10 lug 2017

Comune di Palermo e Amap presentano il piano contro siccità


Si è svolta a Villa Niscemi la conferenza stampa di presentazione delle iniziative di natura politica e tecnica legate al perdurare della siccità in Sicilia. Erano presenti il sindaco Leoluca Orlando, gli assessori Iolanda Riolo e Sergio Marino ed il presidente di Amap, Maria Prestigiacomo con i componenti del CdA Alessandro Di Martino e Bruno Calandrino.

A determinare oggi la situazione di attenzione è la grave situazione degli invasi, che costituiscono la principale fonte di approvvigionamento idrico della città. In particolare il bacino Poma, ha attualmente una disponibilità di soli 23 milioni di mc, oltre il 50% in meno dello stesso periodo dello scorso anno.

La situazione è costantemente monitorata insieme alla Regione, con tavoli tecnici che si riuniscono periodicamente per fare il punto e valutare le soluzioni. Un prossimo incontro è infatti fissato per il prossimo 18 luglio presso l’assessorato regionale dell’energia e dei servizi di pubblica utilità. “In quella occasione – ha detto il presidente di Amap Maria Prestigiacomo – chiederemo al presidente della Regione di fare istanza di stato di calamità”, annunciando anche che per garantire la città di Palermo “prenderemo l’acqua dagli invasi di Piana degli Albanesi, attraverso una convenzione con l’Enel secondo cui pagheremo all’azienda la mancata produzione di energia elettrica. E’ un costo in più per Amap ma una risorsa in più per i cittadini”.

Già da alcuni mesi, in raccordo con la Regione, l’afflusso idrico è stato ridotto in città da 2.750 a 2.600 litri; una riduzione minima che è oggi sostenibile grazie alla riattivazione di tre pozzi cittadini pubblici (pozzo Bonanno a Ciaculli, pozzo Bugino a Cardillo e pozzo Bellolampo) per circa 160 litri al secondo e soprattutto grazie alla recente realizzazione da parte di Amap della nuova condotta di Scillato, interessate alcuni anni fa da una frana, che ha permesso il ripristino del collegamento idrico garantendo un’erogazione di circa 400 litri al secondo, altrimenti destinati a disperdersi in mare. Amap sta inoltre monitorando la potabilità dell’acqua di altri pozzi al fine di poter attingere ad altre risorse.

A seguito della carenza di precipitazioni che si è verificata nel periodo autunno-inverno scorso, il volume idrico negli invasi a servizio della città di Palermo e dei comuni della fascia costiera presenta una forte riduzione rispetto al corrispondente valore nello stesso periodo degli anni precedenti. In allegato trasmettiamo i volumi presenti negli invasi confrontati con i corrispondenti valori dell’anno 2016. I valori della tabella mostrano la criticità nella disponibilità di risorsa idrica attuale soprattutto per l’invaso Poma, su cui gravano le utenze del comparto irriguo. Un secondo grafico, invece, mostra l’incidenza delle fonti di approvvigionamento, nel quale si evidenza come il contributo degli invasi sia determinante nell’approvvigionamento del sistema acquedottistico a servizio della città di Palermo e dei comuni della fascia costiera.

“Non siamo ancora in una situazione di assoluta emergenza – ha detto il Sindaco – ma è chiaro che se dovesse perdurare la siccità che colpisce da mesi tutta l’Italia, saranno necessari provvedimenti. Intanto è necessario che, come già fatto da altre Regioni, anche quella Siciliana richieda lo stato di calamità naturale che darebbe nuovi strumenti di intervento urgente. Oggi con questa iniziativa vogliamo sensibilizzare i cittadini al tema fondamentale del risparmio idrico, in una più ampia azione di informazione e sensibilizzazione che l’AMAP sta già svolgendo da mesi anche con riferimento alle categorie produttive che più potrebbero essere esposte a conseguenze di eventuali riduzioni dell’apporto idrico”.

“E’ chiaro – ha detto l’assessore alle Partecipate, Iolanda Riolo – che il problema dell’emergenza idrica è prioritario. Oggi noi abbiamo voluto dare alla cittadinanza la massima trasparenza senza però volere creare allarmismo, ed è proprio ai cittadini che ci rivolgiamo essendo opportuno chiedere la loro solidarietà invitando ad un consumo effettivo dell’acqua e non allo spreco dell’acqua”.

“In coerenza con i principi stabiliti dall’economia circolare presente nell’agenda politica del Comune di Palermo – ha commentato l’assessore Sergio Marino – la lotta agli sprechi è uno degli obiettivi strategici e irrinunciabili”.

Amap in questi mesi ha incontrato le associazioni di categoria per aggiornali sulle problematiche relative alla carenza di risorse idriche per l’approvvigionamento della Città di Palermo e dei Comuni della fascia costiera consegnando del materiale pubblicitario da distribuire alle attività commerciali al fine di sensibilizzare i cittadini ad un uso responsabile dell’acqua.

Ecco alcuni consigli per non sprecare acqua:

brochure_1_stampa_interno


Potrebbe interessarti anche:


Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:

 Sito internet: http://palermo.mobilita.org
 Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/
 Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/
 Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA
 Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo


acquaallarmeamapcondotta scillatoidriconon piove da mesipioggiaprecipitazioniscillatosenz'acquasiccitàturnazione acqua

5 commenti per “Comune di Palermo e Amap presentano il piano contro siccità
  • Orazio 696
    10 lug 2017 alle 8:07

    La gestione della siccita’, inclusa la riattivazione nei mesi scorsi della condotta di Scillato, a mio avviso testimonia l’importanza che la gestione idrica resti in mano pubblica. In tal modo le scelte vanno a beneficio di tutti, non solo del gestore.

    • punteruolorosso 1571
      10 lug 2017 alle 8:54

      giusto lasciare l’acqua in mano pubblica.
      acqua, rifiuti, energia. il problema è globale. non a caso la malavita ha messo le mani su questi settori. lo spreco non deve convenire, l’inquinamento non deve fare profitti. depurazione, raccolta differenziata, energia da biomasse.

    • punteruolorosso 1571
      11 lug 2017 alle 11:03

      desalinizzazione, depurazione. sarebbe bello conoscere meglio i dettagli. l’acqua desalinizzata si può bere?
      comunque dovremmo prendere, almeno in questo, esempio da israele. paese che si affaccia sulla sponda orientale del nostro stesso mare. speriamo in futuro di vedere impianti efficienti ed ecosostenibili di desalinzzazione e depurazione anche in sicilia.

      • Palerma La Malata 261
        11 lug 2017 alle 13:17

        punteruolorosso,
        ho messo quei due link sperando di informare alcuni lettori di Mobilita Palermo che non conoscevano l’esistenza della desalinizzazione che una soluzione alle nostre scarse piogge esiste, in teoria. Ma al contrario di te spero ma non credo fattibile che vedremo impianti di desalinizzazione in Sicilia.
        Non dimenticare mai che tutti quei pinnoloni della Regione Siciliana, passati e presenti non hanno mai sfruttato l’energia solare, che è una cosa più conosciuta e comune rispetto alla desalinizzazione dell’acqua marina.


Lascia un Commento