Segnalazione
02 ago 2017

Un limite di velocità eccessivo in via del Fante

di dimrob

Stranamente il limite di velocità in via del Fante nel tratto tra Case Rocca e piazza Niscemi è di 30 km/h. Questo limite è stato introdotto qualche anno fa, in occasione dei lavori per il rifacimento del muro storico della Favorita, e da allora non è stato più tolto. Non capisco il motivo di questa limitazione visto che il tratto di strada in questione è abbastanza dritto e senza la presenza di traverse laterali. Strade molto più strette come la via Resuttana (praticamente parallela) hanno un limite di 50 km/h che è il limite imposto in città. Il problema maggiore è che da qualche mese in quel tratto di strada è presente abbastanza frequentemente una camionetta dei vigili con l'Autovelox, vorrei capire se lo strumento è impostato realmente al limite indicato nel cartello, perché in questo caso si rischia di essere multati pure andando in bicicletta.

Leggi tutto    Commenti 1    Proposte 0
Articolo
31 lug 2017

La ciclabile di viale Del Fante non accontenta tutti: intervento senza un “progetto”. I vostri commenti più significativi..

di Giulio Di Chiara

Questa foto postata da un membro del gruppo facebook "Mobilita Palermo" ha scatenato un flusso di commenti non indifferente che vogliamo riprendere per provare a stilare una valutazione di merito sul provvedimento. Ma partiamo da alcune vostre riflessioni, che senza dubbio denotano differenze di vedute e racchiudono gran parte delle valutazioni espresse: "Perché il Marciapiede è per i pedoni. Mentre la strada e per i mezzi. Considerata la larghezza della via, è più logico così." " Parlo da ciclista...Senza considerare che ci siamo asciugati un km di parcheggio?quel marciapiede è enorme per la densitá che c'è di pedoni.. Considerando che dall'altra parte è grande tanto quanto...è cosi complicato trovare quando possibile soluzioni soddisfacenti per tutti?" "Da ciclista... Da ciclista dovrebbe solo apprezzare. Ma la realtà è che è automobilista e pensa solo ai parcheggi, 3 post su 3." "Purtroppo è monodirezionale" "Il marciapiede non mi sembra abbastanza largo per pedoni e bici in sicurezza. Comunque dobbiamo essere contenti che finalmente per le bici stanno usando uno spartitraffico robusto e più difficile da ignorare."   Dove sta la verità? Probabilmente nel mezzo, come al solito. Sicuramente è vero che una corsia ciclabile è meglio di una sede promiscua in cui auto, moto e ciclisti si mischiano senza troppa disciplina. Sotto questo punta di vista, ci sentiamo di dire che la sicurezza aumenterà. Guardando però il provvedimento un pò più da lontano, sorgono due riflessioni: la prima è relativa al contesto. Si è istituito un tratto di corsia totalmente sconnesso da un ipotetico tracciato più ampio (che in realtà non esiste). Come scriveva qualcuno, una corsia mono direzionale è utile solo a metà se non si innesta in altri percorsi e se non concepita come un percorso quasi obbligato per attraversare una parte di città tramite una "bicipolitana" di superficie. Siamo ancora ben distanti dal concetto di "rete ciclabile" che consenta spostamenti "completi" da un punto di partenza A ad un punto di destinazione B. Si continua a procedere per interventi puntuali e sporadici. Non si vede la visione di insieme, l'obiettivo finale. La seconda riflessione è più "politica": questa stessa amministrazione, in continuità con il precedente quinquennio, continua a disattendere il piano della mobilità dolce da lei stessa diramato e che criticammo apertamente in questo articolo: in pompa magna si annunciarono interventi di vario genere per ampliare la "rete ciclabile" cittadina. Interventi manutentivi sulle "piste"(?) già esistenti (ci si riferisce ai mattoni rosa sui marciapiedi), nuove piste e corsie. Sulle preesistenti "piste"sul marciapiede destinate alle bici non registriamo UN SOLO intervento di razionalizzazione e ampliamento della sede ciclabile. Tutto è rimasto invariato, ovvero mattoni rosa posti su un marciapiede, per nulla protetti e/o segnalati opportunamente. Stesso discorso per le "nuove piste", se consideriamo una pista ciclabile quell'infrastruttura progettata e realizzata secondo dei canoni tecnici ed estetici ben precisi. Dunque rimane soltanto qualche nuova "corsia" e nulla più. Speriamo che con queste ulteriori riflessioni, ognuno di voi possa farsi un'idea ancora più chiara sulla situazione generale per valutare il singolo provvedimento. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 6
Articolo
13 lug 2017

