04 ott 2013

Sovrapassi pedonali sulla circonvallazione: verso l’apertura


Verrebbe da dire “Habemus Sovrappassi“, e finalmente dopo tanti mesi di attesa, è stato individuata la figura del responsabile d’esercizio. L’Ing. Marco Pellerito, attuale R.u.p.  del sistema Tram Palermo e dirigente presso l’Amat,  sarà il nuovo incaricato a gestire i sovrappassi.

Previsto, come era logico, lo spegnimento del semaforo pedonale all’altezza di via Di Giorgi contestualmente all’apertura del sovrappasso. L’Assessore Giuffrè sembra dare qualche spiraglio per lo spegnimento del semaforo di via Perpignano, anche se a Dicembre 2012 lo stesso Giuffrè si era dichiarato contrario. Staremo a vedere. Riparte quindi tutto l’iter procedurale per il collaudo, pulizia e apertura del secondo sovrappasso (Di Giorgi), mentre riprenderà a funzionare l’ascensore nel primo sovrappasso (Perpignano), appositamente disattivato in assenza di un responsabile d’esercizio.

2013 10 03 GDS - Sovrappassi il direttore finalmente

 

In bocca al lupo all’ing. Pellerito, e che abbiamo avuto modo di avere come relatore durante la recente  conferenza sulla mobilità.

 

 


marco pelleritoponte pedonale circonvallazioneponte pedonale palermosovrappasso pedonale circonvallazionesovrappasso pedonale palermotram circonvallazione palermotram palermoufficio trafficovia nina sicilianavia perpignanoviale regione sicilianavideo sovrappasso pedonale

Articolo precedente

55 commenti per “Sovrapassi pedonali sulla circonvallazione: verso l’apertura

Comment navigation

  • The.Byfolk 43
    05 ott 2013 alle 13:23

    Non è certo colpa dei residenti se non si riesce a fare un’opera prevista da 20 anni!

    Dovremmo ragionare insieme di allargare i dirittimdi tutti e non di toglierli ai più deboli..

  • Metropolitano 3236
    05 ott 2013 alle 15:16

    @The.Byfolk
    Allora considera come fanno quelli di Calatafimi e Bonagia senza semafori, eppur non si lamentano. Si tratta solo di cambiare percorso, non di privarvi dell’attraversamento pedonale testaquadra. Anzi passare dal ponte è più sicuro e ci sono gli ascensori per gli handicappati, un’ulteriore garanzia per i pedoni sia invalidi che abili. Ascoltate voi adesso la maggior parte della gente, perchè la democrazia è la nostra cultura dopotutto. Ti ricordo inoltre che i morti sul Viale Regione sono anche quei pedoni che hanno tentato di attraversare a raso. Inoltre ancora, il semaforo di via Perpignano è usato ed abusato da lavavetri e motociclisti per i loro sporchi comodi. Non è giusto che un motorino o un pedone blocchi l’autostrada per harrischiarsi un attraversamento. E’ vostro diritto attraversare, e farlo anche in TUTTA SICUREZZA !

  • Metropolitano 3236
    05 ott 2013 alle 15:29

    Volevo dire il Viale Regione in particolare. Si attraversa in totale sicurezza da sopra, e non a raso. Nelle autostrade e nel resto della circonvallazione non è pevisto un attraversamento simile a quello che vuoi mantenere tu. Chiedi troppo se non vuoi usare il ponte pedonale perchè hai nostalgia del vecchio attraversamento. La sinfonia è la stessa, ma noi vogliamo cambiare musica. Noi pedoni e la stragrande maggioranza degli automobilisti che si sono rotti di essere bloccati ogni volta che uno di voi gioca con quel bottone per far cambiare colore ai semafori pedonali. E’ un sistema obsoleto e inoltre non è compatibile con la viabilità di un asse di questa portata di traffico, anche più inensa delle stesse autostrade che collega A29 ed A19.
    Te lo ripeto, se spegneranno il semaforo Perpignano abituati a passare dal ponte con gli ascensori ! Contrasteremo duramente le Lobbies che si opporranno al suo spegnimento.
    Vogliamo una metropoli più civile, ci siamo rotti ormai !

  • The.Byfolk 43
    05 ott 2013 alle 16:07

    TI PREGO DI LEGGERE BENE I MIEI INTERVENTI
    Perchè mi sembra ti siano sfuggite diverse cose…

    1. Non mi interessa personalmente l’attraversamento, abito a pitrè e posso prendere il ponte, il sottopasso, il soprapasso e per ultimo il tuo incubo a perpignano.

    2. Calatafimi e Bonagia/Falsomiele sono adeguatamente servite da ponti carrabili e sottopassi pedonali e quando questi ultimi non funzionano la gente resta isolata ed inascoltata.

    3. Bonagia/Falsomiele sono borgate il cui centro non è sulla circonvallazione. Invece A Perpignano il centro è stato raso al suolo dalla circonvallazione, dividendo famiglie e interessi sociali ed economici su due sponde. E’ successo anche a Portello e Pitrè, ma li c’è un sottopasso e un bel ponte!!

  • Metropolitano 3236
    05 ott 2013 alle 16:33

    …e adesso avrete anche voi il ponte pedonale vicino via Perpignano Via Nina aperto ;)

    Lo stesso dicasi per i rsidenti di via Di Giorgi e Nazario Sauro per quanto riguarda l’altro ponte.
    Viale Regione esiste da sempre e non c’è un progetto per farla passare altrove, a parte una nuova tangenziale fuori dalla città.

