22 nov 2019

Arrivato a Palermo il primo ETR 104 “Pop”


Palermo – Avevamo annunciato il loro arrivo  e questa sera attorno le 21:30 è giunto a alla Stazione Centrale il primo convoglio ETR 104 “Pop”.

E’  il nuovo treno a mono piano e media capacità di trasporto, a 4 carrozze, con 4 motori di trazione. Viaggerà a una velocità massima di 160 km/h, avrà un’accelerazione maggiore di 1 m/sec2 e potrà trasportare fino a circa 530 persone, con oltre 300 posti a sedere. I treni Pop hanno una capacità di trasporto fino al 15 per cento superiore rispetto alla precedente generazione, oltre a 8 porta biciclette di serie.
Migliori standard, performance e più comfort e accessibilità per le persone che ogni giorno scelgono il treno per lavoro, studio, svago o turismo. I treni regionali di Trenitalia assicureranno la rivoluzione del trasporto ferroviario regionale e invoglieranno sempre più le persone a scegliere il treno lasciando l’auto a casa.

Complessivamente  cinque treni Pop, tre a novembre e due a dicembre, saranno consegnati entro il 2019, mentre altri sette nel 2020 e nove nel 2021. Verranno utilizzati sulle tratte Palermo-Punta Raisi e Palermo-Agrigento e verranno utilizzate sulla tratta Palermo-Catania, sulla Messina-Palermo e sulla Messina-Siracusa.

Con ogni probabilità la prossima settimana si svolgerà la presentazione ufficiale del convoglio, per poi successivamente essere immesso in servizio.

Photo @Mario Zora


alstomalstom popAlstom rockAlstom siciliaetr 104ferrovie siciliamobilita palermopalermo centralepassante ferroviario palermoPoppop palermopop siciliatreni poptrenitalia

50 commenti per “Arrivato a Palermo il primo ETR 104 “Pop”
  • Fabio 44
    23 nov 2019 alle 8:49

    Speriamo siano più confortevoli e soprattuto silenziosi…..sugli altri se ti sposti vicino le porte per telefonare per non dar fastidio alla gente, non si riesce a sentire nulla dal casino!

  • peppe2994 3373
    23 nov 2019 alle 10:16

    Benissimo. Finalmente le 668 stanno arrivando a fine vita. Che vergogna vedere i turisti lì dentro sulla fondamentale tratta Siracusa-Gela.

    Due domande se qualcuno sa rispondermi:
    1)In termini di accelerazione e frenata sono più o meno performanti dei minuetto ?
    2)Ci sono speranze di poter vedere finalmente il collegamento Cefalù-Punta Raisi, e quindi vedere incrementate le frequenze sul passante ?

    • Metropolitano 3662
      23 nov 2019 alle 12:09

      L’accelerazione di 1 m/s è buona, e per quanto riguarda la linea tra Aeroporto e Cefalù se ne parla non appena instradano alcuni treni sul baffo ferroviario di Brancaccio, per bipassare la stazione Centrale per alcuni treni.

  • Metropolitano 3662
    23 nov 2019 alle 12:06

    Era previsto l’arrivo di questi bei treni; i Minuetto erano ormai datati. A Novembre e Dicembre 2019 saranno quattro.

  • marimalt 65
    23 nov 2019 alle 15:03

    cosi i lussu… una notiziona… nel resto d’italia sfecciano i freccia rossa e qui ci accontentiamo di un trenino dalla straordinaria accelerazione di un metro al secondo… apposto siamo…

    • Metropolitano 3662
      24 nov 2019 alle 15:14

      Per I treni a lunga percorrenza, o le frecce quale unica regione in cui non passano, devi lamentarti con qualcun altro a cui del sud è mai fregato nulla finora.

    • Metropolitano 3662
      24 nov 2019 alle 19:22

      Immagina gli abitanti di Siracusa che pensano ancor di più quale è il lusso di questi nuovi treni regionali, a parte quelli rinnovati Siracusa-Roma con livrea ICsun e ICNsun.

      • lazarus 11
        28 nov 2019 alle 18:11

        Quelli a lunga percorrenza per Roma e il nord con nuovi servizi a bordo e nuova livrea circolano già nel Siracusano dall’inizio dell’anno. Ma li ho visti anche sulla Messina-Palermo, come è giusto che sia. Beh siamo sempre lì, una sezione “antenna” per Siracusa e l’altra è l’antenna per Palermo con sole 4 carrozze sui treni IC diurni.

