02 gen 2014

FOTO| Carini e il degrado a Torre Ciachea


Riportiamo una segnalazione circa alcuni atti vandalici presso la fermata Torre Ciachea a Carini, e dello stato di degrado in cui vessa la strada. Amministrazione di Carini, se ci sei batti un colpo!

lo stato di degrado e  Vi riporto alcune foto della situazione attuale della fermata ferroviaria “Torre Ciachea” di Carini.

I contenitori all’ingresso sono stati tolti, ma qualcuno non s’è n’è accorto.

IMG_20131205_160834

La stradella che porta alla stazione è sempre ben mantenuta

 

IMG_20131205_160851

Non c’è alcun pericolo di prendere delle storte.

 

IMG_20131205_160908

L’illuminazione era funzionante, per questo qualcuno ha provveduto a distruggerla giocando a tiro a segno con i lampioni.

 

IMG_20131205_161041

 

La nuova fermata è in lavorazione ma nessuno si vede a lavorarci.

IMG_20131205_161223

 

 

IMG_20131205_161148

 

IMG_20131205_161054

 

IMG_20131205_161032


ferroviestazioneTorre Ciachea

Articolo precedente

9 commenti per “FOTO| Carini e il degrado a Torre Ciachea
  • moscerino 260
    02 gen 2014 alle 12:05

    Questa stazione rappresenta la partenza del tratto del tutto raddoppiato ma non integralmente elettrificato, sorgono i dubbi sul perché questa stazione sia quasi ultimata (vista l’utenza di zona), del perché il lato valle della stessa sembra una stazione del West, mentre la parte monte ultima generazione, posteggio e illuminazione trazzera someggiabile a valle.
    Altra domanda è: perché non riattivare la strada d’accesso alla bretella peer Carini Z.I., sarebbe una soluzione alla diminuzione del degrado/abbandono, che unita, mediante rotatoria a SS113 e Via Ciachea rallenterebbe gli eccessi di velocità sulla SS113 e l’inserimento di un marciapiede protetto, come visto in questo sito http://www.google.it/url?sa=i&rct=j&q=&esrc=s&frm=1&source=images&cd=&cad=rja&docid=FAfTkb6eAbF5uM&tbnid=-lVeZ_T3QBYR0M:&ved=0CAUQjRw&url=http%3A%2F%2Frenatavalagussasindaco.blogspot.com%2F&ei=bkfFUuLbLsWGtAbg3oCYDQ&bvm=bv.58187178,d.bGQ&psig=AFQjCNHCfc_wuHc1d0kOyXe0b7Nqf0QbGw&ust=1388746890703339

  • Fabion54 48454
    02 gen 2014 alle 14:51

    Vedo tante somiglianze negative con la fermata Roccella. Entrambe sono stazioni praticamente pronte e ancora non aperte e non si capisce il motivo. Una volta che saranno aperte saranno già stazioni con qualche segno di anzianità e qualcosa da aggiustare

  • huge 2152
    03 gen 2014 alle 12:44

    Mentre a Roccella la fermata è pronta e il doppio binario è attivo, per cui lì davvero non si capisce cosa cavolo aspetti Rfi ad attivarla, qui la situazione è molto diversa.

    A Torre Ciachea l’avanzamento dei lavori è a meno del 50%.

    Lato mare non si è ancora iniziato a lavorare. Lato monte, seppur quasi finiti, i lavori vanno ancora completati. Senza contare il fatto che qui il doppio binario attivo non lo vedremo ancora per un po’.

    Tra l’altro sarei curioso di sapere che numeri faccia questa fermata, ammesso che sia possibile fare una statistica.
    A me è sempre sembrata piuttosto inutile. E’ vero che ci sono numerose attività in zona, ma finora mi sa che l’utilizzo sia stato minimo e probabilmente ben lontano dal giustificare i costi di una fermata. Speriamo che in futuro la nuova fermata e il raddoppio ne spingano i numeri.

  • huge 2152
    03 gen 2014 alle 12:49

    Nota a margine.
    Chi ha progettato quei mausolei funerari andrebbe internato oggi stesso.
    Non credo sia possibile riuscire a pensare qualcosa di più brutto.

  • albarob 18
    03 gen 2014 alle 20:34

    @Huge: ti fornisco qualche numero relativo a questa fermata: circa 70 lavoratori con abbonamento “annuale” che quotidianamente utilizzano il servizio nei pochi orari in cui i treni si fermano (si fermano soltanto 8 treni durante il giorno).
    A questi si aggiungono diversi utenti sporadici che ogni tanto utilizzano il treno.
    Per essere più utilizzata la fermata dovrebbe essere più visibile dalla SS113.
    Ieri ho notato che hanno ripulito la Stradella di collegamento e hanno ripristinato l’illuminazione sulla banchina.

  • huge 2152
    04 gen 2014 alle 11:41

    La posizione della fermata rispetto alle varie attività in zona sarebbe anche ottimale, solo che, una volta sceso dal treno, come le raggiungo?

    Una soluzione che potrebbe dare un notevole impulso all’utilizzo della fermata sarebbe quella di istituire un bus navetta gratuito per chi arriva in treno (biglietto comune) che abbia il capolinea nel piazzale della fermata e che, con un percorso circolare (che quindi si concluda nuovamente alla fermata), passi in prossimità di tutte le principali attività dell’area.

    Con vari accordi, con una vera a propria collaborazione pubblico-privato, a cui anche i comuni in zona dovrebbero partecipare, potrebbero essere le stesse ditte sparse sul territorio a incentivare i propri dipendenti all’uso del servizio, lasciando così l’auto a casa.

    Un simile servizio navetta potrebbe essere particolarmente utile anche per i clienti del Poseidon, che potrebbe così essere facilmente raggiunto sia da Capaci sia da Carini senza bisogno dell’auto.

  • rudi gi 55
    14 gen 2014 alle 19:14

    Ma di cosa ci stupiamo: questa parte del territorio di Carini è abbandonato a sè stesso: avete mai visto una pattuglia di vigili urbani all’incrocio SS113 con via Ciachea nei giorni magari di una domenica estiva quando gli automobilisti lasciando l’autostrada intasata si riversano sulla statale? E mentre siete pazientemente incolonnati da Carini verso il sopracitato incroci, vi vedete sorpassati a tutta velocità a destra, avete mai visto una pattuglia che regola l’incrocio e sanziona gli incivili automobilisti? Avete fatto caso che in questo tratto di strada molto trafficato anche da pedoni per via delle attivita produttive esistenti, manca la segnaletica orizzontale? Non dobbiamo dimenticare le buche sulla sede stradale che scassano le nostre auto, e mettono a rischio la sicurezza dei motociclisti. Con dispiacere ci siamo abbituati alle innumerevoli discariche a cielo aperto: lungo la statale 113, sulle strade laterali l’autostrada, nella zona ex industriale. Consapevole delle scarse disponibilità finanziarie comunali, forse si aspettano gli introiti della nuova TASSA SUI SERVIZI, per risolvere tutti i problemi.


Lascia un Commento