CarSharing | Annunciati nuovi mezzi e free floating

di Fabio Nicolosi

Cinquantacinque auto in più nella flotta del car sharing di Palermo, gestione del servizio in aree extra comunali e free floating. L’auto condivisa entra nel vivo della mobilità sostenibile palermitana, con una serie di novità che puntano a migliorare e facilitare l’utilizzo del servizio, già arrivato a quasi 5mila abbonati, ed estenderlo in tutta la parte occidentale della Sicilia. Sono tante le novità presentate ieri mattina a Villa Niscemi dal sindaco di Palermo Leoluca Orlando, dall’assessore alla Mobilità Iolanda Riolo, dal presidente dell’Amat Antonio Gristina e dal direttore del servizio Mobilità sostenibile dell’Amat e presidente del consorzio nazionale gestori car sharing IO GUIDO Domenico Caminiti, che hanno disegnato la nuova strategia del servizio: mobilità intermodale con sistema ibrido tra il servizio di base e quello a flusso libero; nuovi servizi telematici ed integrazione tariffaria; incremento flotta con mezzi ecocompatibili. L’ambito del servizio riguarderà tre aree: vasta (extra comunali), metropolitana e urbana. “L’ampliamento della flotta Car Sharing di Amat - ha detto il sindaco Leoluca Orlando - è la conferma del continuo cambiamento di questa città e di come l'Amministrazione e le sue aziende siano da stimolo e a servizio del cambiamento. Fino a qualche anno fa il Car-sharing non era valorizzato e quindi era poco usato. La nostra scelta, sostenuta con grande passione e professionalità dalla dirigenza e dai vertici di Amat, ha fatto aumentare la richiesta, innescando un circolo virtuoso. Per questo voglio esprimere la mia soddisfazione per questo servizio, l’offerta più grande in Italia dopo Roma, per una mobilità sostenibile sempre più condivisa”. La flotta car sharing Alle 104 auto già in dotazione da oggi se ne aggiungono 55: 45 Fiat Punto (utilitaria), 5 Fiat Tipo SW (per le famiglie) e 5 Fiat Doblò (furgoni). Con questo innesto di nuovi mezzi, il car sharing di Palermo diventa la seconda flotta pubblica dopo Roma per consistenza operante in Italia, che comprende i segmenti city car, medie, monovolume a metano, elettriche e van. I parcheggi in città sono 85 (più di 300 stalli di sosta), dieci stalli presso l’aeroporto di Palermo Falcone Borsellino. Inoltre, quattro vetture Volkswagen Polo a metano sono state adattate, con comandi speciali non permanenti, per la guida dei soggetti con disabilità agli arti inferiori. Un progetto, unico in Europa, attivato grazie a un protocollo fra Comune di Palermo e Inail, che ha permesso anche l’applicazione di agevolazioni sul costo dell’abbonamento. Il successo del car sharing sta nei numeri: tra il 2015 e il 2016 la media mensile delle corse è aumentata del 41%, passando da 1.748 a 2.470. Anche per il numero delle prenotazioni (media mensile) si registrano aumenti considerevoli: +44%. In media crescono del 13% in un mese i chilometri percorsi e del 17% il totale delle ore di utilizzo. Gli abbonati al servizio aumentano di anno in anno. Ad oggi sono 4.800. Entro il 2020 la dotazione totale della flotta toccherà quota 555 auto. L’abbonamento annuale al servizio costa 25 euro, la tariffa oraria è di 2,40 euro l’ora e 0,54 euro a chilometro. Free Floating (flusso libero) E’ un tassello della nuova strategia del car sharing in area urbana. A partire dal prossimo ottobre la gestione del servizio in area comunale, oggi caratterizzata dal cosiddetto modello station based (prelievo e rilascio delle auto nei parcheggi, utilizzando la classica prenotazione tramite call center, app o web) sarà affiancato