        • Metropolitano 3662
          28 nov 2019 alle 22:28

          Si, lo so. Li ho visti sia nei video YouTube che lungo la linea Messina-Palermo mentre viaggiavo sulla A20.
          Sono cinque treni tra IC e ICN, e cinque di ritorno. Ergo otto treni di Roma e viceversa IC/ICN, e due di Milano e viceversa solo ICN.

  • Orazio 1239
    23 nov 2019 alle 16:00

    Mi pare di capire che questi POP hanno sedute più ampie e che affiancheranno i Minuetto sulle tratte extra-urbane, mentre i Jazz (che hanno sedute scomode e a tratti claustrofobiche) resteranno sulla tratta urbana e suburbana di Palermo. Bene.

      • Orazio 1239
        23 nov 2019 alle 19:24

        Il Minuetto ha tre casse (vagoni) e spazi ampi, i sedili sono quasi tutti messi a salottino (due posti e due di fronte), alle estremità di ogni vagone ci sono divanetti semicircolari da tre o quattro posti spalle al finestrino, gli spazi insomma sono ampi, i colori chiari amplificano la spazialità.

        I Jazz sono a cinque casse, i sedili sono quasi tutti a due a due con spazio ristretto per le gambe e la metà sono contrari al senso di marcia, i colori scuri amplificano il senso di chiuso. I Jazz sono dotati di schermi che proiettano in continuazione le immagini riprese dalle telecamere di sicurezza e ciò lo trovo invadente e fastidioso, oltre che claustrofobico

        I Minuetto sono molto oscillanti e sulle curve della PA/CT e della PA/AG consentono ottime prestazioni perché mantengono un assetto stabile, i Jazz non lo so perché viaggiano alla ridotta velocità praticabile sul passante, e in rettilineo. E visto che non ci sono gli schermi, (ma solo le cam) se ti gratti le palle non lo sa nessuno, lo trovo più rilassante.

        • punteruolorosso 2169
          24 nov 2019 alle 8:12

          ho preso il minuetto per andare a sferracavallo, e mi è sembrato ottimo. non ricordo di aver preso un jazz, sono curioso. i jazz verranno dunque pensionati?

          • Orazio 1239
            24 nov 2019 alle 9:51

            Ovvio che no, sono nuovissimi.

          • Metropolitano 3662
            24 nov 2019 alle 19:24

            @punteruolorosso
            Parlando civilmente non ti seccare, ma i Jazz non sono “minuetto”, hanno 4 e 5 carrozze. E figurati che i Pop non somigliano nemmeno ai Jazz adesso. E’ tutto cambiato.

      • bottarisali 188
        24 nov 2019 alle 16:27

        punteruolorosso, ci sono alcuni video su youtube. Vacci e scrivi “interno treno jazz” e poi “interno treno minuetto”.

    • Metropolitano 3662
      23 nov 2019 alle 20:13

      Si, …hai capito bene.
      Rileggi l’articolo dove parla dei cinque treni per il 2019 (Palermo-Punta Raisi)… grazie.

  • Metropolitano 3662
    24 nov 2019 alle 14:19

    Era previsto l’arrivo di questi bei treni; i Minuetto erano ormai datati. A Novembre e Dicembre 2019 saranno quattro.

    • peppe2994 3373
      26 nov 2019 alle 12:19

      Due treni l’ora dove e quando va bene. Poi c’è chi deve accontentarsi di un treno l’ora.

      Un servizio di lusso.

      • lazarus 11
        27 nov 2019 alle 22:26

        Vabbe dai meglio di niente. Nei prossimi anni dovremmo averne 21 secondo le news. Io ho notizia pure che oltre ai Pop ci saranno i Flirt d altri Jazz in arrivo. Mancheranno solo i Rock della Hitachi, ma in Sicilia temo che non li porteranno :(

        • Metropolitano 3662
          27 nov 2019 alle 23:38

          Non è detto. Le carrozze a due piani Rock forse saranno superflue adesso, ma una volta completato il passante FS le Rock saranno utili. Il problema è che pure il passante di Palermo è incompleto. La Sicilia è piena di opere incomplete. Concordi ?

