24 feb 2021

Monopattino Sharing, al via i primi tre operatori


Palermo – Firmate le prime determinazioni per l’autorizzazione all’avvio del servizio di monopattino sharing.

Il servizio Mobilità urbana ha, infatti, autorizzato (con determinazioni n. 2003/2004/2005 del 23 febbraio 2021) le Società BIRD RIDES ITALIA, Bit Mobility e Helbiz Italia allo svolgimento del servizio con monopattini a propulsione prevalentemente elettrica, per una flotta pari a 400 dispositivi ciascuna.

Sono i primi provvedimenti amministrativi successivi all’avviso pubblicato a ottobre scorso unitamente alle Linee Guida e al Regolamento generale della sosta dei dispositivi di micromobilità. All’avviso avevano risposto 10 società, per un totale di almeno 4.000 mezzi disponibili a fronte della possibilità di una flotta cittadina totale di seimila monopattini.

Da parte del sindaco Leoluca Orlando viene rimarcato “l’interesse mostrato da tanti operatori del settore, alcuni dei quali aventi i propri riferimenti in importanti società internazionali che già operano nelle principali città europee e italiane. E’ una conferma che questo particolare settore di mercato della mobilità è in fase di grande sviluppo anche a Palermo, motivo in più per puntare sul supporto e la promozione della micromobilità sostenibile”.


BIRD RIDES ITALIABit MobilityHelbiz Italiamonopattino sharing palermo

5 commenti per “Monopattino Sharing, al via i primi tre operatori
  • Ennio 26
    27 feb 2021 alle 16:26

    certo se avessimo delle piste ciclabili con meno buche sarebbe anche un ottima iniziativa, prevedo una serie di furti, e incidenti……

  • Binario 393
    01 mar 2021 alle 9:20

    È normale che tali mezzi si trovino esposti in luoghi in cui mancano insegne ed indicazioni?

    • Irexia 966
      02 mar 2021 alle 15:26

      Sì, se del tipo che puoi lasciarli ovunque e non negli stalli predefiniti, che appunto, non esistono. Credo che oramai tutti i servizi di sharing siano così… A Milano anche alcune biciclette (private)

  • Franco Mamone 1
    05 mar 2021 alle 9:01

    Secono il mio parere si dovevano creare stalli in cui lasciare i monopattini, la ditta che deve ricaricarli cosa fà ,va in giro per tutta la citta per cercare il monopattino?

    • Normanno 494
      05 mar 2021 alle 11:06

      No perche sono costantemente geolocalizzati con il satellite,quindi la ditta conosce la posizione dei monopattini istante per instante,per questo è fortunatamente stupido è inutile rubarli come hanno fatto i panormosauri dello sperone (sempre loro sarà un caso?).Comunque in punti particolari come stazioni,porto,politeama eccetera sarebbero graditi gli stalli, ma soprattutto per l’utente che sa dove andarli a trovare senza perdere tempo.


Lascia un Commento