17 feb 2012

Fondo Luparello: in corso la mobilitazione contro il centro direzionale in loco


Continua il tentativo di ostruzione da parte del forum delle associazioni  alla realizzazione del Centro Direzionale Siciliano previsto a Fondo Luparello.

E’ ancora possibile fornire il proprio appoggio all’iniziativa con una firma.

Privare una delle poche zone verdi rimaste in città della sua naturalezza per edificare il centro direzionale regionale… ma dove sta la ragione nel localizzarlo in una zona per niente servita dagli snodi stradali e ferroviari, difficile da raggiungere (ricordiamoci ad esempio la situazione attuale del ponte Pitrè)?

Il famoso progetto del grattacielo di Notarbartolo si presta decisamente di più a un insediamento del genere.


parco luparelloraccolta firmesalviamo fondo luparello

39 commenti per “Fondo Luparello: in corso la mobilitazione contro il centro direzionale in loco

Comment navigation

  • Giovanni 320
    17 feb 2012 alle 19:38

    bene allora nn la fanno!!!!!!
    cmq credo che il centro “Conca D’Oro” di qui a dare lavoro stabile debba passare per una riforma profonda del lavoro, i restanti CC nn credo proprio diano lavoro stabile.. ivi compreso Grande Migliore che sta cassintegrando i suoi dipendenti anche per colpa del proliferare dei CC, in ultima analisi spero che alle prossime elzioni venga eletto un sindaco che sappia affrontare la questione e sappia dialogare con la Regione, e che com unica alternativa per edificare un centro direzionale prenda quella già studiata a suo tempo per la zona Lolli..

  • Davide Epifanio 0
    17 feb 2012 alle 20:50

    “lavoro stabile” in una città come Palermo intendo un lavoro che duri più di qualche settimana e che sia riconosciuto dagli istituti previdenziali..in una città con livelli di disoccupazione altissima un lavoro presso un grande marchio è “oro colato”.ovviamente il problema di grande migliore è facile attribuirlo alla proliferazione dei cc, ma non è questa la vera causa

  • Davide Epifanio 0
    18 feb 2012 alle 1:47

    assolutamente non sono i cc il problema, infatti, catania ne è un esempio. Il problema è che Palermo non ha mai avuto cc e quindi le imprese locali hanno vissuto nel loro orticello senza fare i conti con imprese globali molto più competitive di queste locali. La crisi elimina dal mercato le imprese che non hanno saputo rispondere alle nuove richieste del mercato e vengono così tagliate fuori..sono loro la causa dei loro mali e per sopravvivere devono innovare, investire, cambiare le strutture organizzative, cooperare, etc..

  • mediomen 1143
    18 feb 2012 alle 7:31

    Scusate, ritornando in tema, se invece di fare uffici mega direzionali, riducessimo il personale a quello strettamente necessario ? Evitando sprechi inutili

  • Giovanni 320
    18 feb 2012 alle 9:16

    esatto mediomen ma sarà questa la strada da seguire se nn vogliamo finire come la grecia oltretutto si potrebbe fare della mobilità ovvero spostare degli impiegati in delle sedi periferiche, fra l’altro sono venuto a conoscenza che nei paesi ci sono 100naia di immobli confiscati alla mafia..
    dai Davide vieni a firmare!

  • matteo O. 164
    18 feb 2012 alle 14:51

    Il centro direzionale serve in ogni caso. e poi c’è un divieto di assunzioni che mira a ridurre il personale in circa 10-15 anni.
    Non si possono di botto licenziare 15mila persone e lasciarle per strada. La cosa va fatta lentamente con pensionamenti e pre-pensionamenti.
    Non potendo più assumere, il personale si ridurrà gradualmente da solo.

  • mediomen 1143
    18 feb 2012 alle 16:43

    scusa Matteo, perché 10-15 anni, non penso che gli operai della Fiat e di tutte quelle aziende che hanno chiuso e stanno chiudendo, e che sono stati licenziati di botto, il licenziamento non si può fare, i dipendenti regionali devono per forza essere privilegiati, perché? e poi se già consideri pure tu che ci sono 15mila persone in esubero, possiamo permetterci questo lusso di pagare stipendi a persone che non fanno niente e non producono? Certo l’utilizzo di mobilità e ammortizzatori sociali deve essere fatta, ma subito!

