15 ott 2012

Assemblea per la rinascita della Costa Palermitana-resoconto


Si è svolto lo scorso 9 Ottobre l’assemblea organizzata dal Comitato per la rinascita della Costa Palermitana. Durante l’incontro dedicato alla II Circoscrizione e in particolare alla sua zona costiera, i messaggi di istituzioni e cittadinanza (più o meno rappresentata e raggruppata in associazioni) hanno sottolineato la presenza di problematiche che rendono difficile vivere il territorio. Considerando, ovviamente, che il livello di difficoltà è sempre soggettivo. Il sindaco ha promesso che, insieme alla Giunta (presente al 100 % all’incontro), il suo mandato avrebbe finalmente cercato di risollevare le sorti dei margini della città: oltre la circonvallazione, oltre l’Oreto.

In questa seconda area, gli aspetti più insidiosi si sono rivelati essere:

-          la mancanza di strutture pubbliche (rilevata dal sindaco, ma ignota al presidente di circoscrizione che anzi vorrebbe trovare il modo per attrarre capitali privati);

-          trasporti inefficienti (sappiamo che le corse dei bus AMAT sono state ridotte, ma bisognerà valutare anche  poi l’impatto della Linea 1 del tram e la riorganizzazione della rete bus). È curioso che nessuno, ma proprio nessuno, abbia suggerito il problema del sovraccarico di auto anche per spostamenti minimi come accompagnare i figli a scuola. Bambini depositati e ritirati come pacchi di fronte a edifici scolastici assediati dalle amorevoli auto genitoriali. Eppure basterebbe poco, per esempio una sorta di progetto (a costo zero) per far raccontare ai bambini “Il mio percorso quotidiano” – magari da corredare con le foto scattate con i loro smartphone… Basterebbe interpellare scuole e docenti e la cosa potrebbe sensibilizzare i giovani studenti riguardo a ciò che sta loro intorno (e che dall’auto non vedono perché nel frattempo stanno mangiando o giocando alla playstation);

-          rifiuti: questo è stato il tema fondamentale della serata, che secondo me rivela la pericolosa deresponsabilizzazione dei singoli cittadini. È infatti facile lamentarsi dell’AMIA, dello spazzino, del comune che ci ha dimenticati… Un po’ meno invece è cercare di gestire meglio i propri rifiuti (per esempio limitando al massimo se non eliminando del tutto l’uso comunissimo di stoviglie in plastica) e scaricarli negli orari prefissati;

-          situazione della costa: argomento spinoso, che ha toccato le questioni Romagnolo, Bandita e Acqua dei Corsari (con il suo progetto di trasformazione in parco urbano dell’ex-discarica bonificata e poi abbandonata). Spinoso perché purtroppo le competenze in queste aree non sono interamente municipali e quindi affrontare tali questioni implica l’organizzazione non sempre semplice di incontri e confronti;

-          insediamenti Rom e Sinti (o, come anche il presidente di circoscrizione ha detto erroneamente, di “zingari e nomadi”). La loro presenza nell’area è rilevabile in via Messina Marine, lungo la linea 1 del tram zona Sperone e nella scuola abbandonata e da loro occupata in via XXVII Maggio. Premesso che prima di affrontare un presunto problema sarebbe auspicabile conoscerlo, secondo me questo ultimo punto rientra nell’ampliamento di città e cittadinanza promesso dal sindaco e che tutti auspichiamo. Che esistano ancora persone nel XXI secolo a credere che gli “zingari” (altra definizione impropria) siano nomadi, è comunque degno di nota. Persino Wikipedia dice che ormai lo è una ridottissima percentuale. Al massimo sono migranti, come la maggior parte dei miei ex-compagni di liceo e università che se ne sono andati all’estero per lavorare. Né più, né meno. In ogni caso, a parlare di “nomadismo” è la stessa testata locale, il “Giornale di Sicilia” (video dedicato a via XXVII Maggio pubblicato in data 13 ottobre sul sito).

