13 ott 2008

La citta che ritorna alla luce cantiere dopo cantiere-I parte


Vari e tanti i cantieri nel centro storico, cantieri che ad uno ad uno stanno portando la città a nuova vita. Certo è un processo lento, ben lontano dalla fine, ma i risultati si vedono eccome:

Il palazzo del marchese di Gallidoro in via Maqueda, prima e dopo:

Il cinquecentesco palazzo dei Castrone, passato poi nel settecento al marchese di Santa Ninfa, in corso Vittorio Emanuele, quasi di fronte la Cattedrale:

palazzo Prestipino Guarnera in via San Nicolò all’Albergheria, traversa di via Albergheria:

L’ex conservatorio della SS. Annunziata

palazzo Speciale poi Raffadali in via Mario Puglia all’Albergheria:


AlbergheriacantieriGallidoropalazzo CastronePrestipino GuarneraSanta NinfaSS. Annunziata

5 commenti per “La citta che ritorna alla luce cantiere dopo cantiere-I parte
  • Portacarbone 70788
    13 ott 2008 alle 14:33

    Molto interessante Palazzo Raffadali con questo cortile interno e quelle finestrelle all’ultimo livello. Per non parlare dell’attico.
    Ma è attualmente abitato?

  • Paco 7942
    13 ott 2008 alle 15:46

    se pensiamo a cosa è stato fino a poco tempo fa l’ex conservatorio della SS. Annunziata, guardandolo adesso mi si apre il cuore

  • piero82 503
    13 ott 2008 alle 22:27

    bhe in questo va dato atto all’amministrazione attuale,di aver fatto tanto in questi anni(per il centro storico).
    del resto abbiamo il centro storico più bello e tra i piu grandi del mondo,quindi queste opere di ripristino(erano fondamentali e di primaria importanza)per la città.
    certo come dice giustastamente l’articolo,siamo ancora un’pò lontanti dal completamente di tutto il centro storico,però si sta lavorando bene e fatto tanto sin’adesso!
    tempo fa avevo inserito un’articolo sul restauro del palazzo di via ruggero settimo(s.lucia,credo) quello che va dal bingo del politeama e termina(girando)in via principe di belmonte,purtroppo per questo meraviglioso palazzo non ci sono novità..e per quanto sia felice di tutti questi cantieri,fin quando non vedo restaurato quel palazzo non mi darò pace.

  • Pingback:Pin
  • Pingback:Find

Comments are closed.