    Non ti lamentare se decidono di spegnere il semaforo pedonale, perchè è giusto così.

  • peppe2994 2856
    05 ott 2013 alle 20:25

    Comunque non è previsto un’altro sovrapasso esattamente sopra il semaforo successivo di via Perpignano? (che coinciderà con la futura fermata)

    Insomma se non ora a tram completo saluteremo i semafori

  • Metropolitano 3236
    05 ott 2013 alle 21:40

    hmmmmm… già, se i sovrappassi sono stati fatti proprio per le fermate tram ed è prevista una fermata tram vicino via Di Blasi, allora ci vuole un altro sovrappasso lì, no? Ma quindi a quanto corrisponde la cadenza tra un sovrappasso e l’altro ? 300, 400 metri ? Siamo fuori misura se consideriamo la distanza tra i due nuovi ponti pedonali Nazario Sauro e via Nina che è esattamente 1 kilometro sia a piedi che in automobile calcolato con Google Maps da ponte a ponte fino a via Petralia Sottana.

    Oppure la SiS realizza qualcosa tra via Perpignano e Di Blasi per la fermata ?! Questa non la so.

  • The.Byfolk 43
    05 ott 2013 alle 22:10

    Non credo.. il soprapasso pedonale a perpignano fa parte del relativo progetto di sottopasso.
    La confusione deriva dal fatto che per ingannare i residenti e calmare le acque dopo diversi incidenti quando hanno chiuso l’incrocio hanno promesso la realizzazione anticipata del soprapasso illustrandola con il rendering di quello dell’appalto perpignano poi fallito. Tuttimi giornalinhanno ripreso quella notizia con quella immagine. Poi è venuto fuori che si trattava del ponte tram e che non sarebbe stato realizzato in prossimità dell’incrocio ma in via petralia sottana.

  • peppe2994 2856
    05 ott 2013 alle 22:42

    E’ prevista la realizzazione di un sovrapasso esattamente dove dici tu proprio per la futura fermata del tram.

    Il progetto ufficiale prevede i sovrapassi:

    -Via De Mauro (quello già presente)

    a 250 metri:

    -Via Settembrini che servirà l’omonima fermata e permetterà l’abolizione del semaforo interessato

    a 400 metri:

    -Via Perpignano che servirà l’omonima fermata ed abolirà il tanto discusso semaforo

    a 400 metri:

    -Parcheggio Emiri che servirà la fermata RAP

    a 320 metri:

    -Poco più avanti di via Portello che seguirà l’omonima fermata

    a 500 metri:

    -Via Pagano (dove è stato messo il pilone centrale)

    In più il settimo che nulla ha a che vedere con il tram che è a piazzale Giotto.

    Incrociamo le dita e speriamo si proceda in modo da avere tutto operativo entro tre anni.
    Questo è il progetto ufficiale o quantomeno le intenzioni visto che ci si è parzialmente persi nei meandri della burocrazia.

  • peppe2994 2856
    05 ott 2013 alle 23:00

    E’ sorto però un dubbio che è stato portato avanti con risultati buoni ovvero ha senso tale collocazione? La risposta è stata no e si vuole optare per una modifica del progetto con l’abolizione dei sovrapassi Perpignano e Portello per collocarli altrove, si vocifera via Oreto e l’altro non si sa.

    Questa è tutta la storia emersa dai progetti del genio civile, vediamo se la sanno portare avanti

  • peppe2994 2856
    06 ott 2013 alle 7:31

    No, infatti il tram è separato quelli del progetto tram sono solo i tre che tutti comosciamo. Gli altri sono semplicemente il progetto di infrastrutture pubbliche che intaccheranno parzialmente il tram e mirano all’abolizione dei semafori oltre che alla pubblica sicurezza in dei tratti maledetti dove manca pure il sottopasso.

  • loggico 372
    06 ott 2013 alle 11:12

    Ci manca pure che non eliminano il semaforo di via settembrini appena sarà aperto il sovrapasso nazario sauro. .
    quello che nessuno qui posta è l’altissimo tasso di inquinamento che le auto ferme producono.. la salute non è solo la possibilita di attraversare ma di respirare…
    Lo scrivo con cognizione di causa conoscendo bene cosa significa stare al di la del “mondo” e quali rischi e impegno cio può causare
    io ho vissuto per vent’anni in via petralia sottana e all incrocio di via perpignano venne uccisa la mia mia amica marisa li muli…
    elementari e medie vicino il palazzo dei sogni..

  • Metropolitano 3236
    06 ott 2013 alle 15:48

    Le mie condoglianze.
    Ma ormai che c’è il sovrappasso tutto cambia.
    Piuttosto nell’articolo scannerizzato da MobPA c’è scritto che per abolire il semaforo perpignano servirà “qualche settimana” a differenza del semaforo di via Di Giorgi da disattivare contestualmnte all’inaugurazione del secondo ponte non ancora aperto.

    Può darsi che servirà appunto qualche settimana per spegnere Perpignano perchè prima l’AMAT dovrà installare i guardrails lungo il tratto di strada che precede il primo ponte in dir. CT come fu alla chiusura della rotonda Oreto coi guardrails, per impedire attraversamenti a raso ed abituare per poi in seguito obbligare così passo-passo la gente all’uso del ponte.


Lascia un Commento