In conclusione, tutto richiederà continui aggiornamenti e monitoraggi, ma dopo tanto tempo ha fatto piacere vedere sindaco e giunta in carne e ossa incontrare i cittadini. Intanto, mentre andavamo tutti via, un gruppo di persone incendiava materiali a pochi metri sulla costa…

M.Marino


acqua dei corsariaree urbane degradatebanditabrancacciocosta romagnolodegrado palermoromagnolo palermosperone

29 commenti per “Assemblea per la rinascita della Costa Palermitana-resoconto

Comment navigation

  • Almarossa 6
    17 ott 2012 alle 14:41

    @Nio, se a Lei non interessa può anche abbandonare la conversazione.

    @Luca S., Lei non può darmi dell’ignorante per due motivi: 1) perchè lavoro con i Rom; 2) perchè studio la cultura Rom. Quindi si, posso dire che ne conosco la cultura senza troppe pretese :)
    Posso rispettare gli altrui pensieri quando sono COSTRUTTIVI e non distruttivi e basati sull’offesa o l’odio razziale… Forse dovreste informarvi, prima di scrivere, che certe offese sono punibili penalmente.

  • Almarossa 6
    17 ott 2012 alle 14:43

    @paola targia, non le rispondo perchè Lei mi sembra una persona di basso intelletto incapace di capire alcuni principi basilari, quindi spendere parole con lei sarebbe solo una superflua perdita di tempo :)

  • Almarossa 6
    17 ott 2012 alle 14:44

    PS faccia prima Lei l’UOMO, invece di dirlo agli altri ;) dato che addirittura ha bisogno della difesa di altri…

  • paolo targia 0
    17 ott 2012 alle 14:54

    @almarossa: lei non mi risponde perchè non sa come farlo! secondo, mi sembra lei di basso intelletto visto che non riesce a distinguere una battuta da un affermazione!

  • paolo targia 0
    17 ott 2012 alle 15:01

    @almarossa:sta parlando con una persona laureata in psicologia che ha studiato la cultura rom…le mie affermazioni non sono frutto della mia immaginazione ma dei miei studi….per quanto mi riguarda può continuare a pensarla come vuole..io rispetto il suo pensiero perchè sono una persona educata e civile, ma la prego lei rispetti il mio senza fare commenti inutili come quello di prima!
    p.s quando si troverà davanti la porta di casa,ritornando dal lavoro,due donne rom che provano a scassinarle la serratura (come al sottoscritto) ne riparleremo

  • Almarossa 6
    17 ott 2012 alle 18:47

    @paolo targia, la parola “psicologo” l’avrà solo sulla carta, per il resto mi auguro Lei non eserciti la professione, perchè non mi sembra prprio adatto al ruolo, dato i modi coi quali si pone e le parole che usa, non solo verso un popolo ma anche verso le persone cone Antony… OVVIO che io continuo a pensarla come voglio, e non mi interessa cambiare il modi di pensare di nessuno, a differenza di come vuole fare lei! E argomenti per ribattere ne ho tantissimi, semplicemente non ho voglia di perdere tempo :) Ho solo dubbi che lei abbia realmente studiato la cultura Rom, a meno che non si rifà a Lombroso e lì si spiega il suo modo di parlare. E tutto mi sembra, tranne che una persona educata e con modi. Saluti

  • Luca S. 129
    18 ott 2012 alle 8:55

    @almarossa
    Lei scrive “@Luca S., Lei non può darmi dell’ignorante per due motivi”
    Se legge bene, Io ho sottolineato proprio il contrario nel mio post. Che non mi permetto di dare dell’ignorante a nessuno!

    Circa i suoi studi, da studioso, conoscera’ pure i risultati dei psicologi e sociologhi di cui nel mio post. Che sembrano affermare il contrario di quanto Lei dice. Quindi da studioso, rispetti il parere di chi ha risultati diversi. SI CHIAMA CONFRONTO di idee.
    E infine, il Sig. Targia e’ un psicologo, quindi anche il suo parere va rispettato, e il fatto che la pensi diversamente da Lei ma sia in linea con altri studiosi deve indurla ad evitare certi attacchi contro chiunque la pensi diversamente da Lei.

  • antony977 166208
    19 ott 2012 alle 20:12

    @luca s., il sig. taargia sarà uno psicologo ma è un emerito cafonazzo.
    se vuoi in privato sarò ben lieto di mostrarti tutti i suoi commenti “carichi di miele”.


Lascia un Commento