da un sistema a flusso libero che permetterà prelevare e rilasciare l’auto in un qualsiasi posto di un’area urbana di quasi cinque chilometri quadrati. La ricerca dell’auto libera avverrà attraverso un’applicazione per smartphone e pc, grazie alla geolocalizzazione. Una volta individuata l’auto più vicina, questa potrà essere noleggiata e rilasciata all’interno di una qualsiasi strada dell’area d’ambito compresa nel perimetro: via dei Quartieri, viale Strasburgo, viale Francia, via dei Nebrodi, via Aquileia, via Giovanni Zappalà, via Franz Listz, via Principe di Palagonia, via Malaspina, piazza Virgilio, via Brunetto Latini, via Houel, via Goethe, via Nicolò Turrisi, via Salesio Balsano, via Volturno, piazza Verdi, via Cavour, via Roma, piazza Don Sturzo, via Bertolino G. Puglisi, piazza Nascé, via Isidoro Carini, via Pasquale Calvi, via Generale Dalla Chiesa, via Marchese di Villabianca, via Marchese di Roccaforte, piazza Don Bosco, piazza Leoni, viale del Fante, via Antonio Cassarà, piazza Giovanni Paolo II, via Resuttana, via San Lorenzo, via Filippo Di Giovanni. Il sistema di flusso libero è indicato per gli spostamenti cosiddetti di ultimo miglio, ed è già presente a Milano, Roma, Firenze e Torino. Per questo servizio, l’Amat introdurrà progressivamente fino a ottanta veicoli elettrici di prossimità (Nev) Gestione del servizio in area vasta (extra comunale) Il progetto di espansione del servizio car sharing punta alla Sicilia occidentale, grazie a una serie di protocolli firmati dal Comune di Palermo. Il territorio è stato suddiviso in quattro province di riferimento: Palermo, Agrigento, Caltanissetta e Trapani. Sono state inoltre individuate cinque zone operative per il car sharing, il cui intervento di area vasta si innesta nella linea di finanziamento degli interventi di cui al Fondo mobilità sostenibile, con i quali il Comune di Palermo ha realizzato il potenziamento della flotta con auto a metano ed elettriche. Nell’ambito della rimodulazione del piano operativo di dettaglio (POD), le somme già approvate da utilizzate superano i 730mila euro. Il programma di espansione del parco auto prevede per quest’anno 120 mezzi per il sistema base, 50 free floating a Palermo, 30 in provincia, 15 a Trapani città, 20 nella provincia di Trapani, 10 ad Agrigento. Nel 2018 saranno coperte pure Caltanissetta e provincia e la provincia di Agrigento. Per arrivare a regime nel 2020: 350 auto a Palermo, di cui 100 per il free floating, 80 in provincia; 60 a Trapani e provincia; 25 Caltanissetta e provincia; 40 Agrigento e provincia. Customer satisfaction Dall’indagine condotta dall’Amat, per individuare il profilo dell’utente car sharing (campione: 700 interviste, il 15,5% degli abbonati) è emerso che per quasi l’80% il cliente tipico è uomo in un’età compresa tra i 30 e i 49 anni (42,2%). Nel 40% dei casi, l’auto condivisa è utilizzata per l’accesso libero nella Ztl, la sosta gratuita o riservata, mentre il 37,5% del campione usa il car sharing perché non ha l’automobile. La frequenza con cui viene utilizzato il car sharing risulta essere tutti i giorni o quasi (39,2%) e soltanto il 9% usa l’auto condivisa una volta al mese. L’orario ottimale è dalle 7 alle 15 (41,2%). Foto tratte dalla pagina Facebook CarSharing Palermo Ti potrebbe interessare anche: Acquista il tuo abbonamento CarSharing online su Mobilita Palermo e lo ricevi a casa! Carsharing elettrico, tram e bikesharing: ecco tutte le novità da AMAT Car sharing: presentate nuove autovetture per persone disabili Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
19 mag 2017