  • Calò 80
    18 feb 2012 alle 17:04

    Se dei dipendenti non servono si licenziano, altrimenti si danneggia la collettività. Quei soldi si possono spendere per il vero sviluppo economico della regione. Questo vale ogni livello di governo…….

  • matteo O. 164
    18 feb 2012 alle 18:30

    Sinceramente credo che data la situazione economica attuale e la difficoltà a trovare lavoro, il mio parere rimane quello di un lento sfoltimento.
    considera che c’è gente che magari ha 45 anni e ha fatto solo quel lavoro nella sua vita. Chi lo assumerebbe mai adesso? E’ gente che ha delle famiglie, e non penso sia giusto che per gli errori del passato (di assumere gente a gogò) adesso sia giusto mandarli tutti a quel Paese dopo che hanno messo su mutui, famiglia etc.
    Ma questo è il mio personalissimo parere.

  • matteo O. 164
    18 feb 2012 alle 19:19

    Comunque tornando in tema, sarebbe opportuno che la raccolta firme non sia fatta solo per dire “no” al centro direzionale a fondo luparello, ma che includa una controproposta, per far vedere che c’è comunque la volontà di realizzare quest’opera importante…..e magari indicare proprio quella del grattacielo notarbartolo come alternativa!

  • Metropolitano 3355
    19 feb 2012 alle 9:58

    @matteo O.

    Di solito, solitamente chi organizza queste petizioni e protesta contro dei previsti interventi mirati a cambiare qualcosa, non tiene conto minimamente se quell’opera (nuova Tangenziale esterna o Centro Dir.Reg.) sia utile o meno. Io per questo non firmai. Tuttavia in fondo la protesta non è sbagliata, ma il promotore poteva formularla appunto dicendo di spostare a Notarbartolo la realizzazione del Centro Direzionale.

  • Giovanni 320
    19 feb 2012 alle 11:26

    vabbè se uno vuole promuovere un iniziativa nn si appiglia a questo o a quell’altro poi credo che comunque lo svincolo della tangenziale esterna (con quali soldi si farà a sto puno nn so) si può fare altrove..

  • Metropolitano 3355
    19 feb 2012 alle 13:29

    Sì, lo svincolo di può fare un po prima, ma non si domandi di spostare tutto o in parte il tracciato della nuova arteria, se si farà.

  • tasman sea 20
    19 feb 2012 alle 19:29

    assolutamente contrario al centro direzionale a fondo luparello, favorevole a notarbartolo.
    la tangenziale interna? se mai si farà, sarà un’opera di mafia, e non servirà che ad aumentare l’inquinamento automobilistico nella conca d’oro, rovinando il sistema di falde ai piedi dei monti di palermo e creando dissesto idrogeologico come nel mugello. preferirei sistemare l’attuale circonvallazione con ponte pitrè, svincoli perpignano e oreto, francia, tram nelle corsie laterali, ed eliminazione di tutti i semafori. si può fare con molti meno soldi della tangenziale.
    è normale che il partito del mattone spinga verso fondo luparello e tangenziale, ma non facciamoci ingannare da questa gentaglia che pensa solo a riempirsi la saccoccia. le opere faraoniche non pagano mai. il centro direzionale si potrebbe fare lungo il percorso della metropolitana leggera, senza bisogno di inventarsi nuove strade.

  • tasman sea 20
    19 feb 2012 alle 19:30

    i centri commerciali non danno lavoro, lo distruggono. fanno fallire i piccoli commercianti, e poi chiudono licenziando tutti. finirà male anche il conca d’oro

  • V:E:N:D:E:T:T:A 154
    19 feb 2012 alle 23:05

    il Palazzo Lombardia nuova sede della regione Lombardia è costato 400 milioni di euro, da noi ne costerebbe anche 800 milioni, penso che sarebbe meglio realizzare 80 “piccole” opere da 10 milioni, sparse per la città piuttosto che un grattacielo
    (Anche se sarebbero soldi della regione e non solo del comune).

    Ps: anche Brico Arrigo, è quasi in fallimento ed un suo centro chiuderà.


Lascia un Commento