4 commenti per “
  • belfagor 896
    19 apr 2021 alle 6:01

    Non si è fatta attendere la dura risposta di Italia viva:
    “Se c’è qualcuno che ha tradito il programma e le aspettative dei cittadini questo è innanzitutto il sindaco ed è sotto gli occhi tutti. Palermo è abbandonata e lo scaricabarile di Orlando è francamente patetico”.
    “Invece di fare autocritica – prosegue la nota di Italia Viva – e ammettere le proprie responsabilità di fronte alla gravità della situazione economica e sociale in cui versa la città di Palermo, Orlando continua ad usare patetici diversivi, scaricando la responsabilità dell’immobilismo sul Consiglio comunale e agitando lo spettro di Salvini e della Lega, fantasmi buoni solo per la sua propaganda.
    “Palermo è isolata ed è allo sbando ed è questa la cruda realtà che il sindaco non racconta.”
    “Non ci sono soldi in cassa, il bilancio non si può chiudere, le partecipate sono al collasso, i cantieri sono fermi, nessuna opera di manutenzione appaltata da due anni, i cimiteri una vergogna nazionale, i ponti a rischio crollo.”
    “Il danno per Palermo non è Italia Viva che chiede di uscire dall’immobilismo, ma un sindaco che non riesce più a guardarsi intorno.”
    Poi fanno quel passo che Orlando non ha avuto il coraggio di fare : a breve ufficializzeranno la loro uscita dalla giunta .
    Ma i problemi di Orlando non arrivano solo da Italia viva ma anche dal PD.
    Il capogruppo Rosario Arcoleo non ha esitato ad attaccare la giunta sulla frettolosa decisione di pedonalizzare via Amari e via Ruggero Settimo e il segretario provinciale ,Rosario Filoramo, ha alzato il tiro, puntando il dito contro il sindaco in persona:
    “Orlando non ha avuto contezza dello stato di crisi strisciante, ma sempre più evidente, che ha attanagliato la sua giunta – ha detto in una nota – Il nostro obiettivo ormai è il progetto Palermo 2022, un progetto che dovrà segnare la completa discontinuità con metodi e politici che non potranno più farne parte”
    In parole povere, il PD sta lavorando a un progetto dove Orlando non farà più parte.
    Come ha detto qualcuno: Orlando è oggi meno popolare del…..Covid”

    P.S. Se Orlando non si dimetterà dovrà essere l’opposizione, che ormai ha un ampia maggioranza, a chiederle.
    E questa volta non avranno più alibi e dovranno dimostrare se sono “uomini ,ominicchi o quaquaraquà”

  • punteruolorosso 2662
    20 apr 2021 alle 8:02

    si vergognino i renziani, tutti presi dalla loro mania di potere. non rappresentano palermo, ma gli interessi del nord che a livello nazionale sono guidati da draghi. quest’ultimo è lì dov’è perché forse il governo conte stava finalmente dando qualcosa al sud. si tratta dei soldi del recovery. penso che l’idea dei renziani sia questa: i soldi del tram di palermo, una volta persi, andranno al nord.

    • Metropolitano 3956
      20 apr 2021 alle 14:25

      E così tante altre grandi opere. Il problema è di Mattarella che ancora una volta ha evitato elezioni anticipate, che non sono vietate dalla carta Costituzionale nemmeno dopo un anno o meno di legislatura. Mattarella Sergio si commenta da solo, mentre il fratello Piersanti si sta gia rivoltando nella tomba per l’atteggiamento massonico di un Capo di Stato che non sa manco chi deve rappresentare, di sicuro non l’Italia.


Lascia un Commento