Articolo
16 giu 2016

IEMEST: Restaurato e inaugurato un vecchio sito di archeologia industriale al centro di Palermo

di Fabio Nicolosi

E' stata inaugurata alla presenza del ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, la nuova sede del Iemest in Via M. Miraglia L'Istituto Euro-Mediterraneo di Scienza e Tecnologia è un ente di ricerca che svolge attività a carattere scientifico, socio-culturale, di formazione, di consulenza e di assistenza tecnica. E’ partner di diverse università e centri di ricerca di tutto il mondo; conduce progetti di ricerca e organizza eventi per la promozione e diffusione della cultura; offre, inoltre, attività di informazione e formazione. L’ente lavora per l’individuazione di soluzioni tecnologiche innovative finalizzate alla produzione di energia idroelettrica e studia lo sviluppo di tecniche di diagnosi rapida e sensibile per le patologie umane (malattie del fegato, tumori e rischio cardiovascolare) e delle piante (propone di mettere a punto tecniche di diagnosi innovative e metodi di contenimento efficaci nei confronti dei due più temibili patogeni degli agrumi). Presso la struttura hanno sede diversi laboratori scientifici tra cui un laboratorio avanzato di Neuroanatomia e ha all’attivo numerosi progetti sostenuti dalla Comunità Europea. Un esempio è FeEL EWoS: progetto che sarà condotto simultaneamente in sei paesi europei (Italia, Croazia, Islanda, Portogallo, Spagna e Turchia) durante la settimana europea dello sport (EWoS), dal 19 al 25 Settembre 2016. Targato IEMEST anche il progetto Hydroenergy che punta alla progettazione e alla realizzazione di prototipi di impianti idroelettrici basati sul recupero dell’energia dissipata e, dunque, alla diffusione d’impianti per la trasformazione di energia rinnovabile in energia elettrica per soddisfare il fabbisogno energetico regionale attraverso l’ottimizzazione dello sfruttamento di fonti di energia alternative già esistenti. Il progetto di potenziamento strutturale Cyber Brain prevede, invece, la realizzazione di una piattaforma biotecnologica collocata nelle Regioni Campania e Sicilia da dedicare alla neuro-cibernetica, che consentirà a regime lo sviluppo di dispositivi impiantabili e di neuroprotesi per lo studio di varie patologie neurodegenerative. Una delle importanti attività di ricerca che lo IEMEST sta conducendo anche a livello internazionale è, per esempio, quella in collaborazione con la Nasa, l’Agenzia Spaziale Americana. Il progetto vuole dare un significativo e importante contributo alla conoscenza degli effetti dell’assenza di gravità sull’apparato respiratorio, e i risultati avranno ricadute per i successivi viaggi nello spazio, incluse le previste missioni dell’uomo sul pianeta Marte; inoltre, l’innovativo modello cellulare proposto e sperimentato potrà avere applicazioni nello studio dell’assenza di gravità anche in altri distretti anatomici. Le attività formative dell’istituto si articolano in corsi, convegni, master, seminari e workshop, molti dei quali in lingua inglese, che lo IEMEST annualmente organizza su vari temi inerenti le attività scientifiche dei suoi dipartimenti. Tali attività formative vedono la partecipazione di studenti e il coinvolgimento di docenti dell’area euro-mediterranea. La cerimonia inaugurale della nuova sede, aperta alla comunità scientifica e alla cittadinanza, servirà anche a sottolineare lo straordinario contributo dato al risanamento e al recupero di un sito di archeologia industriale al centro di Palermo, prima ridotto a un rudere a cielo aperto e adesso rinato a nuova vita: infatti, l’edificio – progettato a fine ottocento come opificio per la lavorazione degli agrumi di Sicilia e utilizzato a tale scopo fino alla fine degli anni venti del secolo scorso – diventò deposito bellico sino alla fine della seconda guerra mondiale per poi cadere nel degrado. Adesso, la struttura – finemente ristrutturata e allestita con un’attenzione particolare alla dimensione estetica – funziona come centro internazionale di ricerca scientifica e come centro congressi, arricchendo il panorama italiano in termini di produzione di studio e di ricerca portata avanti dai privati. In occasione dell’inaugurazione anche il vernissage della mostra delle opere scultoree dell’artista Salvatore Rizzuti.«Ospitare le opere di Salvatore Rizzuti in questa occasione – dice Bartolo Sammartino, presidente dello IEMEST - significa esaltare la bellezza di una sfida creativa che nasce dal mirabile intreccio tra l’architettura del sito e l’universalità delle sculture presentate. Qui in Sicilia, dove scienza, arte, filosofia e cultura hanno come madre la grande storia della Magna Grecia, l’opera di Rizzuti, bellissima e caleidoscopica, diventa espressione di un’anima che sa onorare la grande Tradizione». Vi lasciamo a questa breve gallery:

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 nov 2011

Video| Progetto D.I.M.M.I: reportage del workshop

di Andrea Baio

Ecco un breve filmato del workshop che si è tenuto a fine ottobre in collaborazione con la IE School of Architecture di Segovia. Scopo di questa tre giorni è stato lo studio dell'area sud di Palermo, in particolare la zona costiera sino all'area Roccella dove attualmente è situato il centro commerciale Forum. I ragazzi saranno adesso impegnati a produrre degli elaborati circa alcuni possibili interventi sull'area. In fase di montaggio abbiamo deciso di chiudere con una domanda che può sembrare scontata, ma forse non lo è così tanto. Buona visione (il video è disponibile in HD a risoluzione 720p) httpv://www.youtube.com/watch?v=l1fFjO0v_I0

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 ott 2011

Progetto Dimmi: al via il workshop sull’area sud

di Giulio Di Chiara

Continua l'iter del Progetto Dimmi. Da oggi iniziano quattro giorni di workshop sull'area di lavoro. Annunciamo con soddisfazione che parteciperanno agli studi 34 studenti spagnoli, della IE School of Architecture di Segovia. Vi rimandiamo al sito del Progetto Dimmi per gli approfondimenti e gli aggiornamenti di questi quattro giorni di lavori. Link utili: http://www.progettodimmi.it/?p=185  

Leggi tutto    Commenti 0