XXV anniversario della strage di Capaci tutte le strade interessate da manifestazioni, agevolazioni anche per l’utilizzo dei mezzi pubblici

di Mobilita Palermo

In occasione delle celebrazioni per il XXV anniversario della strage di Capaci, Palermo ospiterà diverse manifestazioni per ricordare le vittime di quella strage e dell'eccidio di via D'Amelio. L'Ufficio Mobilità Urbana ha emanato numerose ordinanze inerenti alla limitazione della circolazione veicolare e pedonale in varie vie e piazze cittadine e l'istituzione di divieti di sosta con rimozione coatta. Domenica 21 maggio, alle ore 9.00, partirà dallo Stadio Vito Schifani la "Corsa per la Memoria", una maratona competitiva di 10 chilometri, che seguirà il seguente percorso: Stadio Schifani (viale del Fante), Case Rocca, viale Ercole, piazza Leoni, via dell'Artigliere, piazza Vittorio Veneto, via della Libertà, via Gioacchino Di Marzo, via Francesco Lo Jacono, via Notarbartolo, via Marchese di Villabianca, via Giuseppe Alessi, via dell'Autonomia Siciliana, via Mariano D'Amelio, piazza Generale Cascino, via Isaac Rabin, via Martin Luther King, via della Favorita, viale Diana, viale Ercole, Case Rocca, viale del Fante e si concluderà allo stadio Vito Schifani. Dalle ore 8 e sino a cessate esigenze è disposta la chiusura al passaggio dei partecipanti, lungo l'itinerario. Dalle ore 7 alle ore 12 e, comunque, sino a cessate esigenze, è stata disposta l'istituzione del divieto di sosta con rimozione sui due lati della carreggiata per riservare alcune zone al ristoro dei partecipanti, nelle vie Francesco Lo Jacono (tratto compreso tra via G. Di Marzo e via Notarbartolo) e via Notarbartolo (tratto compreso tra via F.Lo Jacono e via Libertà) Alle 9.15, sempre dallo Stadio Vito Schifani, è previsto lo start de "La stracittadina per la memoria", corsa non competitiva di 5 chilometri. Il percorso: viale del Fante, viale Rocca, viale Ercole, viale Diana, viale Ercole, La Villetta, viale del Fante, Stadio Schifani. Le ordinanze relative alle gare podistiche sono la n. 612 del 28 aprile 2017 e la n. 662 del 10 maggio 2017. Martedì 23 maggio alle ore 9.00 avrà luogo, presso l'Aula Bunker, un convegno con la presenza prevista, tra gli altri, del Presidente della Repubblica, del Presidente del Senato, dei Ministri dell'Istruzione e dell'Interno. Contemporaneamente, saranno allestiti i "Villaggi della Legalità" all'esterno dell'Aula Bunker e a Piazza Magione. Nel pomeriggio, partiranno due cortei che si congiungeranno presso l'Albero Falcone. Il primo corteo partirà alle 15.45 da via D'Amelio e seguirà il seguente percorso: via D'Amelio, via Autonomia Siciliana, via G.Alessi, via Marchese di Villabianca, via Rutelli, via De Amicis, via Ugdulena, via Libertà, via Francesco Paolo Di Blasi, via Vittorio Alfieri, via Luigi Pirandello, via Pipitone Federico, via Leopardi, via Notarbartolo e arrivo presso l'Albero Falcone. Prevista la chiusura al transito veicolare al momento del passaggio del corteo al transito nelle vie sopra indicate dalle 15.30 e sino a cessate esigenze. Il secondo corteo partirà alle 16.30 dall'Aula Bunker del Carcere Ucciardone e seguirà il percorso: Aula Bunker, via Remo Sandron, via Duca della Verdura, via Notarbartolo, Albero Falcone. Alle 17.58, ora della strage, verrà osservato un minuto di silenzio. Ancora, divieto di sosta con rimozione coatta dalle 7 del 22 maggio alle 24 del 23 maggio, in piazza Magione, via Carlo Rao, via Gaetano Filangieri, via Carlo Botta, via Magione, via C.Pardi, via F.Evola, piazza Due Palme e via Torre di Gotto. Gli orari delle chiusure al transito e dell'operatività dei divieti di sosta con rimozione coatta sono riportati nell'Ordinanza Dirigenziale n. 599 del 27 aprile 2017, modificata ed integrata dalla O.D. n. 657 del 9 maggio 2017. Alle ore 19.00, presso la Chiesa di San Domenico, verrà celebrata una Santa Messa in memoria delle vittime. Dal 21 al 23 maggio, avrà luogo la manifestazione "Ricordando Giovanni Falcone 25 anni dopo". Per tale occasione è stata emessa un'ordinanza che prevede in via Alberto Verdinois (tratto compreso tra le vie Luigi Zacco e via Vincenzo Barone escluse) il divieto di sosta con rimozione coatta, ambo i lati, dalle ore 6 del 21 maggio alle 13 del 23 maggio; chiusura al transito veicolare dalle 8 del 21 maggio alle ore 13 del 23 maggio e, comunque, fino a conclusione della manifestazione. Infine, in sede di conferenza dei servizi - alla presenza di rappresentanti dell'Amministrazione comunale, della Rap, della Reset, dell'Ufficio Mobilità Urbana, della Polizia Municipale, dell'Amat e della Fondazione Falcone - è stata disposta l'agevolazione del biglietto unico giornaliero per i giorni 21 e 23 maggio 2017, che permetterà agli utenti di usufruire dei servizi pubblici (bus, tram e metro) per le intere giornate con la singola obliterazione di un biglietto del costo di € 1,40. Le ordinanze relative alle celebrazioni del XXV anniversario della Strage di Capaci, si possono consultare in formato PDF, sul sito istituzionale del Comune (www.comune.palermo.it), nella sezione "Atti di Governo/Delibere/Ordinanze" > "Determinazioni e Ordinanze Dirigenziali Ufficio Traffico": n. 599 del 27/04/2017; n. 612 del 28/04/2017; n. 657 del 09/05/2017; n. 662 del 10/05/2017; n. 671 dell' 11/05/2017; n. 682 del 12/05/2017; n. 683 del 12/05/2017; n. 688 del 16/05/2017. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
06 mag 2017

