tratto in questione interventi di manutenzione entro 6 mesi, ormai trascorsi con un nulla di fatto.

 

 


panormosauropista ciclabilepista ciclabilivia messina marine

Segnalazione precedente

4 commenti per “Pista ciclabile in via Messina Marine tra macchine ed abusivi
  • lucio_07 1
    09 ott 2015 alle 20:11

    Senza contare le moto che sfrecciano la mattina e il marciapiede che in alcuni tratti è ricoperto di frammenti di bottiglie di vetro.

  • Mr.Head 242
    10 ott 2015 alle 23:38

    Quasi giornalmente faccio questo tratto… “è un percorso ad ostacoli”!!!! Per non discutere dell’ auto delle pompe funebre parcheggiata, nel bel mezzo della pista, all’ altezza dello Stand Florio… beh, là è la fine di tutto!!!!

    • Roberto Ales 2
      29 ott 2016 alle 23:45

      Non è una battuta, è pura realtà…Una mattina costretto ad immettermi in strada per via della pista ostruita dalle macchine, mi si accosta una pattuglia della polizia municipale la quale mi invita ad immettermi sul tratto ciclabile; con tanto di educazione faccio notare che il tratto era impercorribile e se ne vanno limitandosi a dire: è una vergogna! Ho detto tutto, non aggiungo altro!!!

  • Roberto Ales 2
    29 ott 2016 alle 23:37

    Anche io facevo e ribadisco facevo questo tratto in quel che dovrebbe chiamarsi pista ciclabile, e peraltro, quella di via Messina Marine la percorrevo tutta fino ad arrivare nei pressi del carcere Ucciardone. A parte tutto quello commentato sopra, aggiungo: Cani randagi (e spero che lo siano), che inseguivano il sottoscritto costringendomi a slalom allucinanti; sollevamento della pista (pista??) dovuta alle radici degli alberi e questi ultimi bisognosi di potature ostruiscono i ciclisti con rami e foglie. Controlli zero…E’ uno schifo!


Lascia un Commento

Post Correlati