          • lazarus 11
            27 nov 2019 alle 23:51

            Si, si certo. Come darti torto ? La situazione non è certo buona per quanto riguarda le infrastrutture siciliane, ma a Catania ci lavorano da un bel pezzo per il raddoppio CT Ognina e staz. Centrale e quest’anno hanno aperto almeno credo, i cantieri della linea veloce Catania-Palermo anche se solo per un pezzetto fino a Enna. Ci vorranno altri anni per queste opere senza contare quelle non appaltate come il raddoppio Giampilieri-Fiumefreddo, se solo avessero iniziato prima i lavori. Nessuna novità invece per la riapertura della linea Alcantara-Randazzo per il turismo locale. Come dicamo noi “facemu malacumparsa”.

          • Metropolitano 3662
            28 nov 2019 alle 11:23

            No, perchè sai, te lo dico perché due troll qui mi fanno del torto ad ogni cosa che scrivo IO perfino se corretta, tramite i voti negativi che non so per quale strana ragione qui sono visibili pure abusivamente, a differenza di altre piattaforme quali Youtube e FB. E fino a quando si comportano così non avrò riguardi per loro. Già glie lo avevo detto di smetterla con quei capricci senza uno scopo.
            La line Alcantara-Randazzo è una di quelle linee non elettrificate se non erro ? Onestamente io spero che la attrezzino per riaprirla, anche se in altre ferrovie ci sono lavori di pari urgenza tipo la tratta Gela-Caltagirone dove diversi anni fa crollò un ponte. https://www.ilsettemezzo.com/2018/08/06/linea-ferroviaria-caltagirone-gela-riapertura-prevista-nel-2022/

          • lazarus 11
            28 nov 2019 alle 18:04

            Quella linea è stata chiusa diversi anni fa (adesso non ricordo l’anno) per inadempienze varie, ma è stato un errore a danno dell’hinterland etneo. Ormai non ci spero più per la riapertura di quella linea perchè in effetti oggi si investe su delle infrastrutture che rendono in futuro. Invece aspetto novità sul raddoppio ionico Giampilieri-Fiumefreddo, che dicono comporterà la costruzione di una nuova stazione di Taormina/Naxos interrata stavolta e doppio binario Messina-Catania. Accontentiamoci per ora di quello che abbiamo. Diciamo che non si può andare avanti così con l’abbandono, ma se fanno qualcosa vuol dire che l’interesse almeno di RFI c’è, poi è tutta questione di denaro e di budget vari.

            Riguardo il discorso dell’asperità sociale che mi hai descritto, tu ignorali. In effetti non vedo cosa ci sia di male sul tuo commento delle carrozze Rock e sulla verità dell’incompletezza della linea Palermo-Carini nel tratto urbano, soprattutto perchè manca davvero poco per finirla tutta. Forse la verità sul passante ferroviario di Palermo e sui treni mancanti che non verranno forse farà male o magari a loro non piaceranno i treni della Hitachi se hanno visto come sono fatti, ma non è certo colpa tua se la situazione è questa. A mio parere è giusto dire le cose come stanno, invece. Comunque fate pace dai ;) , noi non possiamo far niente se non ci aiutano dall’alto ergo non è responsabilità nostra sugli investimenti nel meridione.

          • Metropolitano 3662
            29 nov 2019 alle 14:56

            Questo bisogna dirlo a chi è affetto da buonismo cronico patologico. Io sono realista e dico la verità dei fatti sul modo in cui I politici, specie quelli “democratici” (tutt’altro, è un attributo ironico) trattano i cittadini in barba alla democrazia. Il “dissanguatore” BisConte o Conte Dracula (presidente non votato dai cittadini) ad esempio fa paura a quasi tutti gli italiani che non vogliono toccati i loro conti bancari. Se hanno paura loro significa che si tratta di una cosa seria, e un po pure io temo qualcosa sui miei risparmi e sul futuro del paese (due cose diverse ma in tema). Di sicuro con il MES in fase di approvazione non ci saranno fondi per mandare avanti infrastrutture importanti, serve solo per regalare soldi agli altri Stati, come se gli Italiani hanno il lusso di poterselo permettere. Se non si cambia, ogni anno diventa sempre peggio. Io sono realista ergo concordo con te e con chi è altrettanto realista, lazarus.

  • lazarus 11
    27 nov 2019 alle 22:22

    Buona sera. Sono felice che i nuovi treni Pop sono arrivati a Palermo e spero arrivino pure da noi a Catania, solo che il passante di Catania risulta tuttora in fase di discussione, percio forse dovremo aspettare un altro po se non nel frattempo ne mettono due che passano per Catania e tutta la Sicilia ionica quest’anno.