Nuova pista ciclabile in Viale Del Fante tra il bowling e il giardino Florio

di Fabio Nicolosi

Con la delibera dell'ufficio traffico n° 613 del 28 Aprile 2017 viene autorizzata la realizzazione da parte di Amat della pista ciclabile in Viale Del Fante. La pista verrà realizzata in tre tratti: Tra Viale Diana e Via Del Carabiniere Tra Via del Carabiniere al Giardino Florio Tra il Giardino Florio e fino al civico 27 Ancora una volta questo provvedimento è fortemente criticabile: Essendo monodirezionale, si consente il transito solo in direzione Mondello/Pallavicino, e per chi proviene da quelle zone? Semplice, posteggia la bici o rischia circolando in una corsia promiscua con le auto e i mezzi pubblici Ha un inizio e finisce in un'area morta. Che senso ha? E' una corsia fine a se stessa che ha un inizio e una fine senza avere una continuità, senza mettere in comunicazione un anello ciclabile. Si ostinano a chiamarle piste ciclabili, quando in realtà sono corsie, perché di fatto sono sulla stessa sede stradale separate solo da uno squallido cordolo. E' lecito sottolineare ancora una volta come queste "opere" siano fini a se stesse e siano poco utili alla collettività, specialmente se fatte con tale approssimazione e superficialità. Forse è troppo dispendioso prevedere la stessa corsia in sede propria, rialzata rispetto la sede stradale, con manto stradale di colore ben differente, con margini sufficienti anche per evitare di essere colpiti da qualche automobilista che scendendo dall'auto apre lo sportello? Si transita inoltre nello spazio antistante lo Stadio delle Palme, enorme parcheggio di podisti e gente che utilizza la struttura e il giardino adiacente, la corsia sarà fruibile? Vedremo, ma anche questa volta non possiamo che bocciare tale provvedimento. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 9
Articolo
13 feb 2017

AMAP | Martedì 14 Febbraio interruzione idrica nei pressi di Viale Lazio

di Mobilita Palermo

L’Amap informa che, per lavori connessi alla realizzazione della stazione ferroviaria di viale Lazio, angolo via Sicilia, interferente con la rete idrica, dalle ore 6,00 alle ore 20,00 di martedì 14/02/2017, verrà interrotta l’erogazione idrica a Palermo, nella zona delimitata tra via dei Cantieri, via Duca della Verdura, via Notarbartolo, via Umberto Giordano, viale delle Alpi, viale Lazio, via Imperatore Federico e via Pierto Bonanno. L’erogazione idrica sarà riattivata a fine intervento e si normalizzerà nelle 24 ore successive. Per qualsiasi informazione si potrà telefonare al numero 091 279111 (risponditore automatico o al numero verde 800-915333 / 800-050911 (esclusivamente da telefono fisso).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 gen 2017

AMAP | Interruzione idrica nella zona di Piazza Leoni

di Fabio Nicolosi

L’AMAP informa che, per lavori urgenti di riparazione alla tubazione, sita in via dell’Artigliere, angolo via Del Bersagliere, questa mattina è stata interrotta l’erogazione idrica a Palermo, nel circuito “piazza Leoni” che comprende il quadrilatero delimitato dalle seguenti vie: viale Del Fante, via dell’Artigliere, piazza Vittorio Veneto, via Libertà, piazza Don Bosco, piazza Leoni e zone limitrofe. La riparazione è in corso, ultimati i lavori, l’erogazione idrica, si normalizzerà nelle 12 ore successive. Per qualsiasi informazione si potrà telefonare al numero 091279111 (risponditore automatico) o al numero verde 800-915333 / 800-050911 (esclusivamente da telefono fisso).

Leggi tutto    Commenti 1