    • peppino1234 21
      28 nov 2019 alle 13:21

      A quanto ho sentito dire faranno anche i diretti Palermo Catania e Messina Siracusa, quindi saranno anche a Catania e Messina.Entro fine dicembre dovrebbero arrivarne altri 4.Gli altri l’anno prossimo. Questo treno gia’ presente fara’ nei primi giorni del nuovo orario il passante di Palermo e qualche corsa Palermo Agrigento.Sono comunque voci che ho sentito.Ma di certo non appena ne avremo 5 (fine di quest’anno) saranno presenti sia a Palermo che a Catania e Messina.

      • lazarus 11
        28 nov 2019 alle 17:50

        Cinque treni per il 2019, ok. Ma dobbiamo tener presente che le linee su cui circoleranno saranno incomplete, specie il passante fs di Catania. In riferimento ai treni in arrivo negli altri anni poi mano a mano che si affolla sempre di più il parco rotabile, la qualità del servizio potrebbe peggiorare a causa del binario unico specie sulla linea Catania-Palermo e del passante a Catania tra il Porto e Bicocca. Da noi se ne parla nel 2028 se tutto va bene :(
        La questione è una: a che servono più treni se questi qui non circolano ognuno sul proprio binario e sono costretti sempre a incroci e precedente a vicenda ? Il servizio diventa più scandente con più treni in circolazione a causa della vetustà delle infrastrutture complici i vertici RFI e le naturalmente precedenti ed attuali legislature che non hanno tenuto in considerazione ogni intervento da eseguire in Sicilia. Comnuque sia benvenga l’ammodernamento della flotta, sia regionale sia a lunga percorrenza…

  • donn 46
    02 dic 2019 alle 11:09

    notizia interessante, visto che i minuetto sono largamente insufficienti nelle ore di punta tra le 8 e le 10 e tra le 16 e le 19. Purtroppo pare non ci saranno ne` corse in aggiunta ne` fermate in piu` con l’orario invernale.

      • donn 46
        03 dic 2019 alle 14:49

        non so, da utente quotidiano vedo che le vecchie diesel stanno ancora in servizio sulla tratta per Giachery e su quella per Trapani. Forse i minuetto che ora prestano servizio su punta raisi verranno dirottati li`. E altri pop andranno sulle tratte per CT e AG di sicuro.
        PS: dall’anno prossimo aumenta di circa il 10% il prezzo degli abbonamenti per avere la stessa qualita` del servizio.

      • Metropolitano 3662
        03 dic 2019 alle 18:40

        Aumenta il prezzo ?! Bella fregatura, quando si dice che l’uomo vale meno della moneta.
        Comunque sulla metro attualmente circolano più treni Alstom Jazz a 4 e 5 carrozze tra Punta Raisi e Palermo Centrale.

  • Metropolitano 3662
    04 dic 2019 alle 13:33

    Ma guarda un po: un ministro di uno dei peggiori governi della storia della Repubblica viene a farci lezione quando sono proprio loro che non l’hanno imparata dopo più di vent’anni di abbandono infrastrutturale del sud da parte loro. La stessa UE e il governo federale cioè il parlamento europeo li ha bacchettati pr la questione dei fondi al sud. A quest’ora pure noi avremmo treni moderni quali Italo o i Frecciarossa. Anche oggi continuano a fregarsene del sud, ergo le parole di Boccia non ci toccano, ma ci fanno capire quanto meschini siano coloro che seminano vento e poi devono raccogliere la tempesta. Musumeci per noi è solo un notaio di Stato oltre a presidente di Regione Sicilia, ma lui è in carica da pochi anni.

  • albarob 21
    04 dic 2019 alle 21:57

    Con questi nuovi treni e l’arrivo degli altri, sicuramente il servizio tra un po di tempo migliorerà.
    Ma è semplicemente assurdo, in un mondo in cui si parla di ambiente ed inquinamento, che non sia incentivato l’uso dei mezzi pubblici. Per il prossimo anno ci sarà un aumento dei prezzi Trenitalia del 10%!

  • Orazio 1239
    05 dic 2019 alle 7:31

    Il convoglio già arrivato prenderà servizio dal 15 dicembre – data dell’entrata in vigore dell’orario invernale – nella tratta Palermo/Termini Imerese.


Lascia un Commento